Home Due ruote E-bike o muscolare? Transition mette tutti d’accordo con Relay

E-bike o muscolare? Transition mette tutti d’accordo con Relay

1

E-bike o muscolare? Transition mette tutti  d’accordo con Relay: una e-mtb che in pochi  istanti può trasformarsi in bici tradizionale. L’uscita sul mercato è prevista per aprile con prezzi tra i 7.999 e i 14.499 euro

Due biciclette in una, oppure una e-bike che vale doppio. Ecco come potremmo riassumere la nuova mountain bike a pedalata assistita Relay prodotta da Transition. Parliamo di un’azienda italiana specializzata in bici muscolari di alta gamma che lo scorso anno ha iniziato a produrre anche e-bike. Con Relay ha voluto far convivere i due mondi che oggi camminano in parallelo, non senza qualche sguardo torvo da parte di chi non contempla altro che la tradizione.

«Abbiamo sempre sognato una bicicletta che con un unico telaio potesse offrire sia un’esperienza elettrica che muscolare. La Relay è leggera, efficiente e silenziosa. Le sensazioni sono più intuitive e naturali rispetto ad un classica e-mtb». E’ la spiegazione che accompagna questa nuova idea di mobilità che elimina la domanda se sia meglio uno e-bike o una bici muscolare: Transition dice entrambe.

E-bike o muscolare? Realy si trasforma al volo

Le colorazioni, True blue o Oxide grey, per la massima modularità. Relay può essere utilizzata sia con la batteria che senza, rendendola così una normale mountain bike. La sua versatilità permette di utilizzarla anche in aree interdette alle e-bike. Infatti è possibile rimuovere e installare la batteria in pochi secondi, senza attrezzi. 

Due modelli una grande qualità

Sono due di fondo i modelli, Relay e Relay PNW con la  seconda che usa ammortizzatori da competizione e ha un prezzo base  di 9.499 euro. Per la Relay si parte da 7.990 euro, ma si può salire fino  ai 14.499 euro della versione Carbon XX AXS. Per maggiori chiarimenti meglio consultare il sito aziendale. Le bici  saranno  in vendita a partire da aprile.

Batteria e motore Fazua super leggeri

A  tal proposito la batteria da 430 Wh pesa 2,2 kg. È facilmente rimovibile dal tubo obliquo senza l’utilizzo di attrezzi e può essere ricaricata anche una volta estratta dal telaio. La batteria da 430 Wh, i 60 Nm di coppia, la potenza continua di 250 Wh, la potenza di picco di 450 Wh e il peso complessivo della Relay lavorano insieme in modo armonioso. Il motore di nuovo Fazua è il Ride60 da 60 Nm ed è super leggero con i suoi 1,96 kg. La resistenza minima e il rapporto peso/potenza donano una sensazione unica quando si pedala a motore spento oppure oltre i 25 km/h.

Unplug and play è lo slogan chiaro scelto da Transition per la e-bike che diventa muscolare

La Relay e la Relay PNW condividono lo stesso telaio. Il flip chip dell’ammortizzatore regola la geometria, compensando la ruota posteriore da 27,5″ o 29″. Sia la Relay che la Relay PNW possono essere configurate con 160 o 170 mm di escursione anteriore e posteriore, doppia ruota 29” oppure Mullet.  Set 29”- 29” e 160 mm di escursione per una guida più leggera in stile Flow, oppure la performante Relay PNW con escursione di 170 mm e ruote miste per spingere al massimo sui sentieri più impegnativi. 

Transition punta sule geometrie SBG

La geometria SBG garantisce agilità, trazione ed il corretto bilanciamento dei pesi alle basse velocità, aumentando al contempo il feeling sui percorsi ripidi e veloci. Con il sistema SBG, l’angolo di sterzo più aperto è abbinato al nuovissimo standard di forcelle con offset ridotto migliorando la distribuzione del peso tra anteriore e posteriore, spesso sbilanciata su biciclette con interasse lungo. Uno dei maggiori vantaggi della geometria SBG è fornire sicurezza in curva a qualsiasi velocità.

Sistema di sospensione GiddyUp è progettato per comportarsi in modo intuitivo in un’ampia gamma di configurazioni senza dover sacrificare ore a trovare il giusto setting dell’ammortizzatore.

Una e-mtb pronta a tutto

Il layout delle sospensioni GiddyUp offre 160-170 mm di escursione, utilizzando ammortizzatori con interasse 205×65 mm. E’ studiato per funzionare correttamente sia con mono a molla che ad aria ed è possibile aggiungere o rimuovere spacer di volume per adattarsi a qualsiasi stile di guida.

Relay è anche tanta tecnologia

Ring Controller regola le diverse modalità mediante una leggera pressione. Verso l’alto aumenta il livello di assistenza, verso il basso lo diminuisce. Premendo verso l’interno viene attivata la modalità “Walk”. Tenendo premuto il Ring Controller per 2 secondi da qualsiasi modalità di assistenza verrà attivata la modalità Boost, che fornirà la massima potenza per circa dieci secondi.

Tutti i controlli a portata di dito

L’elegante display posto sul top tube è dotato di 5 led che forniscono un’indicazione della modalità di assistenza e della durata della batteria. La Relay ha tre livelli di assistenza caratterizzati da tre colorazioni LED. La modalità BREEZE (Verde) è perfetta in molte situazioni ed è personalizzata da Transition per l’utilizzo su percorsi misti. RIVER (Blu) è una modalità automatica in grado di restituire la potenza di pedalata. Invece ROCKET (Rosa) fornisce la massima potenza per affrontare le salite più ripide ed i terreni più impegnativi.

per le specifiche avanzate c’è anche la App

L’app Fazua Ride60 si interfaccia alla Relay tramite la tecnologia bluetooth. Il profilo preimpostato è completamente personalizzabile in tutte le modalità di assistenza. Tramite Max Power e Support Relation è possibile impostare sia la potenza che la coppia massima in ciascuna modalità.

Support Relation permette inoltre di regolare la quantità di assistenza che viene erogata in relazione alla forza che si applica sui pedali. Ramp Up consente di regolare la reattività diassistenza in ciascuna modalità. Quest’applicazione offre una gamma completa di regolazioni per ottimizzare e migliorare la tua esperienza con la Relay.

-Iscriviti  alla Newsletter e al canale YouTube Vaielettrico.it-

Vesper
Apri commenti

1 COMMENTO

  1. Senza offesa ma non capisco dov’è l’innovazione, la maggior parte delle e-bike hanno batteria estraibile e ricaricabile anche senza essere inserita; la rimozione della sola batteria non trasforma la e-bike in una bici muscolare il peso complessivo sarà sempre maggiore per la presenza del motore, del telaio più grande e di tutto quello che a livello impiantistico ha bisogno una e-bike.
    Altra considerazione, se utilizzata come e-bike o come bici muscolare sarà sempre penalizzata a livello di prestazioni, nel primo caso perché una batteria da 430Wh ed un motore con 60Nm di coppia, non reggono il confronto con e-bike dotate di batteria da 750Wh e coppia da 90Nm; nel secondo caso perché il peso maggiore unito alla minore maneggevolezza, richiede uno sforzo maggiore per competere con bici che pesano anche 10-13kg in meno.
    Mi sembra un pò come una macchina ibrida, un compromesso con vantaggi minimi ma con i difetti di entrambe le categorie.

Rispondi