Home Auto Gli sconti sulle auto elettriche? Ci sono ci sono…

Gli sconti sulle auto elettriche? Ci sono ci sono…

0
CONDIVIDI
Oltre 10 mila auto vendute per la Zoe in Europa a giugno, più delle Toyota ibride.

Gli sconti sulle auto elettriche? Ci sono ci sono…Fino a un annetto fa i listini erano quasi intoccabili: i modelli erano pochi e poco venduti. Ma ora, con l’arrivo di una gamma molto più vasta, inizia la concorrenza vera. 

Gli sconti sulle auto elettriche nell’indagine di WHAT CAR?

Lo abbiamo sperimentato noi stessi con diversi modelli, visitando i concessionari come normali clienti. Chiedendo un preventivo per l’acquisto, abbiamo verificato che gli sconti ci sono (vedi i 6 mila euro sulla Opel Corsa-e). E ora la conferma arriva da un’indagine di Mistery Shopping svolta dal sito inglese WHATCAR?.

Gli sconti sulle auto elettriche
Un’immagine tratta da WHAT CAR?, con l’indagine sui prezzi veri delle elettriche.

Scoprendo che i tagli sui prezzi arrivano fino al 9% e sfiorano in media il 3%. In termini assoluti è accordato dall’Audi sulla sua e-tron, con uno sconto di 3.529 sterline su un prezzo di 83.760 (è il 4,2%). Con la Renault Zoe di terza generazione, l’elettrica più venduta nel Regno Unito, si sale al 7,9% di sconto, con 2.609 sterline di sconto su 32.870 di sconto. Ancora più generosa la nuova MG ZS EV (fabbricata in Cina), con 2.500 sterline di sconto su un prezzo di listino di 28.495 sterline.

Nel Regno Unito l’incentivo è di 3.500 sterline

Audi e-tron 50 Quattro
Anche l’Audi e-tron è venduta in Inghilterra con lo sconto: 3.529 sterline.

Naturalmente a queste cifre vanno aggiunte le 3.500 sterline di incentivo che il Governo inglese accorda a chi acquista un’auto a emissioni zero. Nei primi due mesi del 2020 nel Regno Unito si sono vendute 6.500 macchine elettriche, con una quota di mercato del 2,8% (in Italia siamo all’1,4%, con 4.473 veicoli). L’arrivo degli sconti sulle auto elettriche in Europa non è legato solo all’arrivo di una competizione sempre più serrata, ma anche alla necessità di immatricolare auto non inquinanti, per evitare le multe della UE. Una necessità, quest’ultima, che non interesserà alla Gran Bretagna post-Brexit.