Home Moto & Scooter Extravega veste la Zero di design

Extravega veste la Zero di design

0
CONDIVIDI

Il mondo del design e dell’arredamento si sposano con le due ruote dando vita a una moto elettrica unica, presentata al FuoriSalone2018 di Milano. Si chiama Extravega E-Weel ed è un’elaborazione sulla base di una Zero DS ZF14,4.

EXTRAVEGA è stata sviluppata come un’idea, un concetto, curata e personalizzata da WHAT BIKE ARE YOU , una nuova realtà nel variegato mondo delle elaborazioni di motociclette made in Italy e con la preziosa collaborazione del designer/architetto milanese Fabio Rotella . Per la prima volta su una motocicletta sono stati usati materiali pregiati solitamente impiegati in architettura, arredamento ed oggetti di design. Materiali preziosi, studiati per resistere alle intemperie. Un pezzo unico!

«Nella mia vita ho sempre avuto una moto fin dall’età di 14 anni, dal motorino a moto da competizione, una passione mai sopita, emozione unica, libertà, esplorazione; queste sensazioni di puro benessere sono state studiate dai ricercatori dell’Università di Tokyo che hanno concluso: andare in moto è un ottimo esercizio per il cervello e fa bene» dice Fabio Rotella.

E-Wheel è un esempio di interpretazione di un prodotto contemporaneo evoluto. Il serbatoio e la sella sono realizzate in pelle capitonnè grazie agli artigiani dell’azienda RoyaLeather, materiali lavorati per durare e resistere all’esterno. Tra le parti realizzate intervengono anche finiture in ferro corten come le carene laterali, il codino ed il puntale ad opera di Extravega Architectural Fabrications. Una griglia stirata fornita da Metalltech, materiale solitamente usato in architettura, copre il reparto batteria; le placche tonde in acciaio satinato, realizzate da A.M. SteelSolutions, ospitano i loghi degli ideatori dell’opera; gli accessori come specchietti retrovisori, manopole, leve, sono state disegnate e realizzate ad hoc per questo progetto futuristico e fornite dalla società Barracuda Moto.

Aziende artigiane italiane coinvolte nel progetto coordinate da What Bike Are You che l’ha realizzato sulla moto Zero fornita da HP Motorrad. Un esempio di customizzazione di altissimo profilo.