Home Bici Emergency Bikes, per i medici ai tempi del Covid 19

Emergency Bikes, per i medici ai tempi del Covid 19

0
CONDIVIDI

Emergency Bikes, la bici elettrica studiata per i medici parigini che devono muoversi nei giorni del Covid-19. Senza il timore di restare bloccati nel traffico.

Emergency Bikes, “nata da e per i sanitari”

L’idea è dell’agenzia creativa WPP (Wunderman Thompson Paris), che l’ha messa in pratica collaborato con un rivenditore di bici elettriche , Ecox. E nasce da una constatazione: Parigi, anche nei mesi della pandemia, è una delle città più congestionate d’Europa. Molti medici del pronto intervento spesso restano bloccati nel traffico e i tempi di risposta stanno aumentano notevolmente .

emergency bikesE così è nato questo veicolo a due ruote che il proprietario di Ecox, Yoann Bourrelier, definisce “il primo veicolo medico elettrico urbano, progettato da e per i medici“. In effetti al progetto ha collaborato UMP (Paris Emergency services), con cui è stato sviluppato un protocollo sulle specifiche di Emergency Bikes. Con un telaio in alluminio leggero e robusto ad alta resistenza a sostenere un grande vano coibentato che funge da armadietto dei medicinali. La creazione del primo prototipo e la produzione in serie sono poi state affidare a Urban Arrow. I primi esemplari sono già scesi in strada in settembre

Autonomia di 160 km, gomme anti-foratura

Il motore elettrico, nel mozzo centrale, è in grado di trasmettere fino a 75 Nm alla ruota posteriore. È alimentato da una doppia batteria da 500 Wh, in grado di offrire un’autonomia media di 160 km. Nella Emergency Bikes sono inclusi alcuni componenti high-tech, come un localizzatore GPS e la connessione USB per alimentare i dispositivi mobili. I pneumatici sono anti-foratura, con strisce riflettenti per aumentare la sicurezza e la visibilità nel traffico, supportata da un’illuminazione a LED a lungo raggio.

emergency bikes

Adrien Mancel e Paul-Emile Raymond, direttori creativi di Wunderman Thompson Paris, sperano che il concetto si diffonda in altre città e paesi. E assicurano che l’arma vincente è  la sua capacità di attraversare rapidamente il traffico e di parcheggiare in spazi limitati.  “Consentendo ai medici di attraversare Parigi con le loro dotazioni mediche due volte più velocemente di qualsiasi altro veicolo“.

— Leggi anche: PodBike, velomobile col “cappotto” per pedalare al gelo