Home Auto DS: dal 2025 solo elettriche e ibride plug-in-in

DS: dal 2025 solo elettriche e ibride plug-in-in

1
CONDIVIDI
La DS 3 Crossback e-Tense, primo modello elettrico della marca francese.

DS, marca del gruppo Peugeot-Citroen, dal 2025 lancerà solo elettriche o ibride plug-in. Dando l’idea delle prospettive di mercato delle “auto con la spinta”. 

DS
Un’altra immagine della DS 3 Crossback e-Tense.

DS crede nelle nozze tra lusso  e sostenibilità

DS Automobiles è la marca di prestigio del gruppo francese PSA, che a inizio anno si “sposerà” con FCA dando vita all’attesa fusione. Tra le varie marche di casa (oltre a Peugeot e Citroen c’è anche Opel), è quella che ha sposato con più convinzione la strada dell’elettrificazione. Al punto da poter annunciare a luglio di essere il brand europeo con la più bassa media di emissioni di CO2 nell’intera gamma. Una conversione del genere, in passato, è stata effettuata solo dalla Smart (Daimler-Mercedes), che da oltre un anno e mezzo produce solo modelli elettrici. Peraltro un po’ in anticipo coi tempi e con una prevedibile ripercussione piuttosto forte sulle vendite. I manager francesi sembrano invece convinti che di qui a 5 anni la situazione sarà matura per far convivere felicemente gamma sostenibile e bilanci in ordine.

In gamma un’elettrica e due ibride plug-in (per ora)

DS
La DS 7 ibrida plug-in: 58 km di autonomia in elettrico.

Al momento la DS ha un solo modello elettrico, la DS 3 Crossback e-Tense, che utilizza la stessa piattaforma tecnica della Peugeot e-2008. Si tratta di un Suv con un pacco batterie da 50 kWh e 320 km di autonomia dichiarata. Il motore ha una potenza di 100 kW (136 cv) di potenza e 260 Nm di coppia massima, che garantisce un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 8,7 secondi. Il listino parte da 39.600 euro per la versione So Chic e 44.300 euro per la Grand Chic (qui altre info). In gamma ci sono poi in versione ibrida-plug-in la DS 9 e la DS7 Crossback e-Tense. Ma è chiaro che è solo l’inizio di un cammino. L’impegno nell’elettrico è confermato dalla presenza fin dall’avvio, con notevole successo, nel Campionato mondiale di Formula E.

 

 

 

1 COMMENTO

  1. è sicuramente un’ottima notizia, come quella riguardante Bentley. Non capisco però perchè per la transizione vengano scelte le ibride plug in e non le elettriche con motore range extender. Mi sembra una tecnologia più furba e anche più economica visto che la trazione sarebbe tutta a carico del motore elettrico, eliminando una serie di componenti meccanici e permettendo di abbassare anche la cilindrata del motore a scoppio che funge solo da generatore. Forse mi sfugge qualche aspetto tecnico. Qualcuno può illuminarmi ?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome