Home Moto & Scooter eRockit, moto elettrica, ma con i pedali

eRockit, moto elettrica, ma con i pedali

0
CONDIVIDI
L'eRockit in strada
L'eRockit ha una velocità massima di 88 km/h e 120 km di autonomia.

 

eRockit, ovvero una motocicletta elettrica, ma con i pedali. Uno strano oggetto che dimostra come ormai stiano cadendo tutte le classificazioni tradizionali.

Velocità di punta 88 km/h, autonomia 120 km

eRockit è il frutto di una delle tante start-up nate in Germania con l’avvento dell’elettrico. E i suoi creatori assicurano che guidarla è un’esperienza unica. Diversa dal pedalare su una e-bike. E su questo non ci sono dubbi, avendo un motore elettrico da 16 kW (21,7 Cv) di potenza massima e una batteria da 6,6 kWh. Con 120 km di autonomia e un peso di 120 kg, nonostante che il telaio sia in alluminio . Ma diversa anche dal semplice guidare una moto, perché qui anche con l’aiuto della pedalata si può raggiungere una velocità di punta di 88 km/h. Attenzione: i pedali, collegati a un generatore (non alla catena) servono semplicemente per aumentare la spinta del propulsore elettrico.

La serie iniziale, 100 pezzi, costa 11.850 euro

E anche il prezzo non è proprio da e-bike: per comprarla servono 11.850 euro. Al momento è prenotabile solo in Germania, in una serie di lancio in soli 100 pezzi numerati (qui i dettagli tecnici). Nel resto d’Europa sarà in vendita a partire dal 2020. Sul look giudicate voi, anche se i costruttori sono molto orgoglio del fatto di avere già vinto dei premi legati proprio al design di prodotti innovativi.

A questi prezzi c’è una bella concorrenza…

È chiaro che il fattore critico dell’eRockit è il prezzo. A questi livelli (guarda il nostro Listino facile) si possono trovare vere moto, come la Zero FX e FXS o la stessa KTM Free Ride E-X.  E oltretutto i pedali possono allontanare molti puristi delle due ruote motorizzate. Ma è chiaro che stiamo parlando di oggetti diversi e che l’elettrico è destinato a ridisegnare le varie categorie di moto, scooter e bici in modo diverso da come siamo abituati a conoscerle. E il presidente e numero uno di eRockit, Andreas Zurwehme, è convinto che possa diventare un oggetto del desiderio. Wait and see.

— Leggi anche: Pocket Rocket, oltre la fantasia