Home Nautica EEGLE: yacht elettrico con 600 kWh di batteria e 4 motori da...

EEGLE: yacht elettrico con 600 kWh di batteria e 4 motori da 150 kW

0
CONDIVIDI
barca elettrica
Rendering EEGLE in navigazione

EEGLE è lo yacht di lusso che naviga fino a 80 miglia in elettrico grazie ai 600 kWh di capacità della batteria e ai quattro motori da 150 kW.

Si tratta di un motoryacht di 20 metri completamente elettrico sfornato da BYD Group. Studio di architettura e ingegneria navale con sede a Barcellona e Palma di Maiorca.

Comfort a bordo del motor yacht elettrico

barca elettrica
EEGLE nel cantiere dove si completando la prima unità

Interessante la sintesi proposta dai progettisti spagnoli: “EEGLE combina lo spazio e il comfort di un appartamento sulla spiaggia con la navigabilità di un motor yacht“. Attualmente la barca è in costruzione nel sud della Francia, nel cantiere navale Martinez Constructions Navales, e dovrebbe essere consegnata a breve recita una nota dello studio.

EEGLE scivola nell’acqua fino a 20 nodi

Le caratteristiche dello scafo sono le robuste linee esterne e una prua a piombo per migliorare le prestazioni e sfruttare al massimo lo spazio sul ponte inferiore. Il pescaggio è di 0,89 metri e raggiunge la velocità massima di 20 nodi. Un progetto studiato per la propulsione elettrica.

barca elettrica

Una mega batteria da 600 kWh che alimenta 4 motori elettrici da 150 kW

barca elettrica
Un altro rendering della barca elettrica di lusso

I numeri del sistema di propulsione sono impressionanti. A iniziare dalla capacità della batteria: 600 kWh. Tanta energia accumulata che offre, secondo quanto dichiara l’azienda, circa 80 miglia nautiche (circa 148 km) di autonomia in modalità definita “green” ovvero velocità di crociera di pochi nodi.

Un buon apporto di energia  da 30 metri di pannelli solari

A integrare l’energia accumulata nel pacco batterie ci sono 30 metri quadrati di pannelli solari hardtop che secondo lo studio di progettazione possono generare fino a 9 kWh di energia aggiuntiva che permettono di ampliare l’autonomia di crociera dell’EEGLE. Ottimo sforzo elettrico, ma al cliente si offre anche un generatore per aumentare la percorrenza autonoma fino a 1.000 miglia nautiche a 7,5 nodi. Come si concilia questo doppio standard? “Così lo yacht funziona a zero emissioni per gite di un giorno e crociere del fine settimana, ma può fare traversate più lunghe tramite il range extender”.

Lusso ed ecologia?

Parola a Raúl Gonzalo, designer senior e manager di BYD Group. “Non vediamo l’ora di vedere i risultati con la nostra prima unità di EEGLE, che dovrebbe essere consegnata presto. Preservare il pianeta non deve significare il sacrificio di uno stile di vita confortevole“.

Gli interni di EEGLE ricchi  di confort

barca elettrica
Numerosi spazi relax all’interno di EEGLE

Il comfort si vede bene negli interni illuminati da enormi finestre che enfatizzano il paesaggio marino. Diverse le aree relax con un angolo bar nell’area della cambusa. Da notare due comodi divani vicino ad un tavolino nella sezione centrale del salone. Nel flybridge si evidenzia  uno spazio multifunzionale, con divano spazioso e un bar situato dietro la postazione di guida, mentre a prua si trova un divano e un tavolino trasformabile. Nell’area del prendisole vi è un ampio open space per ospitare fino a tre lettini.

EEGLE accoglie sei ospiti, la cabina dell’armatore come una suite a terra

barca elettrica
La cabina armatoriale si EEGLE

Lo yacht può accogliere un massimo di sei ospiti e le cabine si trovano sul ponte inferiore. La capiente cabina armatoriale è dotata di enormi finestre, un letto king-size, scrivania e spazio per una chaise-longue sala; il suo bagno privato è dotato di cabina doccia, doppio lavabo e ampia zona spogliatoio, mentre c’è anche un WC separato con lavabo. La cabina VIP e la cabina doppia per gli ospiti sono entrambe dotate di bagno privato. Fino a due membri dell’equipaggio sono alloggiati in una cabina a castello compatta accessibile tramite un portello nel pozzetto di poppa.

LEGGI ANCHE: Parlamento Ue: entro 2030 meno 40% di emissioni dalle navi