Home Auto Fca con Foxconn: futuro cinese per Centoventi & C.?

Fca con Foxconn: futuro cinese per Centoventi & C.?

1
CONDIVIDI
La Centoventi, nella nuova era della fusione FCA-PSA, s'ha da fare.

In attesa di formalizzare le nozze con Psa, Fca si allea con un colosso dell’elettronica cinese Foxconn. Obiettivo, affrontare la sfida dell’auto elettrica. Il  gruppo Foxonn, con sede a Taiwan, è noto soprattutto per essere l’assemblatore degli Iphone di Apple.

 

Trattative avviate per una joint venture

John Elkan, presidente Fca

Le trattative di Fca con Foxconn sono state confermate da Torino con un comunicato. Fca ha ammesso ieri di «avere in corso discussioni con Hon Hai Precision (Foxconn) per la costituzione di una joint venture paritetica per lo sviluppo e produzione in Cina di veicoli elettrici di nuova generazione e l’ingresso nel business IoV (Internet of Vehicles)». Nella nota  si precisa che Fca con Foxconn «sono in procinto di firmare un accordo preliminare che disciplinerà le ulteriori discussioni intese al raggiungimento di un accordo vincolante e definitivo nei prossimi mesi. Non vi è tuttavia garanzia del fatto che tale accordo sarà raggiunto o lo sarà entro tale termine».

Fca punta alla Cina e alle tecnologie IoV

La collaborazione proposta, inizialmente focalizzata sul mercato cinese – spiega Fca – consentirebbe alle parti di unire le capacità di due affermati leader mondiali nell’ambito della progettazione automobilistica, dell’ingegneria, della produzione e della tecnologia mobile software, per concentrarsi sul crescente mercato dei veicoli elettrici a batteria.

Nella joint venture Fca deterrà una quota del 50%, mentre il gruppo Hon Hai Precision possiederà in modo diretto il 40% di questa. La restante parte sarà posseduta sempre dal gruppo taiwanese tramite società controllate.

Nella joint venture di Fca con Foxconn saranno principalmente due controllate del gruppo: Fit Hon Teng, che fa componenti per auto, e Fih Mobile, che si occupa dell’assemblaggio di smartphone Android e che fornirà soluzioni software per le auto elettriche.

Foxconn cerca alternative alla crisi smartphone

Hon Hai Precision è il più grande produttore cinese di componenti elettrici ed elettronici. L’azienda ha numerose sedi nel mondo e in Cina. Conta milioni di dipendenti e fattura 19 trilioni di dollari taiwanesi all’anno.

Ultimamente è alle prese con un mercato degli smartphone sempre più saturo e una concorrenza sempre più aggressiva, il che ha prodotto nell’ultimo esercizio un calo dell’utile a 1.290 miliardi di dollari di Taiwan  (-7%). Grazie alla Joint venture con Fca,  Hon Hai prova a diversificare il suo business, allargando gli orizzonti commerciali.

Anche a seguito del calo degli utili Terry Gou, fondatore della multinazionale, si è dimesso motivando la decisione con la volontà di spianare la strada ai talenti più giovani.

1 COMMENTO

  1. Gira il mondo, gira.

    E gira sulle nostre strade Elettra 500.

    A guardarla bene questa Fiat 500 Elettrica non ha le dimensioni della precedente Americana, né delle consorelle fumatrici, è più muscolosa, larga e sembra più lunga di interasse, quindi dispone di una piattaforma appositamente dedicata, realizzata per accogliere le future varianti elettriche delle vetture del Lingotto.

    È logico chiedersi: anche per la Centoventi?

    La produzione, come già sappiamo, sarà avviata a Mirafiori.

    Ma il popolo sovrano aspetta sempre Lei, la Centoventi.

    Il dilemma tecnico, dopo il merger con PSA, sono ora le piattaforme.

    La Centoventi avrà la piattaforma dell’Elettra 500 o quelle “adattate” a motore elettrico anteriore eCMP (Common Modular Platform) di e-208 e di Corsa-e, rinunciando alla valida idea delle batterie modulari Add-a-Pack sistem?

    L’Elettra 500 che gira per il Piemonte, è una purissima elettrica con piattaforma a batterie modulari Add-a-Pack sistem, quella della Centoventi per intenderci?

    Perché se così fosse, a Ginevra potrebbe arrivare una doppia sorpresa, alla faccia del merger PSA.

    Se non rinunceranno alle ottime idee della Centoventi, allora ben venga la contrapposizione cinese alla premium world car Model 3 di Musk: la popolar world car Centoventi per tutto il popolo cinese ed europeo. Prodotta in Cina riconvertendo gli impianti produttivi di Foxconn e naturalmente a Mirafiori.

    In Italia abbiamo ancora molta voglia di lavorare.

Comments are closed.