Home Bici Prima Pagina E-bike: novità d’estate a 1000 Kwh

E-bike: novità d’estate a 1000 Kwh

2
CONDIVIDI

Il mondo e-bike presenta le ultime novità per l’estate ma con lo sguardo rivolto già al 2021. L’avanguardia è rappresentata come al solito dalle e-mtb con le super bici di Sondors e un interessante prototipo Bosch

La calda estate 2020 delle e-bike porta con sé continue novità. Se da una parte il mercato delle bici elettriche dai prezzi medio bassi ha ricevuto una spinta molto forte dagli incentivi  statali, dall’altra bisogna rimanere vigili nei confronti dei segmenti più alti. Dove si fa innovazione, pure in un campo così giovane.

Sondors Rockstar

 E-bike: novità estate Sondors, potenza super

A fare da traino nell’innovazione delle e-bike è il comparto mountain dove ancora una volta si punta in alto per resistenza del motore e durata delle batterie. Il caso più eclatante è quello firmato Sondors, azienda americana specializzata in bici da percorsi estremi.

Da qualche giorno è aperto il canale di pre-ordine per la nuova Sondors Rockstar, che presenta caratteristiche del powertrain degne della massima attenzione. Rockstar si basa su un pacchetto firmato Bafang, con il motore M620, noto anche come Bafang Ultra. Con picchi di 1500 W di potenza e 160 Nm di coppia. Secondo quanto dichiarato da Sondors però in questa e-bike verrà limitato a 750 W per l’uscita europea non ancora calendarizzata.

I componenti più importanti della nuova Sondors

Il motore della e-mtb Rockstar, Bafang Ultra M620, produce infatti fino a 1152 Watt e 160 Nm di coppia (il doppio rispetto alle altre bici elettriche) e permette alla e-bike di raggiungere la velocità massima di 45 km/h. La nuova e-bike della Sondors ha anche un acceleratore (vietato sulle e-bike omologate) pensato per chi non vuole proprio pedalare.

Il vero colpo a sorpresa è rappresentato dalla batteria, con funzionamento a 48 volt e celle da 21 Ah, ovvero circa 1000 Wh di capacità. Probabilmente la batteria più grande sul mercato, ed in parte si nota dal generoso tubo obliquo dove è alloggiata.

Corpo centrale allargato per contenere la super batteria

Per il momento Sondors non ha rivelato molto altro sulla componentistica, ma ha comunicato il sorprendente prezzo di 2.499 dollari. Ad oggi la prenotazione è aperta solo oltreoceano, con 299 dollari di acconto, e consegna prevista il prossimo ottobre.

E-bike: novità estate Haibike

Haibike, marchio di bici elettriche venduto a livello mondiale, presenta il nuovo modello poliedrico Sduro Trekking 4.0. Allo stesso tempo l’azienda a stelle strisce ha decido di tagliare il proprio catalogo, passando da oltre 50 modelli a non più di 20. Per questo ha deciso di produrre e-bike trasversali come la nuova Sduro trekking 4.0.

Nuova Trekking di Hibike

Le verità stanno nel nome: “Sduro” è la linea di modelli di fascia bassa, “Trekking” principalmente per uso stradale e “4.0” che indica il livello dei componenti meccanici. Insomma una bici da strada con parti meccaniche davvero buone (ma non stellari). Motore Yamaha Pw-st mid-drive da 250 W e batteria da 36 V e 12,8 Ah di coppia. Per garantire un’assistenza tra i 40 e gli 80 km. Il costo è di circa 3.000 euro.

La nuova Radon

La Radon Jealous Hybrid è una nuova e-MTB presentata dall’azienda tedesca per la stagione 2021. Un’ottima opzione per  chi si trova con un budget limitato.

La Radon Jealous Hybrid è una MTB Front da Trail dotata di ruote da 29″, pneumatici da 2,6″ e sospensione anteriore da 120 mm, ed è in grado di affrontare in sicurezza qualsiasi percorso. E’ equipaggiata con un motore Bosch Perfomance Line CX con coppia da 85Nm, batteria da 625 Wh e display Purion. 

La nuova Jealous
Jealous Hybrid 9.0

 

Entrambe le bici hanno la batteria perfettamente integrata nel tubo obliquo e sono dotate di cablaggio interno. Esteticamente la Jealous Hybrid 8.0 è particolarmente accattivante con i suoi pneumatici Schwalbe Smart Sam color crema e la colorazione accesa. La Radon Jealous Hybrid sarà disponibile in 4 taglie: 16, 18, 20, 22 e in due modelli: Jealous Hybrid 9.0 e Jealous Hybrid 8.0, viene venduta tramite il sito www.bike-discount.de.

Jealous Hybrid 8.0

Nuova Enduro da Yt Industries

YT Industries presenta una nuova versione della sua e-mtb da enduro. Si tratta della YT Decoy Shred, che risponde alle richieste di chi desidera una bici in alluminio e comunque ad alte prestazioni. Questa bici da enduro a pedalata assistita con batteria integrata vanta una geometria aggressiva con un carro frontale in carbonio e un triangolo posteriore in alluminio. La pluripremiata E-MTB di YT offre componenti ad alte prestazioni e la più recente tecnologia di sospensioni FOX.

 

YT Decoy retro

 

YT DECOY Shred è alimentata dalla batteria personalizzata YT da 540 Wh. L’unità di trasmissione Shimano E8000 abbinata alla trasmissione Shimano XT a 12 velocità garantisce ottime prestazioni anche nei sentieri scoscesi. La YT DECOY Shred ha un peso di 23,4 kg, è prevista nelle taglie dalla S alla XXL e viene venduta al prezzo di 5.999 € con disponibilità a partire da fine mese.

Bosch e il prototipo di sogno

Bosch mostra la sua idea di e-bike per festeggiare i 10 anni nel mondo dell’elettrico. Si tratta di un mezzo dimostrativo e che difficilmente vedrà mai la luce, però serve a segnare un punto dell’evoluzione. Telaio in carbonio, una forcella ammortizzata e l’ammortizzatore posteriore nascosto nel tubo orizzontale, che da certe angolazioni la fanno sembrare una hard tail.

Il futuro secondo Bosch

Il motore non poteva che essere un Performance Line CX, supportato dalla batteria integrata da 625 Wh. Curiosamente Bosch ha scelto una trasmissione tradizionale, quando forse per un progetto del genere avrebbe dato delle linee più pulite l’opzione della cinghia in carbonio con cambio nel mozzo.

Motore di casa

I freni a disco hanno i cavi nascosti all’interno del telaio, fin dal manubrio, per mantenere un aspetto il più possibile minimale. Per l’impianto frenante entra in gioco anche il sistema ABS sviluppato da Bosch, il cui controller è integrato nel piccolo portapacchi frontale, dove è alloggiato anche un faro LED. Il computer di controllo è ovviamente un Nyon, anch’esso integrato nel manubrio.

2 COMMENTI

  1. Criticabile il fatto che si dia ampio risalto a motori con prestazioni altissime senza dare contemporaneamente uguale avvertenza che questi mezzi non potranno mai essere omologati come e bike ma saranno ciclomotori con tutto ciò che questo comporta…

  2. Nel resto d’Europa molte persone preferiscono pagare le tasse per una ebike che supera i 25 kmh anziché acquistare un ciclomotore. Noi terroni del mondo non siamo contenti se non bruciamo combustibile e non facciamo rumore, oltre al ricercare il modo per non sudare, che pare sia cosa mortale, salvo poi andare a correre o a pedalare in una palestra,al chiuso, assieme ad altri come noi, puzzolenti di sudore. Ben vengano tutte le innovazioni possibili, che possano farci cambiare questa mentalità marcia.

Comments are closed.