Home Aziende Estrima fa shopping, nasce un gruppo attorno a Birò

Estrima fa shopping, nasce un gruppo attorno a Birò

2
CONDIVIDI
birò borsa

Estrima Spa ha acquisito Brieda&C, società di progettazione e produzione di cabine per macchinari per i settori agricultural, construction, maintenance e mobility,  Sharbie (servizi per la gestione dell’auto di cortesia e della movimentazione e noleggio professionale di veicoli con il marchio autonostop.it) e, indirettamente, la prima piattaforma di veicoli in condivisione che unisce pooling, sharing e renting Upooling.

«Da oggi Estrima diventa un gruppo, integrando al suo interno la propria capacità produttiva con Brieda e proiettandosi verso il mercato dei servizi di mobilità con Sharbie e UPooling» ha commentato Matteo Maestri Presidente di Estrima.

Estrima è nota per il Birò, il più piccolo veicolo elettrico a 4 ruote per il trasporto coperto di due persone presente sul mercato nazionale. Il progetto Birò ha origine dalla visione di Maestri, fondatore del marchio.  Terza generazione di una famiglia friulana conosciuta per la produzione di cabine per macchine per movimento terra, Matteo entra nel business di famiglia fondando Estrima. Il nome deriva dall’anagramma del suo cognome.

estrima
Il Birò è disponibile in due versioni: una con velocità massima di 45 km/h, una da 60 km/h.

Nel 2020 Maestri è stato affiancato da due nuovi soci che apportano esperienza manageriale e imprenditoriale: Ludovico Maggiore, con un background nel mondo dei servizi dedicati alla mobilità e del noleggio di veicoli e da Ermes Fornasier, con esperienza nel settore dell’automotive.

Sharbie, Brieda e UPooling nella squadra Estrima

Grazie all’acquisizione annunciata ieri, Estrima avrà il pieno controllo della capacità produttiva di Brieda, dei suoi impianti di produzione e delle competenze di alto livello prsenti nel suo organico.

Attraverso Sharbie, invece, Estrima potenzierà i sistemi operativi e i servizi integrati per la gestione delle automobili sostitutive “di cortesia” e il noleggio. Sharbie studierà soluzioni su misura per le diverse esigenze degli operatori auto e, più in generale, delle aziende che hanno necessità di movimentare veicoli.

Infine, tramite UPooling, potenzierà l’offerta nell’ambito del car sharing grazie a un utilizzo sempre più integrato della app di Birò Share.

Estrima Birò, questi i prezzi

 

Birò è equiparabile a uno scooter di cilindrata 50cc con una velocità massima di 45km/h e 125 cc con velocità massima di 60km/h. Può essere guidato da persone con età superiore ai 14 anni e che abbiano il patentino.

Nel 2013, Estrima ha introdotto Re-Move, il sistema che consente di rimuovere la batteria e trasportarla con un trolley per poterla ricaricare ovunque. Quest’anno si prevedono grandi novità per lo sviluppo del progetto.

Questi i prezzi di listino dei vari modelli: Summer 5.990 euro +IVA, Winter 7.790 euro +IVA, Big 9.490 euro + IVA. Box 9.990 + IVA.

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

Apri commenti

2 COMMENTI

  1. In un qualsiasi altro paese la cosa sarebbe logica e fattibile. In Italia la classe politica ha ben altri pensieri che l’economia o l’occupazione. Il governo comunque più che lanciare un’azienda dovrebbe incentivarne la nascita (le aziende statali nella storia dell’Italia hanno solo fagocitato denaro in cambio di prodotti fuori mercato), ma al momento, se io dovessi aprire un’azienda, l’Italia é l’ultimo paese che prenderei in considerazione. Non solo per via della tassazione, ma anche per tutta una serie di altre problematiche accessorie.
    Tanto di cappello comunque a chi investe in questo paese, sua chiaro.

    Non male come idea il quadriciclo con batteria estraibile (come Silence S04) e buono che non ci sia la sola versione leggera, ma sia prevista anche una versione da 60 km/h.
    Il problema, a mio avviso sono design (fa troppo mobility scooter per anziani) e prezzo, un pó troppo alto.
    Speriamo che si sviluppi comunque.

  2. Perché il governo ,a causa della chiusura di Whirlpool Napoli , non lancia una possibile azienda italiana di produzione quadricicli elettrici .
    Non vi sono molte differenze fra una lavatrice ed un quadriciclo
    Esiste motore trifase , pilotato da inverter , mancano solo le batterie e le ruote .
    Il progetto Icaro , Share and Go , è stato sviluppato da Italiani e prodotto in Cina .
    Acquistata da Geely ne è stata bloccata la produzione .
    Si potrebbe fare ? Cosa ne pensate

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome