Home Tecnologia Dopo il COVID, da Wuhan arriva il primo motore al plasma

Dopo il COVID, da Wuhan arriva il primo motore al plasma

1
CONDIVIDI

L’idea di un aereo alimentato da un motore al plasma che utilizzi solo energia elettrica e aria sembrerebbe uscita da un film di fantascienza. Ma un team di scienziati cinesi ha sviluppato un prototipo che ne dimostra la fattibilità. L’annuncio ha provocato uno tsunami di reazioni in tutto il mondo.

Solo aria ed elettricità, ma spinge come un jet

Il team è quello dell’Institute of Technological Sciences dell’Università di Wuhan. Guarda caso la stessa città dove si è sviluppata la pandemia Covid-19, che qualcuno ipotizza provenire da un laboratorio di ingegneria genetica. E ora promette di regalare al mondo il sistema di propulsione in grado di de carbonizzare il più problematico dei mezzi di trasporto, quelle aereo. L’annuncio è arrivato martedì scorso, quando i ricercatori hanno dichiarato di aver sviluppato un prototipo di un dispositivo a getto di plasma in grado di sollevare una sfera d’acciaio da 1 kg (2,2 libbre) su un diametro di 24 mm (un pollice) tubo al quarzo. Questo motore comprime l’aria e la ionizza tramite microonde generando del plasma.

Le microonde per ottenere il plasma

La spinta relativa necessaria per raggiungere i risultati ottenuti in laboratorio è equivalente a quella di un motore jet di un aereo commerciale. E poiché il dispositivo utilizza solo elettricità e aria, una versione ingrandita potrebbe un giorno rappresentare un’alternativa a zero emissioni ai motori a reazione oggi in uso in tutto il mondo. Resta da chiarire però un particolare di non  poco conto: i ricercatori cinesi non hanno rivelato quanta energia elettrica sia necessaria per produrre il plasma. Dunque quanta dovrebbe immagazzinarne un aereo nelle batterie prima del decollo e di conseguenza che dimensioni e peso dovrebbero avere tali batterie.

Il plasma è uno dei quattro stati fondamentali della materia. Quello in cui gli atomi vengono ionizzati in particelle cariche. Un motore al plasma utilizza l’elettricità per generare plasma e quindi espellere gli ioni per produrre spinta.

Nel progetto cinese, l’aria pressurizzata viene iniettata in una camera e sottoposta a temperature ultra elevate (oltre 1.000 gradi Celsius) e microonde per creare un plasma ionizzato, che viene quindi espulso creando propulsione.
Partendo dal prototipo sperimentato con successo a Wuhan, i ricercatori ritengono che in teoria la macchina potrebbe essere scalata fino fornire energia sufficiente a far decollare e volare un aereo. Sempre che si mettano a punto materiali in grado di resistere al calore e alla pressione necessari a a gestire il plasma. “In futuro sarebbe possibile costruire un propulsore a getto di plasma ad aria a microonde ad alte prestazioni, che porrebbe fine alle emissioni di carbonio e al riscaldamento globale causati dalla combustione di combustibili fossili“, ha affermato il professor Jau Tang dell’Università di Wuhan, principale coordinatore del progetto. Una descrizione dettagliata del prototipo è stata pubblicata sulla rivista AIP Advances.
Apri commenti

1 COMMENTO

  1. da tempo esistono tecnologie per qualunque tipo di trasporto ad emissioni zero.
    Ma vengono continuamente ignorate.
    per il settore Navale, AEREO, TERRESTRE.
    + NUOVE TECNOLOGIE DI TRASPORTO,COMPLETAMENTE + SNELLE,+ FLUENTI,+VELOCI.
    IDEM
    PER IL TRASPORTO URBANO, EXSTRA URBANO, INTERNAZIONALE.
    COMPRESE PIATTAFORME SPAZIALI, ISOLE SPAZIALI, ETC. ETC.
    TUTTA IL SISTEMA TERRA .VIENE TENUTO INTENZIONALMENTE.

    IN UNO STATO DI OBSOLESCENZA, CAOS, INQUINAMENTO ALLUCINANTE.
    TUTTE TECNOLOGIE ITALIANE.
    ADESSO PURE I CINESI SE NE VENGONO FUORI CON LE IDEE GREEN
    E VOI TUTTI COME SEMPRE ABBOCCATE.
    ADDIO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome