Home Auto Europa elettrica: VW in testa, 500e terza

Europa elettrica: VW in testa, 500e terza

14
CONDIVIDI
La Volkswagen ID.4, l'elettrica più venduta in Europa in ottobre.

Europa elettrica: la Volkswagen conquista i primi due posti nelle vendite di ottobre, con ID.4 e ID.3. Bene la Fiat 500e, che si piazza al terzo posto.

europa elettrica
Le 10 EV più vendute in ottobre in Europa. Fonte: Jato.

Europa elettrica: oltre il milione di EV vendute in 10 mesi, nonostante l’Italia…

Siamo già oltre il milione di elettriche immatricolate nel 2022: dopo 10 mesi il totale in Europa è di 1.103.055 unità. Il mese scorso, le vendite di veicoli con la spina (comprese le ibride plug-in) hanno rappresentato il 23% del volume totale. In particolare le immatricolazioni di elettriche pure sono arrivate a 119.600 unità, in aumento del 15%, mentre le plug-in sono state pari a 88.200 unità (+13%). I numeri ci dicono che l’Italia è l’unico mercato in controtendenza, in cui le vendite di EV sono in netto calo e trovano meno clienti delle plug-in. Finalmente con ottobre arriva un segnale positivo per Volkswagen: il marchio tedesco conquista il 12,7% del mercato EV, quota che arriva al 25% con gli altri brand del gruppo. Segue Renault, grazie al successo della Megane E-Tech che compensa il calo della Zoe. Molto bene anche BMW, cresciuta del 111%, grazie al successo di i4 e iX, che portano il marchio di Monaco a una quota del 7,1%.

europa elettrica
Le vendite di ottobre: a sinistra la classifica assoluta (tutte le motorizzazioni), a destra le ibride plug-in. (Fonte: Jato).

Tra le ibride plug-in sempre in testa la Kuga

Anche nella classifica per modelli elettrici domina Volkswagen. Approfittando del fatto che Tesla concentra le consegne nelle ultime settimane del trimestre (novembre-dicembre). La ID.4 supera le 6 mila consegne nel mese, seguita dalla ID.3 con 5.409. L’impressione è che il marchio tedesco stia finalmente superando i problemi in produzione che avevano allungato a dismisura i tempi di consegna. La 500e mantiene un solido terzo posto con 5.168 auto consegnate, compensando con le vendite in Germania la debolezza del mercato domestico. Nella top ten colpiscono gli exploit della citata Megane e soprattutto della Polestar 2, che conquista un ottimo 7° posto con 3.760 auto consegnate. Bene anche la Mokka-e, che vince ancora il derby in casa Opel con la Corsa-e. Tra le plug-in, infine, stravince ancora la Ford Kuga, l’unica ad avvicinare le 5 mila consegne in un mese, arrivando a quota 4.467.

  • Volkswagen ID.4: guarda il video-test di Paolo Mariano

–  Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico

Apri commenti

14 COMMENTI

  1. Id 3 id 4 mg green ncap green washing etc.. Considerando che in Norvegia sarà introdotta anche una tassazione sul peso per le EV e cancellati gli incentivi, rimango basito, e mi tengo il mio Sofim usato!

  2. Per quanto riguarda la MG4, citata in vari commenti e assente dalla classifica delle EV più vendute, purtroppo non è pronta consegna, non in Italia (e nemmeno in Inghilterra nonostante l’origine del marchio).
    Tutti i modelli elettrici MG (soprattutto la ZS, ma anche la 4) hanno notevoli difficoltà di approvvigionamento. In Inghilterra hanno al massimo 4 mesi di attesa dal momento dell’ordine, ma qualcuno ha disdetto l’ordinazione perché sta aspettando da quasi un anno. In Italia la MG4 è ordinabile da meno tempo e purtoppo i concessionari prudenzialmente danno un tempo di attesa di 6 mesi.

  3. A Diess dovrebbero almeno le scuse. Il mercato delle elettriche vale il 20% del mercato, è in crescita e loro sono sul podio. Tutto merito suo.

  4. C’è un dato che secondo me, salvo fraintendimenti, può risultare molto interessante da capire.
    E cioè le vendite della Peugeot 208.
    Analizando i numeri per il mese di ottobre, abbiamo un totale di poco più di 17.000 pezzi, DI CUI circa 4850 a scossa.
    Fatta una rapida divisione, salta fuori che per quanto riguarda questo specifico modello, ogni 3,5 vetture a pistoni ce ne è una elettrica. Siamo attorno al 30% ( più precisamente 28.5%).

    Che vuol dire? non lo so. decidete voi.
    Per onestà intellettuale bisogna ricordare che le vetture BEV del segmento B ad oggi SULLA CARTA sono decisamente svantaggiate in termini di prezzo di acquisto e di conseguenza di TCO rispetto alla stessa vettura a benzina.
    Così si è sempre detto.

    Evidentemente altrove gli incentivi funzionano meglio, o la politica commerciale di Peugeot vai a sapere dove funziona meglio, o scattano altri meccanismi che ignoro su cui vi invito a commentare liberamente.

    Sta di fatto che il dato oggettivo che vi sottopongo (e che non ho capacità di analizzare a dovere) è che il 30% di sta benedetta Pegiòtta segmento B è elettrico.

    A voi la palla

    P.S.
    La Kuga è’ la migliore plugin del mondo, e chi dice il contrario è un Diesel aspirato Euro zero. 😛

    • C’è un motivo Alessandro. La 208 elettrica è particolarmente conveniente perché ha portato l’autonomia a 400 km nel ciclo WLTP senza aumentare il prezzo. Inoltre ha un’estetica conosciuta e apprezzata. In pratica tra la versione benzina/diesel e quella elettrica ballano poco più di 10000 euro di differenza applicando i 3000 euro di eurobonus.

      Alla fine costa come una Fiat 500e ma ha un’abitabilità vera, 5 porte e un’autonomia importante, di 400km, grazie anche ad una batteria da 50 kW (che non è quella di 28 o 42 della 500e). Ed esteticamente è appagante per l’utente europeo. Non capisco perché gli europei la preferiscano alla MG4, ma va da sé che MG è un brand che non tutti ancora conoscono …

      • -In pratica tra la versione benzina/diesel e quella elettrica ballano poco più di 10000 euro di differenza applicando i 3000 euro di eurobonus.-

        Se poi i calcoli che mi pare che in Francia di euro te ne diano 6000 di Ecobonus… sempre salvo errori…

  5. Sono andato sabato a girare un po’ di concessionari per vari preventivi. Al concessionario VW mi hanno detto chiaramente che la produzione di id3 e id4 si è fermata, non stanno consegnando niente di nuovo, oltretutto il poco che hanno in pronta consegna è venduto a prezzi folli con obbligo di finanziamento con un taeg quasi al 10%. E’ possibile che in italia ci sia una politica di consegne molto diversa dal resto d’Europa con questo tipo di disincentivi? Ne sapete niente?

    • E’ il destino dei mercati più piccoli, che le case auto considerano “marginali”: vengono riforniti con quel che resta…

    • Non mi risulta che per legge ti possano obbligare a fare un finanziamento. Ora siamo arrivati all’assurdo che se pure uno i soldi li ha deve per forza indebitarsi.

      • Per legge, no di sicuro, nei fatti sì: il prezzo senza finanziamento è più alto di 1000/1500€.
        Provato dopo un giro di concessionari (Hyundai, Kia, Totyota e altri multimarca).
        Il prezzo che ti viene detto è “con finanziamento”, diversamente viene aumentato della cifra che ho indicato, cioè ti fanno il prezzo di listino pieno con tempi di consegna imprecisati. Sono finiti i tempi in cui il prezzo di listino era pura teoria: ora è la norma, con un finto sconto se fai il finanziamento (finto perchè glielo paghi eccome sotto forma di interessi e di assicurazione obbligatoria “vessatoria”)

    • E tu vai a vedere una MG4 da 450 km di autonomia e prezzo di listino di 33000 a cui vanno applicati gli ecoincentivi. Risparmi ed è in pronta consegna (o comunque pochi mesi), 7 anni di garanzia su tutto (auto e batteria) ed è un modello migliore della ID.3 su ogni aspetto. Il gruppo SAIC in Europa per vendite ormai ha già raggiunto BMW e Mercedes e l’anno prossimo prevedo un sorpasso …

      • Ah é la prima che sono andato a vedere e provare. Devo dire che mi é piaciuta molto ed effettivamente l’impressione sulla id3 é di un’auto nata vecchia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome