Home Auto prima pagina Elettrico che ci piace, elettrico che non ci piace

Elettrico che ci piace, elettrico che non ci piace

3
CONDIVIDI

Elettrico che ci piace, elettrico che non ci piace. Da due nuovi modelli in arrivo altrettanti esempi di quel che si dovrebbe fare e quel che invece…

Elettrico che ci piace / Il nuovo crossover Nissan

elettrico che ci piacePremessa: a noi le auto, soprattutto elettriche, piacciono piccole e virtuose. Ma ci rendiamo conto che ci sono grandi mercati (gli USA, il Nord Europa…) in cui piccolo non viene considerato bello. E che i costruttori sulle citycar guadagnano poco o nulla, mentre hanno ottimi margini su veicoli più importanti. Ciò detto, ci piace molto questo crossover Nissan di cui a inizio luglio sono uscite le prime immagini. Perché? Perché sembra declinare bene l’esigenza di contenere i consumi con efficienza aerodinamica con elettriche che ci piacel’irrefrenabile voglia  di Suv&Simili. E poi, se permettete, è pure bello, che non guasta. Si sa che sarà costruito a Sunderland, in Inghilterra, sulla piattaforma CMF EV dell’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. Con parabrezza molto piatto, tetto spiovente, sbalzi anteriori e posteriori molto corti, tipici delle nuove auto elettriche. E le batterie di nuova generazione, più efficienti e virtuose di cui ha parlato, per parte Renault, il n.1 Luca De Meo.

Non ci piace / Il Brawley, esagerato e già visto

Apri commenti

3 COMMENTI

  1. Ma non tutte le auto sono family car o business car. Esistono anche le fun car, le auto per il divertimento. Seguendo la vostra logica, auto come la Dune Buggy o la KTM X-Bow o la Ferrari Monza SP1 non hanno senso: invece c’è l’hanno eccome. Chiaramente sono adatte a un certo pubblico, servono x certe nicchie, non compri una Brawley GTS per camminarci nel centro storico di Lucca perché non ci passa, ma se vivi in una fattoria in campagna potresti valutarla come alternativa al pickup o al fuoristrada puro.

  2. Spesso sento da voi elogiare i veicoli elettrici di piccole dimensioni e invece criticare quelli più grandi…oltre al mercato nord europeo c’è ,in Italia , chi gira in elettrico e ha figli, passeggini e seggiolini che con la Zoe o la Smart ,per esempio ,ci fa proprio poco.

    • ma infatti il crossover Nissan che in questo articolo viene elogiato è un’auto di taglia media, non una due posti. è un’auto per famiglie ma razionale dal punto di vista aerodinamico e quindi energetico

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome