Home Alla ricarica Decolla e-MOTICON, EvWay e Duferco connettono le reti

Decolla e-MOTICON, EvWay e Duferco connettono le reti

0
CONDIVIDI

Saranno interoperabili le infrastrutture di ricarica dei due operatori Ruote 2020-EvWay e Duferco. L’accordo è stato annunciato ieri a Milano in occasione dell’evento finale di e-MOTICON, il progetto europeo per dotare l’Arco Alpino di una rete di stazioni di ricarica che copra omogeneamente tutto il territorio attraverso accordi tra le regioni di diversi Paesi.

Il fondatore di evway by Route220, Franco Barbieri

L’interoperabilità tra gli impianti dei due operatori sarà attiva già a partire dal mese di aprile e consentirà agli utenti di EvWay e Duferco di utilizzare tutte le stazioni di entrambi i circuiti in modalità roaming, consentendo la copertura di tutto l’Arco Alpino. «L’accordo con Duferco conferma il nostro impegno fattivo nel promuovere l’interoperabilità tra gli operatori _  ha dichiarato Carolina Solcia, co-founder di Route220Il nostro obiettivo è offrire agli utenti elettrici una nuova esperienza di mobilità, grazie all’adozione sempre più smart di servizi digitali di pagamento e di scoperta del territorio. Ci fa piacere annunciare questo accordo proprio oggi, in occasione dell’evento finale del progetto e-MOTICON, per dimostrare le nostre azioni concrete nello sviluppo della mobilità elettrica nelle zone alpine».

Tutte le stazioni in roaming

L’obiettivo del progetto e-MOTICON, infatti, è favorire lo sviluppo della mobilità elettrica nello Spazio Alpino attraverso la definizione delle politiche europee nel campo della mobilità elettrica.  

«Questo accordo rispecchia la visione del mercato che entrambe le aziende hanno sempre sostenuto, basata su interoperabilità, roaming, competitività e apertura della rete _  aggiunge Sergio Torre, direttore Business Development di Duferco Energia _ Un lungo percorso ci ha portato a questa integrazione, abbiamo sviluppato un progetto a garanzia di modalità di interoperabilità più sicure, performanti e meno costose di quelle oggi più diffuse. Auspichiamo che questo possa portare altri operatori a collaborare per la definizione di servizi in Italia e in Europa che non potranno che favorire la crescita della mobilità elettrica»

 Route2020 nasce nel 2014 come start up innovativa con l’obiettivo di fornire un servizio di ricarica valorizzando la sosta, promuovendo le attività commerciali, le strutture di accoglienza turistica ed i territori che credono nella mobilità eco-sostenibile. Gestisce direttamente come CPO 185 stazioni  in Italia. La piattaforma EvWay, sviluppata da Route220, fornisce una mappatura completa e interattiva di tutte le stazioni di ricarica, in Italia e in Europa, accompagnate dall’indicazione di punti di interesse e di attività commerciali nelle vicinanze.

Duferco Energia, società del Gruppo Duferco che opera nel mercato energetico italiano, è tra i principali operatori di mobilità elettrica in Italia e un attore nell’ambito dell’efficienza energetica. E’ presente in 100 città con  circa 900 stazioni di ricarica.

Repower presenta il caso Livigno

Sempre nell’ambito di e-MOTICON anche l’operatore italo-svizzero Repower ha presentato la sua esperienza con il “caso Livigno”. Grazie alla collaborazione con il Comune Alpino ha dotato l’area di una rete di ricarica composta da 16 colonnine PALINA, caricatori intelligenti e di design. Di questi punti, 6 sono gestiti direttamente dall’amministrazione comunale che offre, per un periodo inziale, il servizio di ricarica gratuitamente. Il tessuto imprenditoriale locale ne ha installate 10 su aree private. Il quadro si completa con 7 punti di ricarica per e-bike e due auto elettriche per il Comune di Livigno, di cui una in uso alla polizia locale.

«Si tratta di una delle reti di ricarica più avanzate al mondo _ ha dichiarato Davide Damiani, responsabile relazioni esterne di Repower Italia _. Oggi questo Comune ha già saputo intercettare nuove tipologie di turisti, sempre più attenti alla sostenibilità. Repower ha saputo ricostruire un ecosistema, flessibile e pratico, in grado di rivolgersi a clienti diversi: dagli e-driver a chi usa le biciclette a pedalata assistita passando per la polizia locale che ora può usare un mezzo 100% elettrici».

Una Palina Repower nel cortile di un Hotel

Repower ha ripresentato poi la terza edizione del White Paper sulla mobilità sostenibile e i veicoli elettrici. Si tratta di un documento molto aggiornato da cui è possibile ricavare una panoramica sul settore, tracciando le ultime tendenza a livello mondiale.

Arco Alpino elettrico e  interoperabile

A tre anni dall’apertura dei lavori, e-MOTICON, la conferenza che coinvolge i principali stakeholder europei della mobilità elettrica, ha presentato a Milano i risultati di progetto, finanziato per oltre 1,7 milioni da programma Fesr dell’Unione europeo e dagli altri partner fino a un totale di oltre 2 milioni di euro. Durante l’evento è stato sottoscritto da tutti i partner il protocollo d’Intesa che identifica i sei pilastri della strategia transazionale condivisa nell’ambito del progetto con lo scopo di attuare azioni omogenee nello spazio Alpino.