Home Auto Geely Geometry A, alla conquista del mondo

Geely Geometry A, alla conquista del mondo

0
CONDIVIDI

La berlina “Geometry A” (“Jihe” significa “geometria” in cinese), sviluppata dalla casa di Hangzhou, è la prima global car del nuovo marchio “Geometry”, appena lanciato a Singapore da Geely New Energy (Tesla&Company sono avvisati…).

Design umanistico e premium

Che la Cina stia investendo fortemente nell’elettrico non è una novità. Lo conferma l’arrivo di questa sedan, pronta a tracciare il canone stilistico di Geely nell’era dell’elettrificazione. Superfici pulite e linee fluide si uniscono a elementi funzionali e dettagli geometrici, per dare alla vettura un senso di eleganza minimalista. La piacevolezza al tatto dei materiali interni e l’ampia scelta delle tinte della carrozzeria, (che include anche colori quali l’oro, l’argento, il bianco, il blu e il rosso), rafforzano l’anima premium del veicolo. Secondo i progettisti di Geometry, le macchine full electric si basano su valori quali “multi-dimensionalità, fluidità ed espressività“. Tutto ciò per rafforzare la relazione tra utenti e automobile, grazie a un “design umanistico“.

Disegnata dal vento: il Cx è di 0.2375

L’incontro tra ingegneria e stile ha donato alla vettura un coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0.2375, valore notevole, considerando le dimensioni complessive pari a 4736mm x 1804mm x 1503mm. Tale risultato è frutto di numerose soluzioni tecniche adottate nel progetto. I sottili fanali anteriori, integrati nel corpo vettura, si espandono nella fiancata come “lame” di luce. Il frontale raccolto e squadrato, privo di griglia, suggerisce l’assenza del motore a combustione sotto il cofano e la capacità di fendere l’aria della macchina. Inoltre, grazie alla pulizia delle superfici, spicca il logo “quantum silver shield“, simbolo della nuova estetica elettrica targata Geometry.

La fluidità della carrozzeria si riscontra anche nella vista laterale, grazie alla linea di cintura ben definita e regolare. Qui le maniglie sono nascoste nelle portiere, pronte a emergere in caso di avvicinamento dei passeggeri, accentuando la sensazione hi-tech e migliorando l’aerodinamica. Il tetto panoramico si integra nell’arco tracciato dal lunotto posteriore, donando un effetto visivo di continuità e aiutando a direzionare il flusso d’aria. L’alettone posteriore “a coda d’anatra”, insieme al profilo cromato che unisce i fanali, dona carattere alla parte terminale della macchina. Le prese per la ricarica sono situate nell’arco passaruota anteriore destro e posteriore sinistro. In modalità fast charge, il livello della batteria passa dal 30% all’80% in 30 minuti. Le ruote hanno cinque raggi ma sono parzialmente carenate per mantenere efficiente l’aerodinamica del veicolo in fase di movimento.

Dettagli raffinati e connettività

Sposando il concetto di purezza associato ai veicoli elettrici, anche l’ambiente interno impiega un’eleganza minimale. Essenziale sì, ma non banale: i pattern geometrici, sviluppati secondo formule matematiche, sono inseriti in punti non sospetti dell’abitacolo. Abbondano elementi sospesi e livelli che creano una sensazione multidimensionale. Sparisce il cruscotto, in favore di un pannello HD da 12,3″, inserito nella consolle centrale, ideale sistema di infotainment per soddisfare le esigenze dei passeggeri. Il bracciolo centrale, diviso in due parti, nasconde uno scompartimento che offre la ricarica wireless per dispositivi elettronici.

Al posto di bottoni analogici ci sono tasti digitali che si attivano al tatto, disegnando una griglia a nido d’ape.
Inoltre è presente un head-up display da 8″ che può proiettare informazioni come velocità, mappa di navigazione e indicatori di direzione sul parabrezza, cosicché il guidatore mantenga gli occhi sulla strada. L’atmosfera di classe è poi rimarcata dai tessuti eco-friendly. Idrorepellenti, traspiranti e antivegetativi. Oltre a garantire un elevato comfort termico, rispettano gli standard per la protezione ambientale UE OEKO-TEX Standard 100. Ciò rimarca l’impegno di Geometry a voler conquistare nuovi mercati.

Autonomia dichiarata da 410 a 500 km

L’azienda desidera vendere inizialmente questa nuova berlina nelle città di fascia 1 e 2 in Cina, per poi estendere la rete di commercializzazione globalmente (sono già 18000 le prenotazioni tra Singapore, Norvegia e Francia). Il target della casa, infatti, è rappresentato da “una nuova generazione di consumatori che richiedono la tecnologia, desiderano un design minimale ed elegante e si considerano all’avanguardia“. Le prestazioni dichiarate vedono una velocità massima di 150 km/h, fornita da un motore da 120 kW. Lo scatto da 0 a 100 km/h avviene in 8,8″. Due i livelli di autonomia disponibili: 410 km con la batteria agli ioni di litio CATL da 51.9 kWh, oppure 500 km con quella da 61.9 kWh.

Oltre ai sistemi tecnologici sopracitati, altre raffinatezze tecniche a bordo vedono il sistema di parcheggio automatico APA, l’impianto AQS per il controllo di qualità dell’aria, l’insieme SLIF per la funzione di controllo dei limiti di velocità e il sistema di ologrammi a 360°. L’intelligenza artificiale consente al veicolo di raggiungere il livello 2+ di guida autonoma. Il prezzo è di 210.000 RMB (pari a circa 27.500 €) per la versione standard e 250.000 RMB (circa 33.000 €) per l’ultra long range senza incentivi.  In caso di agevolazioni statali, invece, il prezzo dovrebbe scendere rispettivamente a 150.000 RMB (pari a circa 20.000 €) e a 170.000 RMB (circa 22.500 €).