Home Nautica Ernesto di Riva è barca dell’anno al Salone di Genova

Ernesto di Riva è barca dell’anno al Salone di Genova

7
CONDIVIDI
il premio al salone di Genova

Ernesto del cantiere Riva è la barca dell’anno nella categoria natanti. Un bel segno per la nautica elettrica che al Salone di Genova nel concorso organizzato dalla rivista Vela e Motore e UCINA – Confindustria Nautica vede salire sul podio la propulsione elettrica.

Il  premio è arrivato per la qualità del “prodotto”. Un altro motivo per gioire perché si è scelto l’elettrico e la sostenibilità ma pure l’estetica, il design e la funzionalità. Il bello si sposa con l’ambiente.

Ernesto figlio del cantiere attivo dal 1771

Ernesto in una gara a Montercarlo

Vedere salire sul gradino più alto del podio e nella manifestazione nautica più importante d’Italia una barca elettrica è molto positivo per l’intero settore. Un futuro a zero emissioni che in questo caso viene da lontano. Più precisamente dal  1771, anno d’inizio lavori a Laglio, sul lago di Como (guarda).

Disegnato da Mani Frers

Daniele Riva e Mani Frers con Ernesto
Il titolare Daniele Riva (a sx) e il progettista di Ernesto Mani Frers (a dx)

Ernesto è la prima di una serie d’imbarcazioni full electric. Un’opera d’arte nautica firmata da Mani Frers, figlio di Germán Frers, progettista del Moro di Venezia. “Ernesto” poi è stato sviluppato da E-Concept, il centro ricerche del cantiere, ed è stato costruito in legno certificato e altri materiali rinnovabili e riciclabili.La sostenibilità  ha interessato oltre la propulsione  i materiali di costruzione della barca.

Ernesto premiato anche dalla FMI

Il natante  è lungo 7,65 metri e porta otto passeggeri ed è stato premiato anche a Montecarlo con lo “Special Award for Sustainable Development” della Federazione Motonautica Mondiale.

Primo nella categoria natanti 

Il premio Barca dell’anno è diviso in cinque categorie: Barca a motore, Barca a Vela, Natanti, Multiscafi e Gommoni. Nei natanti ha avuto la meglio Ernesto mentre il voto è stato dato on-line con i lettori che hanno scelto il modello che consideravano più innovativo, piacevole, funzionale.

Dopo Ernesto ecco Elettra

Elettra ed Ernesto nel Lago di Como

La volontà elettrica del cantiere si legge anche nella scelta del varo di Elettra. Si tratta di una “vaporina”, imbarcazione tipica della grande borghesia e dell’aristocrazia di inizio ‘900, rivista in chiave moderna. Notevole la propulsione con due motori Brushless da 100 kW, alimentati da due gruppi di batterie da 600 V 90 kW. Quest’ultimi firmati dagli svizzeri di Ecovolta.

LEGGI ANCHE: Yamaha presenta il suo primo fuoribordo elettrico per il mare

7 COMMENTI

  1. Splendido instant classic wooden boat, con guida avanzata.

    Le essenze utilizzate ne conferiscono l’immagine di un’opera d’arte, ma fa specie vedere Cedro Brasiliano e Mogano Sipo sacrificati per quest’opera da maestro d’ascia.

    L’avrei preferito in fibra di carbonio.

    Questo irresistibile E-Commuter, mi risulta che sia stato progettato anche dall’ingegnere napoletano Carlo Bertorello.

    È vero che può raggiungere 30 nodi di velocità massima?

  2. Solo una piccola correzione al testo senza importanza. La Union International Motonautique (UIM) è la federazione internazionale della motonautica. La FIM è la Federazione Italiana Motonautica.

Comments are closed.