Home Bici Ducati e Yamaha, sfida anche in e-Mtb?

Ducati e Yamaha, sfida anche in e-Mtb?

0
CONDIVIDI

Ducati e Yamaha verso una sfida anche in e-Mtb? Di certo le e-bike le Ducati nuove di zecca sono pronte per la sfida alle mountain bike di tutto il mondo. Ma qualcosa si muove anche in Giappone: Yamaha svela la sua prima e-mtb al salone di Tokyo. Prototipo o nuova era che inizia?

Dalla pista ai boschi la strada è breve. Ducati e Yamaha, contendenti sulle piste più prestigiose del mondo, adesso si sfidano anche in mezzo ai boschi. Sono previste infatti nei prossimi mesi interessanti uscite di e-bike dei due storici marchi della velocità a due ruote. Ma andiamo a vedere nel dettaglio cosa si sa di certo.

  La gamma Ducati by Thok si aggiorna con nuovi modelli di e-MTB e Trekking con la MIG-RR Limited Edition, la MIG-S e la E-Scrambler. In occasione della Ducati World Première di Rimini, sono state presentate le novità 2020 del mondo e-bike della casa di Borgo Panigale. 

Come per la famosa MIG-RR, enduro di alta gamma lanciata a fine 2018, tutte le e-bike 2020 Ducati sono state realizzate in collaborazione con Thok e-bikes. In arrivo anche la modaiola Scrambler.

Ducati e-bike: MIG Limited Edition

L’Enduro “pronto gara” con  migliori componenti e una seconda batteria e relativo zaino Evoc E-Ride per trasportarla comodamente.

La Ducati MIG-RR Limited Edition è dotata di componenti esclusivi. Sospensioni Ohlins, forcella RXF36 m.2 con escursione di 170mm all’anteriore e ammortizzatore TTX Air 160mm al posteriore. Trasmissione SRAM X01 elettronica a 12 velocità (11-50), freni Shimano Saint a 4 pistoncini con dischi Ice Tec Freeze da 203mm, gomme Maxxis Assegai EXO+ TR 3C da 29×2.6 anteriore e 27,5×2,6 posteriore. 

In dotazione alla Ducati MIG-RR Limited Edition anche una seconda batteria Shimano da 504Wh ed uno zaino Evoc E-Ride con lo spazio per trasportarla, per poter contare su 1.008Wh. Motore Shimano Steps E8000 con la batteria posizionata al di sotto del tubo obliquo per migliorare la maneggevolezza.

La Ducati MIG-RR Limited Edition sarà prodotta in sole 50 unità numerate e personalizzate con nome del proprietario, assemblate in Italia con una speciale grafica Ducati Corse opera della D-Perf di Aldo Drudi. Sono già ordinabili nelle concessionarie Ducati in tutta Europa o sul sito www.ebike.ducati.com. Verranno consegnate, con sospensioni tarate appositamente sulle richieste dei singoli clienti, a partire da fine Gennaio 2020, prezzo di 8.890 euro.

Ducati e-bike MIG-S

La Ducati MIG-S con 150mm di escursione all’anteriore e 140mm al posteriore. Componenti di alto livello (forcella Marzocchi Bomber Z2, ammortizzatore Fox Float TPS, freni Sram Guide T a 4 pistoni, cerchi Thok e-plus da 29″ all’anteriore e 27,5″ al posteriore, trasmissione SRAM SX a 12 velocità 11-50).

Le sue geometrie sono studiate per affrontare con sicurezza sia le salite più impegnative che le discese più accidentate. Motore Shimano Steps E8000 con batteria Shimano da 504Wh posizionata al di sotto del tubo obliquo per migliorare la maneggevolezza. Costa 4.699 euro.

Ducati e-Scrambler

La Ducati e-Scrambler è la prima trekking e-bike nata dalla collaborazione fra Ducati e Thok Ebikes. Dotata del motore Shimano Steps E7000 e della batteria Shimano da 504Wh, grazie alle gomme Pirelli Cycl-e GT da 27.5×2.35 con ottima scorrevolezza, garantisce grande autonomia e una maneggevolezza da riferimento. 

Fari anteriore e posteriore, trasmissione SRAM NX ad 11 velocità (11-42). Parafanghi in alluminio, portapacchi predisposto per il trasporto di borse laterali. Forcella Suntur XCR 34 a molla da 80mm di escursione, reggisella telescopico che aumenta il comfort, permettendo di salire e scendere agevolmente in sella e di poter avere un appoggio sicuro al terreno nelle soste. Prezzo di 3.699 euro, arriva nel 2020.

Yamaha che fa le e-bike? 

A quanto pare la risposta è sì. Al Salone della moto di Tokyo, l’azienda giapponese ha stupito tutti, esponendo nel proprio stand anche la sua inedita e-bike.

La YPJ-YZ (che qui vediamo grazie alle foto pubblicate da MBR e scattate da Damo Blakemore) ha un telaio con una linea abbastanza classica, a parte il tubo superiore che se guardato dall’alto nasconde un dettaglio: si separa in due. 

Tra i due tralicci del suddetto tubo trova collocazione il fissaggio dell’ammortizzatore. Non si sanno ancora i dettagli, ma è ovvio aspettarsi il motore e la batteria made in Yamaha. L’ammortizzatore è Fox e la forcella è una X-Fusion rovesciata. Sia la forcella che il reggisella telescopico (anche questo Fox) hanno il trattamento Kashima Coat. 

Non ci sono annunci ufficiali in merito e quindi non sappiamo se e quando verrà commercializzata la e-bike nipponica. Certo dalle foto la curiosità aumenta.