Home Due ruote Eurobike 2022: aziende italiane alla ribalta

Eurobike 2022: aziende italiane alla ribalta

0
CONDIVIDI

Eurobike 2022, aziende italiane alla ribalta nell’anno della ripartenza. Sono tante e fanno di tutto: e-bike certo, ma anche componenti, pneumatici e pure pantaloncini top

Un motore connesso e “aperto”

Trackting e OLI eBike System hanno sviluppato le nuove drive units connesse al cloud. Che si trasformano in piattaforme aperte che permettono ai produttori di e-bike di realizzare la propria app e offrire servizi a valore aggiunto..

Possiamo paragonare questa rivoluzione a quanto accaduto nella telefonia, con l’avvento dei primi smartphone e delle App, che qualsiasi brand poteva sviluppare per offrire all’utente i propri servizi”spiega Claudio Carnevali, CEO di Trackting.

Carnevali e Ilari in posa con la “creatura” OLI

A differenza di tutti gli altri player del settore, che propongono i loro servizi ‘a scatola chiusa’, noi siamo voluti andare controcorrente, aprendoci al mercato“, aggiunge  Matteo Ilari, CEO di OLI. Trackting consente al motore di connettersi al cloud per far comunicare l’e-bike con il suo proprietario. A ciò si aggiunge la possibilità di integrare anche la funzione antifurto GPS con tracciamento in tempo reale e chiamata telefonica di allarme, grazie ad una tecnologia proprietaria d’avanguardia.

Eurobike 2022, aziende italiane: Thok

C’è uno dei nostri fiori all’occhiello come abbiamo anticipato qualche giorno fa. Thok presenta la nuova MIG HT-R in anteprima mondiale alla rassegna di Eurobike 2022. Nel centro fiere di Francoforte l’azienda fondata da Stefano Migliorini è presente al padiglione 12, stand C02. Ovviamente la nuova Mig sarà insieme al resto della gamma da All Mountain ed Enduro di THOK E-Bikes. Oltre al kit Dream di cui ci siamo occupati a marzo e che sta avendo un buon successo.

Thok porta tutte le sue novità alla fiera di Francoforte

La MIG HT-R è una e-hardtail d’eccellenza che ha il suo punto di forza nella versatilità. La HT-R, come tutti i modelli “R” di THOK, monta la componentistica più performante della gamma. Dal cambio Sram NX a 11 velocità, impianto frenante Sram Guide T a 4 pistoni, pneumatici Maxxis Dissector 29”x 2.6 e tubo sella telescopico.

Anche MV Agusta a Francoforte

Non poteva mancare una delle più innovative e “aggressive” aziende italiane di e-mtb e non solo. Mv Agusta, iconico marchio con sede a Schiranna. La trovate al padiglione 8 stand 125. In particolare occhio alle due nuove e-bike che si “vestono” da vecchia Dakar. Si tratta di E-Enduro e E-Ghiaia. Il progetto Enduro rappresenta la sintesi di un instancabile lavoro di progettazione e sviluppo con la visione di creare un Enduro unico in grado di offrire un’esperienza di guida mozzafiato, comandi user-friendly, prestazioni e fascino di prim’ordine.

E-Enduro by MV Agusta

Bici  in carbonio da 13 kg e poco più, con trasmissione Sram e motore e batterie Bosch. Il progetto Lucky Explorer si annuncia davvero interessante.

E-Ghiaia la gravel

Il Lucky Explorer Project rappresenta il carattere ultimo di MV Agusta per esprimere i propri sentimenti, rinnovando profondamente la passione, le emozioni, i valori, lo stile, i gesti di uomini e moto che hanno fatto la storia delle corse nel deserto e fuoristrada.

Bad Bike in corsa per Innovation Prize

Non va poi dimenticato che la napoletana Bad Bike è in corsa per un premio prestigioso a Eurobike. Noi di Vaielettrico la seguiamo da anni e non ci stupisce che sia arrivato questo traguardo. New Bad è nella terna finalista del prestigioso Eurobike Innovators Prize, il concorso che nell’ambito della fiera internazionale di Francoforte premia le biciclette più innovative del mondo.

Bad bike nel terzetto finale dell’Innovation prize

New Bad è stata tra le preferite degli appassionati, che l’hanno votata sul sito di Eurobike nella sezione “bike”, una delle cinque sezioni previste dal premio. I criteri presi in considerazione saranno il grado di innovazione, l’applicabilità e il miglioramento rispetto agli approcci e ai prodotti esistenti, il potenziale di mercato, l’impatto social e il contributo a un futuro sostenibile.

Pirelli mette in mostra Angel

Non c’è e-bike senza una buona gomma e Pirelli lo sa ormai da diversi anni. In occasione di  Eurobike 2022 presenta ANGEL URBAN, la nuova linea di gomme per bici ed e-bike, per gli spostamenti metropolitani ed extra-urbani. Pirelli Angel Urban è dedicata alla e-mobility e porta nel ciclismo la grande esperienza Pirelli nel mondo dei pneumatici per le due ruote a motore, in particolare per moto e scooter.

modello Angel Dt

modello Angel Gt

 

Tre i modelli in gamma. Angel GT Urban è dedicato a quel ciclista urbano che ricerca maneggevolezza, grip e velocità. Il battistrada deriva dal disegno brevettato Pirelli del celebre pneumatico moto Angel GT. Offre dinamicità e reattività anche in condizioni di bagnato e grande resistenza alle forature.

Angel DT Urban si orienta verso il puro ciclista metropolitano. Con un battistrada lamellato dalle caratteristiche all season, derivato dall’Angel Scooter. Angel XT Urban, infine, nasce per esplorare i confini della città, on- ma anche off-road. Vera gomma polivalente, presenta un battistrada ereditato dal pneumatico moto Pirelli MT60 RS: offre maneggevolezza su strada, comfort e grip, nonché grande trazione in condizioni di sterrato leggero o ghiaia.

modello Angel Xt, tutti hanno l’anti foratura

La struttura del battistrada è formata da due diversi strati: un compound superficiale (PROcompound Urban) e uno strato di rinforzo, denominato HyperBELT, con spessore medio di 5 mm, per un’ottima resistenza alle forature. La protezione, oltre a costituire una barriera fisica grazie ai notevoli spessori, ha una formulazione studiata per inglobare gli oggetti acuminati.

Non dimenticate i pantaloncini

Eurobike 2022, aziende italiane alla ribalta. Certo, ma non solo di mezzi parliamo. Elastic Interface, italiana leader globale nella produzione di fondelli per pantaloncini da ciclismo, è presente a EUROBIKE 2022 (hall 11.1, stand B02). L’azienda che ne fa capo e cioè CYTECH ha modificato il proprio statuto ed è diventata società benefit. Essere società benefit significa agire con l’obiettivo non solo di perseguire degli utili, ma avere anche finalità che guardino al beneficio comune. Una società benefit opera in modo responsabile, trasparente e sostenibile, e con un impatto che dovrebbe essere, per quanto più possibile, positivo.

la sostenibilità parte dall’abbigliamento che scegliamo

Le aree di azione individuate da Cytech, per generare un impatto di beneficio comune, sono tre: tutela dell’ambiente, valorizzazione delle risorse umane e promozione dello sport come stile di vita sano e di inclusione sociale. Tutto questo si può fare anche con un fondello per i pantaloncini da  indossare ogni volta che si prende la propria e-bike.

— Iscriviti gratuitamente alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it  —

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome