Home Alla ricarica Enel X JuicePass: 50 mila colonnine in un click

Enel X JuicePass: 50 mila colonnine in un click

0
CONDIVIDI
enel x juicepass, punti di ricarica
Cinquantamila punti di ricarica pubblici in Europa, 10 mila in Italia. E’ il bilancio aggiornato della rete di ricarica per veicoli elettrici di Enel X, tutta accessibile tramite l’app Enel X JuicePass.
Il forte incremento rispetto a giugno (20 mila punti di ricarica in più) è dovuto all’avvio dell’interoperabilità tramite eRoaming con il charging point operator nordeuropeo Last Mile Solutions ed anche con gli operatori has·to·be e E.ON nell’ambito della piattaforma e-mobility Hubject (leggi). Ciò consente oggi ai clienti dell’ app Enel X JuicePass di ricaricare i propri veicoli senza dover attivare nuovi contratti, nei punti di ricarica gestiti da Last Mile Solutions, has·to·be e E.ON. E’ una rete di circa 20mila colonnine aggiuntive di ricarica in Austria, Belgio, Svizzera, Germania e Paesi Bassi.

Venturini: “Interoperabili in tutta Europa”

Francesco Venturini in versione pilota con la Smart EQ elettrica del campionato monomarca
«Questo passo è coerente con la nostra strategia _ commenta Francesco Venturini, CEO di Enel X _: stiamo realizzando la nostra visione creando un’esperienza di ricarica semplice in tutta Europa». Ciò è possibile, prosegue Venturini «sfruttando le potenzialità della semplificazione e della facilità di utilizzo grazie alla tecnologia di eRoaming messa a disposizione Hubject».
I clienti Enel X JuicePass potranno ora usare l’app all’estero con un’unica interfaccia, dai paesi nordici fino all’talia, passando per Germania, Austria e Svizzera. Così viaggiare con un veicolo elettrico è sostenibile e facile, scive Enel X in un comunicato, grazie alle informazioni messe a disposizione dall’app.  L’app indica: la posizione delle colonnine, la potenza disponibile, il tipo di connettore, la disponibilità. I pagamenti vengono effettuati tramite tariffe flessibili adattate alle esigenza dei clienti.

“Ora vacanze estive senza ostacoli”

«Colleghiamo l’intera area del Mediterraneo, dal tacco dello stivale italiano fino alla regione settentrionale dell’Europa _ prosegue Venturini _, consentendo ai clienti di tornare a spostarsi sulle strade e di godersi le vacanze estive senza ostacoli».
«Inoltre _ conclude _, abbiamo recentemente realizzato un importante obiettivo nella realizzazione nel nostro piano di rete di ricarica pubblica in Italia, che oggi ha superato la soglia di 10mila punti di ricarica installati e gestiti da Enel X».
Enel X è la business line globale di Enel dedicata allo sviluppo di prodotti innovativi. Ha in programma di ampliare la propria rete di punti di ricarica pubblici e privati nel mondo a circa 736mila entro il 2022, dagli attuali 130mila.

Enel X JuicePass, un accesso unico

L’interoperabilità, o eRoaming, è una componente strutturale del programma Enel X. Intende infatti «dare vita a soluzioni di ricarica  accessibili da un unico punto di accesso, nello specifico l’app Enel X JuicePass». Questa app è l’interfaccia unica usata dai clienti Enel X per ricaricare a casa e in ufficio e accedere alla rete di Enel X e dei suoi partner.
La joint venture di e-mobility Hubject è stata creata nel 2012. Tra gli azionisti figurano, oltre a Enel X, BMW, Bosch, Mercedes Benz, Innogy, Siemens e Volkswagen. La joint-venture vanta oltre 750 business partner e 250mila punti di ricarica interoperabili in Europa e nel mondo.

LEGGI ANCHE: Il prof alla ricarica della e Golf, un’avventura fantozziana