Home Aziende e flotte Dynamo Taxi “fumo di Londra”, Tesla Model 3 conquista NYC

Dynamo Taxi “fumo di Londra”, Tesla Model 3 conquista NYC

1
CONDIVIDI

Dynamo Taxi diventerà la prima azienda in Occidente a produrre solo taxi elettrici. Si rivolge ai tassisti londinesi ai quali offre la possibilità di allestire una flotta 100% elettrica. Anche a Madison, in Wisconsin, la Green Cab passerà dalle ibride Toyota Prius alle Tesla Model 3 per un servizio di e-cab a zero emissioni. E presto anche a New York la “piccola” della Tesla si colorerà di giallo per diventare parte della celeberrima flotta di Yellow Cab in servizio nella Grande Mela.

Gli Ev sono mezzi ideali per servizi a breve raggio come quelli cittadini (e nell’ambiente che più necessita di una riduzione dell’inquinamento). Tuttavia in Italia l’introduzione di taxi elettrici è ancora volontaria ed episodica, mentre l’idea di identificare i taxi “verdi” e renderli immediatamente riconoscibili è già arrivata in Paesi che non ti aspetteresti. E’ il caso della capitale albanese Tirana con Greentaxi, come Vaielettrico ha documentato l’anno scorso. O del più scontato Bios Goep di Amsterdam, della flotta Jaguar I-pace del Munich Taxi Centre a Monaco,  dell flotta  di taxi elerici di Vienna, della scontatissima Cina dove solo a Shenzhen i taxi elettrici sono 5 mila.

 

 

La Nissan Leaf del servizio taxi elettrici di Tirana

I Dinamo Taxi in stile fumo di Londra

Il progetto di Dynamo Taxi è appena stato presentato e ha incassato il via libera del Transport for London (TfL). E’ basato sul Nissan e-NV200 Evalia, modificato per rispettare le rigide regole dei taxi londinesi. L’e-NV200 prenderà il posto dei taxi ibridi cinesi LEVC (una sussidiaria della cinese Geely) attualmente in uso. Mezzi che vegono dalla Germania dove costano 60 mila euro.

I taxi elettrici della Dynamo hanno un’autonomia di 300 km (WLTP) e costano 55,495 sterline che scendono a 47.995 con gli incentivi previsti dal governo britannico. Saranno prodotti in 500 esemplari l’anno prossimo e entro il 2021 e  in 1.500. Il powertrain non è stato modificato (batteria di 40 kWh, motore da 80 kW) mentre per rispettare la rigida normativa sulle auto pubbliche londinesi è stato attrezzato con sistemi di pagamento contactless, superfici vetrate più ampie,  sistemi di accesso facilitati.  ‘ stato modificato anche il sistema di sterzo per accorciare il raggio  di curva. Il sindaco di Londra Shadiq Khan ha commentato: «Dynamo Taxi permetterà di accelerare il processo di conversione in elettrico dell’intera flotta londinese, come è nei programmi dell’ amministrazione».

40 Tesla Model 3 per Green Cab Madison

Green Cab Madison

Dall’altra parte dell’Atlantico, nella cittadina di Madison, Green Cab Madison ha scelto di convertire tutta la sua flotta taxi dall’ibrida Toyota alla Tesla Model 3. Quaranta auto in tutto.  Il progetto Green Cab è della società di servizi Zerology. «Potremo così risparmiare emissioni per 8,5 tonnellate di CO2 per ogni auto all’anno. E’ in invstimento in favore della nostra comunità» ha dichiarato Jody Schmidt, presidente di Green Cab.

Lo sbarco nella Grande Mela

Yellow Cab a New York

In America anche la flotta Yellow Cab di Columbus ha introdotto tra i suoi veicoli la Tesla Model 3 in 10 esemplari. In prospettiva la società convertirà tutti suoi 170 automezzi. E da pochi giorni la Model 3 è la prima auto 100% elettrica approvata per far parte ufficialmente della celeberrima flotta NYC Yellow Cab di New York. la decisione è stata presa dalla New York City Taxi & Limousine Commission.

1 COMMENTO

  1. Se la Tesla 3 conoscera un grande successo come taxxi nella La citta di New york questo permettera anche di democratizare l’uso del selfdrive persino nel traffico coatico di questa citta e di ridurre cosi il numero di accidenti di taxxi

Comments are closed.