Home Due ruote EM1 :e, il primo scooter elettrico Honda per l’Europa

EM1 :e, il primo scooter elettrico Honda per l’Europa

2

Come annunciato lo scorso novembre ad EICMA, Honda è pronta a lanciare in Europa il suo primo scooter elettrico EM1 :e. Si tratta di un compatto ciclomotore cittadino, la cui produzione è già stata avviata.

Come primo tassello del suo piano di elettrificazione (10 modelli a zero emissioni entro il 2025), Honda ha optato per un approccio molto “morbido” al contesto europeo. EM1 è infatti studiato per soddisfare poco più che tragitti brevi (casa-scuola-lavoro), in un ambiente del tutto urbano.
Le specifiche appena diramate lasciano poco spazio all’immaginazione, dopotutto.

Tutta mia la città

EM1 e: ha un propulsore elettrico nel mozzo della ruota posteriore da 1,7 kW di punta, che spinge il mezzo non oltre i canonici 45 km/h.

La batteria agli ioni di litio Honda Mobile Power Pack e: (50 V – 29 Ah) garantisce autonomie gestibili tra i 40 e i 48 km con una singola ricarica. È rimovibile e il trasporto non comporta sforzi eccessivi (pesa 10 kg).

I tempi di ricarica completa sono indicati in circa 6 ore; poco meno della metà per passare dal 25% al 75%.

Al di là delle prestazioni assolutamente ‘normali’ per la categoria, va evidenziato che stiamo comunque parlando di componenti 100% Honda, quindi quanto meno percepiti come affidabili e duraturi nel tempo.

Dotazioni ok

La struttura è quella tipica dei principali ciclomotori elettrici in commercio: design semplice, misure compatte, ruote piccole (12” davanti, 10” dietro).

Il telaio è tubolare monotrave in acciaio, ci sono doppi ammortizzatori, freno a disco anteriore e tamburo al posteriore (frenata con sistema CBS). Il peso in ordine di marcia è di 95 kg.

A livello di dotazioni, l’EM1 e: risulta abbastanza completo. Fari a LED, cruscotto digitale LCD, vano portaoggetti sottosella, presa di ricarica USB, portapacchi posteriore di serie e cavalletto laterale.

Modalità di vendita green

Non è stato ancora fornito il prezzo di listino, ma per rivaleggiare con i competitor (vedi Yamaha Neo’s, per esempio) ci aspettiamo si aggiri intorno ai 3.500 euro.

Interessante sapere che Honda ha previsto diverse formule di acquisto. A seconda del Paese, sarà infatti possibile accedere a strumenti come leasing, noleggio o abbonamento.

Una scelta economicamente vantaggiosa ma anche ecologica. “Per tutto il ciclo di vita dell’EM1 – si legge nel comunicatoi clienti non dovranno preoccuparsi né della continuità delle prestazioni dell’Honda Mobile Power Pack e: né del suo smaltimento finale”.

– Iscriviti gratuitamente a Newsletter e canale YouTube di Vaielettrico –

Vesper
Apri commenti

2 COMMENTI

  1. Il piccolo Honda non mi dispiace affatto, peccato solo – ancora una volta – per la potenza un pó scarsa che rischia di penalizzarlo visto anche il peso non proprio contenuto. D’accordo che la batteria non è molto “capiente” ma non credo che una potenza piú vicina al limite dei 4 kW penalizzerebbe piú di tanto l’autonomia (e fra l’altro sarebbe “a costo zero” o quasi..)

Rispondi