Home Bici Eleganti e leggere: le e-bici Geos e Cooper

Eleganti e leggere: le e-bici Geos e Cooper

0
CONDIVIDI

Si possono unire eleganza e leggerezza in una sola e-bike? La risposta è sì. Lo dimostrano la Geonet con la Geos e Cooper (quelli della Mini) col modello E.

Una tedesca discreta e leggera

Less is more, eleganza significa molto spesso sottrarre, piuttosto che affastellare roba. La parola d’ordine in casa Geonet GmbH è minimalismo. Parliamo di una società fondata a Berlino nel 2015, con lo scopo di per realizzare e-bike essenziali e con sistema elettrico integrato. In un aggettivo: belle. Nasce così la prima bici elettrica Geos. Anche il team dietro a questa nuova e-bike è ridotto all’osso. Ci sono il fondatore Peter Hanstein, l’ingegnere Michael Ruffer e il product designer Florian Haeussler, che porta l’esperienza dell’industria automobilistica nel mondo delle bici elettriche. Basta. Come si può notare l’integrazione dei componenti elettrici è totale, quasi invisibile. Il telaio è stato studiato per le due misure di pneumatici 37-622 e 50-584. Il motore è leggero, silenzioso ed è posizionato sul mozzo posteriore. Si attiva semplicemente premendo l’interruttore on/off sul manubrio, mentre con un’altra breve pressione si commuta tra i due livelli di assistenza: “massima durata” e “massima performance”.

Eleganza e misure da urlo

modello Gravel

La nuova Geos ha un design moderno e liscio, molto simile ad una bici standard. Il telaio è costruito in acciaio con rivestimento in nickel per evitare la corrosione. Peso totale di 2,4 kg. I parametri sono impostati individualmente tramite un’app per smartphone via Bluetooth, così come la carica della batteria e la velocità. Non è previsto in questo caso alcun display.

modello Urban

La batteria è divisa in due unità che sono integrate nei tubi orizzontale e obliquo. La trasmissione è una single-speed con cinghia di trasmissione Gates carbon. La e-bike pesa meno di 15 kg e può essere guidata anche senza assistenza del motore. la Geos sarà disponibile in due modelli: Gravel e Urban (con parafanghi). Le prenotazioni inizieranno dal secondo trimestre 2018 e le consegne sono previste all’inizio del 2019.

Elettrica eleganza total british

A quasi dieci anni dal varo del primo modello di bicicletta, Cooper bikes svela il suo esordio nell’elettrico. Si chiama semplicemente Cooper E, promette di non essere da meno delle sorelle a quattro ruote. Cooper company è un mito dell’auto da mezzo secolo, grazie alle corse e, successivamente, alla Mini, che ha rivoluzionato il mercato almeno due volte. Nel 2009 è nato il primo modello di bici della casa britannica per antonomasia. Oggi lo sbarco nel mercato elettrico con E.

Una e-bike dal design classico, pulito ed elegante, combinato con la tecnologia moderna. il telaio è in acciaio 520 Reynolds (uno dei migliori produttori per mtb), con sella e manopole curate sempre dall’inglese Brooks. Il propulsore elettrico da 250W al mozzo posteriore è il noto Zehus “All-in-One”, con motore e batteria da 160Wh integrati in un unico corpo, dotato inoltre della tecnologia Kers (Kinetic energy recovery) simile alla Formula 1. Si tratta un dispositivo elettromeccanico che consente di recuperare parte dell’energia cinetica durante la fase di frenata. La trasmissione single-speed sarà prevista con catena standard o con cinghia Gates. I freni sono v-brake o a disco idraulici Shimano. Immancabili per una e-bike britannica sono i parafanghi in tinta con il telaio.

La Cooper E sarà disponibile in quattro colori e tre taglie per adattarsi a tutti i tipi di clienti. Per quanto riguarda il costo, siamo ancora in attesa di notizie.