Home Batterie Doppia mossa Renault per rafforzarsi nelle batterie

Doppia mossa Renault per rafforzarsi nelle batterie

0
CONDIVIDI

Doppia mossa Renault per rafforzarsi nelle batterie: siglate due partnership nel campo della produzione e progettazione, con Envision Aesc e Verkor.

Doppia mossa Renault, con la Francia al centro

L’obiettivo resta mettere la Francia al centro della road map Renaulution,il piano strategico rivelato a inizio anno. In particolare il gruppo francese annuncia:

  • con Envision Aesc la creazione di una gigafabbrica a Douai, vicino a Renault ElectriCity, per la produzione di batterie di ultima generazione. Batterie “competitive nei costi e con basse emissioni, per rendere la mobilità elettrica più accessibile”.doppia mossa renault
  • con la start-up francese Verkor per co-sviluppare e produrre batterie ad alte prestazioni. Obiettivo di arrivare a detenere una quota superiore al 20% in Verkor.

Le due partnership, insieme all’attivita’ del polo industriale Renault ElectriCity, contribuiranno a creare quasi 4.500 posti di lavoro diretti in Francia entro il 2030. “Sviluppando un solido ecosistema di produzione di batterie nel cuore dell’Europa”.

L’8 luglio risposta di Stellantis, con la fabbrica italiana

Spiega Luca De Meo, numero uno del Gruppo Renault: “Le partnership con Envision Aesc e Verkor rafforzano notevolmente la nostra posizione. E ci permettono di garantire la produzione di un milione di veicoli elettrici in Europa entro il 2030. Si tratta di una pietra miliare, in quanto rafforziamo il nostro vantaggio competitivo, facendo leva sullo slancio dell’industria francese. E cercando di raggiungere i nostri obiettivi sulla neutralità del carbonio“.

doppia mossa Renault
L’equipe di Verkor: la start-up francese è stata fondata solo nel 2020 e ora entra nell’orbita Renault.

Il gruppo, ha detto ancora de Meo, “riafferma cosi’ la sua volonta’ di produrre auto elettriche popolari, accessibili e convenienti in Francia“. A questo punto l’attesa si sposta sul Gruppo Stellantis, che l’8 luglio presenterà i suoi piani  per la produzione di batterie nell’EV2021DAY (visibile qui). Quel giorno il numero uno del gruppo nato da PSA e FCA dovrebbe annunciare la nascita di una Gigafactory in Italia, svelando la location scelta.

SECONDO NOI. Curioso che sia un manager italiano a insistere tanto sulla Francia come cuore pulsante di tutto il futuro Renault. L’azionista, ovvero il governo di Parigi, non scherza più: i nuovi investimenti vanno fatti tutti in patria, delocalizzazioni finite. Anzi: tornano in Francia attività finite fuori. Viene da chiedersi: che farà l’Italia, davanti a questa nuova ondata di “nazionalismo industriale?

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome