Home Alla ricarica FCA e Enel X insieme al grido “Avanti Italia”

FCA e Enel X insieme al grido “Avanti Italia”

0
CONDIVIDI
La Fiat Centoventi concept è il simbolo del futuro elettrico di FCA.

Enel X e FCA si alleano per offrire “soluzioni di ricarica intelligenti agli stabilimenti, uffici e centri di R&D di FCA, con l’installazione di 700 stazioni in Italia nei prossimi due anni”. Segno che con la nuova 500e la Fiat fa sul serio.

Colonnine per clienti, fabbriche e concessionari

L’accordo riguarda i concessionari di FCA- Fiat Chrysler in Italia, Spagna e Portogallo, comprese aree di parcheggio, test-drive e di servizio. Ma nell’annuncio ufficiale soprattutto si specifica che a partire dal 2020, i clienti di FCA in questi tre paesi avranno la possibilità di installare le stazioni di ricarica JuiceBox di Enel X. Evidentemente a condizioni particolari, insieme a una serie di servizi e soluzioni di ricarica. 

Il 2020 l’Anno Zero dell’elettrico in Italia

Venturini
Francesco Venturini di Enel X

Al di là dei toni burocratici della comunicazione ufficiale, il numero uno di Enel X, Francesco Venturini, ha salutato l’accordo su Linkedin con un significativo: “Avanti Italia“. In passato il manager era stato piuttosto critico sul ritardo di Fiat nel salire sul treno dell’elettrico. Ma ora, evidentemente, il grande freddo è passato. E l’arrivo della nuova versione elettrica di un modello popolare come il Cinquino è l’occasione per far fare alle auto a emissioni zero il gran salto anche in Italia. A partire dall’Anno Zero, il 2020. Le due aziende vogliono  “progettare e collaudare nuovi servizi e prodotti di e-mobility“. Sfruttando i punti di ricarica di Enel X presso gli stabilimenti FCA e la sua piattaforma di gestione di e-mobility.

500 elettrica
La nuova 500 elettrica durante i test invernali in Svezia

Prevista anche la formazione

Ovviamente il gruppo automobilistico non guarda solo alle necessità delle elettriche pure, ma anche delle ibride plug-in. La prima ad essere lanciata in questa versione nei prossimi mesi sarà la Jeep Renegade, prodotta a Melfi. “Collaborazioni come questa, che uniscono il settore delle utility elettriche e i produttori di auto, sono di enorme importanza per promuovere la mobilità elettrica, un fattore chiave nella transizione energetica,” ha commentato Venturini. Enel X e FCA forniranno anche programmi di formazione sulla mobilità elettrica al personale di vendita e ad altri operatori presso i concessionari FCA. L’impreparazione dei venditori è uno dei tasti dolenti con cui si stanno confrontando un po’ tutti i produttori di auto a batterie. E questo potrebbe essere uno dei fattori-chiave nella strategia di lancio della 500e: avere una forza-vendita che capisca e creda nel prodotto.

Engie.
Una wall-box di Engie.

Con Engie nel resto d’Europa

Ma quello firmato con Enel X non è l’unico accordo di FCA con un fornitore di energia. Nei giorni scorsi è stata siglata un’intesa anche con Engie, che fornirà i suoi servizi di ricarica in altri 14 paesi. Ovvero: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Olanda, Polonia, Slovacchia, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Anche qui l’accordo riguarda la fornitura di colonnine sia ai concessionari (circa 2.800) sia ai clienti di FCA attraverso due società. Ovvero Engie Eps (Electro Power Systems), che si occupa di sistemi di stoccaggio. Ed EVBox, produttore di sistemi di ricarica. FCA e Engie hanno fatto sapere che collaborano già da tre anni. Engie è un colosso dell’energia francese nato nel 2008 dalla fusione tra Gaz de France e Suez.