Home Tecnologia E-GMP, Hyundai adotta la piattaforma universale

E-GMP, Hyundai adotta la piattaforma universale

1
CONDIVIDI
piataforma e-gmp

Hyundai Motor Group (HMG) adotterà una nuova piattaforma su cui ralizzare tutti i nuovi modelli elettrici puri. Sarà introdotta a partire dalla nuova Hyundai Ioniq 5, l’anno prossimo. La nuova piattaforma, chiamata “Electric-Global Modular Platform” (E-GMP) è stata svelata l’altro giorno. Sarà la tecnologia cardine per la gamma EV di prossima generazione di Hyundai e Kia. Hyundai Motor Group ha pianificato l’uscita di 23 modelli BEV entro il 2025.

piattaforma e-gmp

Tutti i modelli BEV basati su E-GMP possono raggiungere i 500 km di autonomia (standard WLTP) e sono abilitati per la ricarica ultra fast che garantisce l’80% della capacità in soli 18 minuti. Consentono inoltre un flusso bidirezionale di energia. Il modello ad alte prestazioni che nascerà sulla piattaforma sarà capace di scattare da 0 a 100 km/h in meno di 3,5 secondi e di raggiungere i 260 km/h.

La piattaforma E-GMP offre diversi vantaggi rispetto a quelle già esistenti del Gruppo, studiate prevalentemente per ospitare i motori a combustione interna. Questo comporta una serie di benefici, tra cui maggiore flessibilità nello sviluppo, performance, sicurezza e dinamiche di guida migliorate, una maggiore autonomia e più spazio interno per  passeggeri e bagagli.

«Oggi i nostri modelli elettrici a trazione anteriore di Hyundai e Kia sono già tra i più efficienti nei rispettivi segmenti  _ ha commentato Albert Biermann, President and Head of R&D Division di Hyundai Motor Group _ . Con la nostra piattaforma E-GMP a trazione posteriore estendiamo la nostra leadership tecnologica in categorie dove i clienti richiedono ottime dinamiche di guida ed eccezionali livelli di efficienza».

piattaforma e-gmp

Baricentro più basso e trazione posteriore

E-GMP riduce la complessità attraverso modularità e standardizzazione, permettendo un rapido e flessibile sviluppo di prodotti che possono essere utilizzati su diverse tipologie di veicoli, come berline, SUV e CUV. Le caratteristiche salienti sono l’ottimale distribuzione del peso tra anteriore e posteriore, il baricentro basso grazie al posizionamento del pacco batteria, l’adozione di motori elettrici posizionati nello spazio prima occupato dal motore.

Tenuta e stabilità sono incrementate dalle sospensioni posteriori con sistema multilink a 5 punti e dal primo Integrated Drive Axle (IDA) prodotto in serie al mondo, che combina in un’unica soluzione cuscinetti, ruote e albero di trasmissione per portare potenza alle ruote.

La batteria è inserita in una struttura di supporto in acciaio ad altissima resistenza, irrigidita ulteriormente da elementi in acciaio stampato a caldo. Le forze derivanti dagli urti sono assorbite in maniera efficiente grazie a innovative strutture di assorbimento,
efficaci percorsi di carico ed una sezione centrale del pacco batteria fissato al corpo vettura.


Inoltre, rinforzando la struttura di supporto dei carichi situata davanti alla console centrale, gli ingegneri sono riusciti a minimizzare l’energia degli impatti nei confronti del sistema elettrico e della batteria. E-GMP massimizza anche lo spazio interno grazie al passo lungo, agli sbalzi ridotti e al modulo del cruscotto compatto. Col pacco batteria installato sotto al pianale, l’architettura della E-GMP crea una base piatta per l’abitacolo, garantendo ai passeggeri più spazio per le gambe e consentendo allo stesso tempo diverse configurazioni per i sedili anteriori e posteriori.

Più potenza nella batteria: 500 km di autonomia

Il pacco batteria sarà il sistema con la densità di potenza più alta che Hyundai Motor Group abbia mai prodotto. Questo  anche grazie a un raffreddamento migliorato, con il blocco di raffreddamento separato. La densità di energia è migliorata del 10% , perciò i pacchi batteria sono più leggeri, possono essere installati più in basso e liberano più spazio all’interno dell’abitacolo.

Il nuovo modulo Power Electric (PE) compatto di E-GMP composto da motore, trasmissione EV e inverter, è integrato in un unico e compatto modulo. Le prestazioni aumentano, grazie a una velocità massima di rotazione del motore siperiore del 70%.

Il super motore ad alta velocità

Il motore ad alta velocità è più piccolo se comparato agli altri motori, ma è in grado di mantenere analoghi livelli di performance, garantendo efficienza sia in termini di spazio che di peso. Il modulo batteria standardizzato può essere regolato per offrire prestazioni su misura, massimizzando l’autonomia o altre caratteristiche.

L’inverterter utilizza semiconduttori in carburo di silicio (SiC), il che migliora l’efficienza coplessiva del 2-3% e del 5% l’autonomie a parità di consumo di energia.

La piattaforma E-GMP, come detto, prevede la trazione posteriore, ma i clienti potranno optare a nche per la trazione integrale. In questo caso i veicoli potranno essere configurati anche con un motore aggiuntivo, con un sistema di gestione della trasmissione EV che consente il passaggio tra 2WD e 4WD.

Tutti i veicoli sviluppati sulla piattaforma E-GMP utilizzano un’unica tipologia di modulo batteria standardizzato, che è composto da celle standard pouch-type e può essere equipaggiato con diverse quantità di celle in base al veicolo.

La futura gamma di BEV Hyundai

Ricarica ultra fast e bidirezionalità

La maggior parte dei modelli EV e le infrastrutture di ricarica rapida attuali possono arrivare a 50-150 kW equipaggiati con un’architettura a 400V. Ma lo sviluppo dell’infrastruttura a 800V, che arriva fino a 350 kW, renderà gradualmente possibile una ricarica ancora più veloce. In linea con questa tendenza, Hyundai Motor Group, che  ha investito nel network europeo ad alta potenza IONITY, nella piattaforma E-GMP offre di serie capacità di ricarica a 800V. La doppia modalità a 800 o 400 V non implica componenti aggiuntivi.

E’ infatti frutto di un sistema multi-ricarica brevettato e unico al mondo. Con la ricarica a 350 kW i veicoli costruiti sulla piatta forma E-GMP possono caricare dal 20 all’80% in 18 minuti e aggiungere 100 km di autonomia in soli cinque minuti. Il sistema Integrated Charging Control Unit (ICCU) consente anche la funzione bidirezionale vehicle-to-load (V2L). Cioè l’alimentazione di altri dispositivi a 110/200V e a potenza di 3,5 kW (televisore, condizionamento) e perfino la ricarica di un’altro veicolo elettrico.

All’inoizio di quest’anno Hyundai ha investito in alcune start up come Arrivale Canoo già impegnate nello sviluppo di telai skatebord assimilabili alla nuova piattafoma.

—–Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube——

1 COMMENTO

  1. 810 cv e 960 Nm di coppia motrice per l’RM20e che anticipa la prossima generazione N Performance elettrica di Hyundai
    https://www.youtube.com/watch?v=_axuscGoNWE
    44 modelli full electric entro il 2025
    https://www.youtube.com/watch?v=rtNfQuez_V0&feature=emb_logo
    Il truck Hyundai XCIENT Fuel Cell alimentato da idrogeno.
    https://www.youtube.com/watch?v=-pEiRoHfgOM
    Hyundai sta investendo per progredire nella mobilità elettrica.
    Piattaforma E-GMP, powertrain, trasmissione, sospensioni e batterie di alto livello tecnologico.
    Praticamente c’è quasi tutto.
    Manca solo il design.
    E quanto sia importante, lo sappiamo tutti.

Comments are closed.