Home Auto Emette più la Golf elettrica o diesel? Sentite la VW

Emette più la Golf elettrica o diesel? Sentite la VW

6
CONDIVIDI

 

Emette più CO2 una Golf elettrica o diesel? La Volkswagen taglia la testa al toro delle tante speculazioni con un verdetto chiaro:: molto meglio l’elettrica.

Esaminato tutto il ciclo di vita, produzione-riciclo

Premessa: la CO2 è solo una parte delle emissioni delle auto con motore benzina o diesel. Mentre le elettriche non rilasciano praticamente nient’altro, le vetture a gasolio emettono anche le famigerate polveri sottili e altra robaccia che finisce nei nostri polmoni. Ma anche limitandosi alla CO2, il bilancio è comunque favorevole alla e-Golf.

La fonte è la Volkswagen stessa ed è insospettabili per una serie di buoni motivi. Il primo: la Casa di Wolfsburg non ha alcun motivo per demonizzare il diesel, dal quale continua a ricavare la stragrande maggioranza dei profitti. Secondo: per fare queste rilevazioni in modo serio, occorre disporre di strumentazioni molto costose e sofisticate. E non c’è dubbio che la VW ne disponga. Il confronto è stato fatto sull’intero ciclo di vita, secondo lo standard LCA (Life Cycle Assessment), che prende in esame le emissioni di un veicolo che percorra almeno 200 mila km. Produzione e rottamazione (con riciclo) finale compresi.

La e-Golf vince nettamente. E con le nuove ID…

Golf elettrica o diesel, dunque? Il risultato complessivo assegna alla prima 119 grammi di Co2/km contro i 140 della TDI. Non c’è confronto nelle due fasi finali, l’uso su strada e lo smantellamento: la Golf elettrica segna 62 grammi/km contro i 111 della diesel. L’unica fase con bilancio favorevole al modello al gasolio è la produzione, a causa del complesso lavoro di estrazione dei metalli rari (litio, cobalto…) e al processo di produzione delle batterie. Qui la diesel segna 29 grammi contro i 57 della e-Golf.

La nuova Volkswagen elettrica sarà prenotabile dall’8 maggio e in consegna a inizio 2020.

Attenzione, però. La Volkswagen segnala che questi valori verranno quasi azzerati con la nuova generazione di macchine elettriche, contraddistinte dalla sigla di progetto ID. Questo perché la Golf non è un’auto progettata per l’elettrico. Le ID. sì, con tutt’altra efficienza. E tutta la produzione, a partire da fine anno, avverrà solo utilizzando energia prodotta da rinnovabili, mentre i clienti stessi verranno incoraggiati ad usare solo elettricità green per alimentare le loro auto. Energia peraltro offerta dalla stessa Volkswagen con il marchio Elli Naturstrom (qui i dettagli).

Leggi anche: la mia vita in e-Golf, 5.500 km al mese

6 COMMENTI

  1. Non è e non sarà la soluzione, le batterie inquineranno ancora di più il mondo. Per alimentare tutta la richiesta di energia si farà ricorso al massiccio uso di combustibile e nucleare. Non ci prendessero in giro. Gli ignoranti ci abboccheranno…. La soluzione è l’idrogeno. Il problema è che l’acqua non costa.

    • Neanche il sole e il vento costano. E con l’acqua, grazie all’idroelettrico, da tempo immemorabile si produce energia. Anche e soprattutto in Italia. Si chiamano rinnovabili. Per completezza dell’informazione, comunque, giusto citare uno studio di un istituto di ricerca di Monaco di Baviera (citato anche dal Corriere della Sera qui: https://www.corriere.it/opinioni/19_aprile_24/quanto-pulito-motore-elettrico-3de45696-669a-11e9-b785-26fa269d7173.shtml) secondo il quale nell’intero ciclo di vita una una Mercedes C220d con motore diesel emetterebbe meno CO2 di un Model 3 della Tesla, elettrico naturalmente. Date un’occhiata, se volete, poi magari ci confrontiamo.

      • Però hanno fatto i calcoli con l’incidenza dell’energia del 2012 leggevo…se anche per l’incidenza delle batterie han preso valori relativi al 2012 (i 110 kg di co2 ogni kWh) le cose sono cambiate moltissimo da allora (basta guardare al prezzo al kWh).

        E comunque confrontare 2 auto del 2019 con valori di riferimento del 2012 vuol dire cercare di fare uscire il risultato che si vuole. Usando valori del 2012 avrebbero dovuto prendere a paragone: una leaf 24 kWh, la cui batteria però non consentiva di ottenere i valori così alti di CO2 (moltiplichi 110 per 24 invece che per 100!).
        Potevano confrontarla con una Tesla modelS….ma poi a quel punto il confronto con la Mercedes C200 era davvero troppo improponibile. E in ogni caso, la termica doveva essere del 2012 anche lei.

        Volendo paragonare la diesel euro 6 del 2019 con la model3 andavano invece presi i valori di riferimento almeno del 2018 (dove in Germania le rinnovabili sono raddoppiate rispetto al 2012).
        Tra l’altro 150000 km può essere il valore per cui uno tiene l’auto prima di venderla, ma non è che la si rottami (né l’una né l’altra).

Comments are closed.