Home Alla ricarica Enel X e A2A: ricariche finalmente interoperabili

Enel X e A2A: ricariche finalmente interoperabili

9
CONDIVIDI
enel x a2a

Enel X e A2A hanno finalmente perfezionato l’accordo per rendere introperabili loro stazioni di ricarica (in tutto 15 mila), con le rispettive card o app. Si chiude così il grande buco nero di Milano e di parte della Lombardia.

Mancava solo la grande multi-utility lombarda agli accordi stipulati dal maggiore operatore nazionale della ricarica. Intese di reciproco libero accesso erano già state stipulate tra gli altri con Hera, Iren, Neogy e, da ultimo, con Be Charge del gruppo ENI.

Con le due app E-moving di A2A e JuicePass di Enel X

La partnership permetterà agli utenti che utilizzano le app E-moving di A2A e JuicePass di Enel, di fare il pieno di energia alla propria auto elettrica indistintamente presso le infrastrutture di ricarica pubbliche delle due aziende. Si tratta delle migliori tecnologie di ricarica presenti sul mercato. Dai caricatori Quick da 22 kW, Fast fino a 50 kW e gli High Power Charger. Grazie a una potenza che arriva a 350kW questi ultimi consentono di ricaricare l’80% del veicolo elettrico in circa 20 minuti.

enel x a2a

L’accordo fra Enel X e A2A riguarda tutte le stazioni italiane e «dimostra come grazie alla collaborazione tra i vari operatori sia possibile ampliare la disponibilità di infrastrutture di ricarica per auto elettriche» dichiara Elisabetta Ripa, Responsabile della Global Business Line di Enel X dedicata alla mobilità elettrica.

“Una spinta decisiva alla mobilità elettrica”

Elisabetta Ripa

«La capillarità delle colonnine, la semplificazione e la velocità delle operazioni di ricarica sono i driver principali del processo di diffusione della mobilità elettrica che vogliamo continuare a guidare in Italia e nel Mondo sviluppando le migliori soluzioni per fare il pieno di energia ai veicoli elettrici in ambito pubblico e nel privato».

Per Fabio Pressi, Ad di A2A E-Mobility «il contributo che può dare lo sviluppo della mobilità elettrica alla sfida della decarbonizzazione è di grande importanza e l’accordo siglato con Enel va in questa direzione».  «L’interoperabilità delle reti di ricarica  _ prosegue _ è un fattore chiave per supportare concretamente la diffusione dell’e-mobility, in questo modo il sistema garantisce maggiore flessibilità e copertura sul territorio».

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it—

 

Apri commenti

9 COMMENTI

  1. Onde evitare disguidi,vorrei capire meglio
    Ho appena rinnovato la flat con A2A
    Se uso la tessera su enelX non pago nulla?
    E con l’app A2A è possibile accedere a enelX?
    Leggevo qualche giorno fa che la tariffa flat ha i giorni contati,si passerà con tariffa a consumo
    In un altro articolo,dicevano la stessa cosa,ma solo su colonnine Ultrafast
    Qualcuno sa dirmi qualcosa?
    Grazie

    • Apri l’app A2a vedrai che i prezzi per EnelX sono a 0 a parte le colonnine ultra che costano 0.79.
      La tariffa flat non è più sottoscrivibile, ma è ancora attiva se attivata in precedenza.

  2. Volevo sapere se qualcuno ha caricato su colonnina A2A con Enel X? Non si incorre nella tariffa di occupazione suolo come per A2A giusto? Grazie mille

  3. Visto che avete provato usando EnelX su colonnine A2A, si è costretti a pagare cmq la tariffa di sosta oppure non rientra come per Juicepass?
    Grazie mille

  4. Oggi ho caricato con l’app A2A presso una colonnina Enel X
    ha FUNZIONATO perfettamente.
    L’unica incognita è legata al costo delle tariffe Flat

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome