Home Moto & Scooter Due ruote elettriche: la (sorprendente) top 10 europea

Due ruote elettriche: la (sorprendente) top 10 europea

0
CONDIVIDI

La voglia di elettrico continua a crescere in Europa, ma in modo eterogeneo. Lo dimostra il bollettino ACEM (Associazione dei Costruttori Europei di Moto) riferito ai dati di vendita nel primo semestre del 2019.

I piccoli fanno da traino

Analizzando le immatricolazioni di ciclomotori, motocicli e quadricicli a zero emissioni si osserva un incremento del volume d’affari del 70% rispetto allo stesso periodo del 2018. Sono 35.810 le unità vendute contro le 21.268 dell’anno precedente. La ripartizione vede una netta prevalenza degli scooter (28.577) sulle motociclette (5.812) e i veicoli leggeri a quattro ruote (1.421). Guardando in dettaglio i numeri delle principali nazioni coinvolte nel processo di elettrificazione, si distinguono come realtà virtuose Francia, Belgio e Paesi Bassi. Al contrario, gli stati ad alto potenziale stentano a decollare. Germania e Regno Unito fanno peggio dell’Italia, ove gli incentivi alla rottamazione con acquisto non stanno sortendo gli effetti desiderati.

Qui di seguito sono riportati i numeri di vendita aggregati

NAZIONE Dati Vendita Cumulativi

Gen. – Giu. 2018

Dati Vendita Cumulativi

Gen. – Giu. 2019

var.
Francia 5.433 8.723 +60,6%
Belgio 3.832 8.087 +111%
Paesi Bassi 3.899 6.321 +62,1%
Spagna 2.983 4.052 +35,8%
Italia 1.303 2.426 +86,2%
Polonia 732 1.472 +101,1%
Germania 658 1.281 +94,7%
Austria 861 1.130 +31,2%
Regno Unito 252 569 +125,8%
R. Ceca 143 446 +211,9%

Rialzo a due velocità

Per comprendere appieno la modalità con cui sta avvenendo la transizione verso la mobilità elettrica è necessario valutare le vendite degli EV all’interno del mercato unificato. Scooter e moto a zero emissioni hanno raggiunto il 4,48% sul totale delle immatricolazioni a due ruote nei primi sei mesi del 2019, incrementando sensibilmente la propria quota (2,68% un anno fa). Ancora una volta bisogna però notare una grande differenza tra i Paesi elencati.

In Belgio e nei Paesi Bassi i veicoli full electric costituiscono rispettivamente il 28% e il 15% della quantità complessiva di compravendite. In Germania e nel Regno Unito la tranche non raggiunge il punto percentuale, mentre in Italia si assesta sull’1,42%. Eppure la situazione nel Belpaese potrebbe essere molto diversa. Consultando il contatore del MiSE (Ministero per lo Sviluppo Economico) risultano erogati quasi 600 mila euro di incentivi rispetto ai 10 milioni stanziati, pari al 5,7% dei fondi disponibili come ecobonus. Si può fare di più.

Ecco i dati delle immatricolazioni

NAZIONE Dati Vendita Ciclomotori + Motocicli

(ICE+Elettrici)

Gen. – Giu. 2019

Dati Vendita Ciclomotori + Motocicli

(Elettrici)

Gen. – Giu. 2019

% Mezzi Elettrici sul totale
Francia 150.836 8.528 5,65
Belgio 28.144 7.945 28,22
Paesi Bassi 40.327 6.320 15,67
Spagna 97.122 3.949 4,06
Italia 148.550 2.124 1,42
Polonia 21.992 1.461 6,64
Germania 120.599 1.004 0,83
Austria 24.716 1.130 4,57
Regno Unito 59.410 569 0,95
R. Ceca 9.446 352 3,72

 

– leggi anche: Ecobonus snobbati, le due ruote elettriche non decollano