Home Retrofit Ford scopre il retrofit: presto un motore elettrico in Kit

Ford scopre il retrofit: presto un motore elettrico in Kit

2
CONDIVIDI
ford retrofit
Ford si dà al retrofit. Ha annunciato infatti che produrrà un motore elettrico in kit, progettato per semplificare le conversioni di veicoli elettrici. Soprannominato Eluminator, sarà presentato all’annuale fiera SEMA di Las Vegas quest’ autunno.
 
La casa automobilistica non ha fornito dettagli, mostrando solo i rendering del motore. Il nome è un gioco di parole, derivato dal nome Aluminator che Ford ha usato per alcuni motori in kit V-8 termici in passato.

Man mano che le batterie e altri componenti EV diventano costantemente più economici e più capaci, le conversioni di veicoli a benzina, in particolare i vecchi modelli più amati, stanno diventando sempre più attraenti.

Ford con Eluminator potrebbe rivolgersi ai costruttori di veicoli elettrici con un forte senso di fedeltà per il marchio dell’Ovale Blu. I costumizzatori, per  esempio, hanno utilizzato a lungo gli attuali motori a benzina in kit di Ford per quipaggiare i loro progetti di derivazione Mustang o Deuce Coupé, tutti Ford.

Ora anche in America si sta sviluppando un mercato per la conversione elettrica dei modelli più iconici. Sicuramente un kit prodotto direttamente dalla Ford per il retrofit potrebbe contrubuire a semplifacare la conversione, abbattere i costi e garantire l’affidabilità del progetto.Un paio di aziende aftermarket vendono già motori elettrici in Kit. C’è il motore in stile V8 della californiana Electric GT poi  installato su un Toyota Land Cruiser vintage. Inoltre quello per Tesla di EV West. Nel 2020, Chevrolet ha presentato un motore elettrico aftermarket che sarebbe stato disponibile per i clienti nella seconda metà del 2021, ma non si è ancora visto.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

Apri commenti

2 COMMENTI

  1. Bella idea l’unico vantaggio è avere il nullaosta da parte della casa madre, perché comunque è fattibile, il problema di fondo non è il motore ma tutto il contorno, e ad oggi il costo maggiore sono le batterie.
    Altro dato costi per il retrofit non sono abbordabili e ad oggi uno intraprendere la strada solo se l’auto ha un valore storico o un valore commerciale al origine alto e carrozzeria e meccanica apposto, se no non vale l’investimento.

  2. Se Ford diventasse il primo grande costruttore a promuovere il proprio marchio attraverso il Retrofit?

    Questo ci riccorda quanto sono stati inovativi nella storia del automobile

    Non possiamo dimenticare che henry Ford ha non solo gettato le basi della produzione di massa con la Ford T ma ha snche rivoluzionato le motorizazioni smericane lanciando il primo v8 monoblocco di produzione di massa della storia ( flathead) che ha perdurato per quasi mezzo secolo

    Il retrofit e una scorciatoia fenomenale per Ford per buttarsi dentro la mischia della transizione energetica attacando frontalmente i due mercati inscindibili del usato ( elettrico di origine + retrofit elettrico) e del nuovi prodotti e cosi guadagnando un tempo preziosissimo

    Mentre la progettazione di una piattaforma e uno sforzo neccessario ma immane e lungo tenuto conto del gap tecnologico industriale da colmare il retrofit e un mercato di sola componentistica e un software di base

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome