Home Incentivi Daniele e l’incentivo svanito in Friuli / Vaielettrico risponde

Daniele e l’incentivo svanito in Friuli / Vaielettrico risponde

27
CONDIVIDI
La Opel Mokka-e, l'auto scelta da Daniele: avrà l'incentivo statale, ma non quello della Regione Friuli.
Daniele ci scrive dal Friuli. Ha acquisto una Opel Mokka elettrica contando anche sull’incentivo regionale, che però poi è svanito. Vaielettrico risponde.

Daniele: “Così ho perso 5 mila euro di bonus regionale”

“Vi scrivo dal Friuli Venezia Giulia, regione che riconosceva un contributo per la rottamazione di veicoli inquinanti a fronte di ibridi (full, mild o metano) o elettrici. Nuovi o anche usati. Nel novembre 2020, causa ennesimo guasto della mia 13enne Euro 4 e grazie alla prospettiva di produrmi grandi quantità di energia elettrica rinnovabile con l’installazione di un impianto fotovoltaico usufruendo del superbonus 110%, decidiamo di fare lo switch. Ordiniamo una Opel Mokka-e che tanto piace a mia moglie. Situazione perfetta per beneficiare del potenziamento degli eco-incentivi statali del decreto agosto e contributo regionale cumulabile. danieleA fronte di un prezzo di listino di 34 mila €, il concessionario ci fa un preventivo di 23.900€ comprensivo di optional, prezzo ottenuto grazie ai 10 mila€ di contributo rottamazione statale e sconto di lancio. A questi vanno sottratti i 5000 € di contributo regionale per rottamazione e acquisto auto EV, da richiedere appena immatricolato il veicolo nuovo. Non ci pensiamo due volte e ordiniamo la vettura. Peccato che a febbraio 2021 la Regione FVG comunica sul proprio sito che i fondi stanziati coprono le domande presentate nel 2020. E sono validi solo per veicoli immatricolati entro l’1/1/2021. Oltre tale data al momento non sono previsti contributi. Il concessionario non ha colpe, nessuno poteva immaginare un cambio di carte in tavola. Alla fine la vettura mi piace e la comprerò lo stesso, non ho intenzione di buttare altri soldi in manutenzioni su un vecchio diesel inquinante. E non vedo l’ora di vedere l’auto caricarsi gratis col fotovoltaico. Però mi sento preso abbastanza in giro dalla mia Regione. Daniele.

Incentivi così ricchi scontentano troppe persone

Daniele
L’assessore all’ambiente,della Regione Friuli, Fabio Scoccimarro

Un po’ ovunque gli incentivi regionali nascono con ottime intenzioni, ma si finisce per deludere più persone di quelle che si riescono veramente ad accontentare. Di recente abbiamo raccontato le lamentele nate dalla difficoltà di accedere all’incentivo concesso dalla Regione Lombardia,“bruciati” in poche ore.  Adesso ci arrivano lagnanze anche dal Friuli (qui la nota dalla Regione),per motivi che Daniele spiega bene nel messaggio pubblicato sopra. Una cosa ci sfugge: perché vengono scelti bonus individuali di importo così alto, col rischio evidente di accontentare un numero insufficiente di persone? In fine dei conti questi incentivi sono cumulabili con quelli statali e si arrivano a sconti finali molto importanti. Nel caso del lettore friulano sono 15 mila euro (10 mila statali + 5 mila regionali). In Lombardia si arrivava addirittura a 18 mila euro (10+8). Non era più sensato limitarsi a 2-3 mila euro e incentivare un numero almeno doppio di persone?

Apri commenti

27 COMMENTI

  1. Siamo a ferragosto, sono ripartiti gli incentivi statali, e del rinnovo concreto degli incentivi regionali dopo 8 mesi neanche l’ombra!

  2. Quando i fondi che ti arrivano in regione non li sai gestire queste sono le conseguenze.
    Su 25mln che avevano a disposizione per il 2020 guardate come li hanno stanziati:
    https://www.regione.fvg.it/rafvg/comunicati/comunicato.act?dir=/rafvg/cms/RAFVG/notiziedallagiunta/&nm=20191212140048004
    Ai contributi per l’acquisto di auto a basse emissioni per i cittadini hanno preferito l’acquisto di auto (non poche) per la PA: auto che nella maggior parte dei casi non fanno altro che occupare tutto il giorno e per niente le colonnine di ricarica (fatte con gli stessi fondi) nei vari parcheggi di Udine.
    A parte la chiara discutibilità e i vari dubbi sulla scelta di investire in auto elettriche per la PA, il fatto di aver stanziato così poco per gli incentivi ai cittadini è segno di chiara incompetenza nel prevedere/stimare il mercato e le scelte dei propri cittadini.
    Io sono nella sua stessa situazione, auto acquistata a novembre 2020, immatricolata a fine marzo. Su suggerimento della CCIAA ho fatto comunque domanda i primi di aprile per diciamo “mettermi in coda”.
    Ora sono stati stanziati ulteriori fondi che stando alla CCIAA (che ho chiamato personalmente) riusciranno a soddisfare solo le domande fatte fino a settembre 2020…a voi i commenti…
    Per eventuali altri rifinanziamaneti o bandi non si sa niente.

    Al di la di tutte le diatribe fra chi ha e chi non ha gli incentivi (in Friuli per esempio il bollo per le plug-in lo paghi tutto a differenza della Lombardia mi pare)…vedere che i fondi vengono letteralmente buttati via lo ritengo ancora peggio…

  3. I fondi erano finiti, ma si poteva ancora fare domanda. Il regolamento non aveva una data di scadenza. Infatti la regione Friuli ha stanziato altri soldi e l’incentivo verrà dato anche a chi ha acquistato l’auto dopo agosto 2020 ed entro dicembre. La comunicazione della chiusura della linea contributiva è avvenuta a fine dicembre e pubblicata sul sito della camera di commercio dopo il 15 gennaio 2021. Noi, che abbiamo ordinato l’auto nuova i primi di gennaio rottamando un euro 2, pur non avendo la certezza dell’ottenimento del contributo, pensavamo di poter fare domanda. E invece, a posteriori, abbiamo letto che non si poteva più.

      • Noi abbiamo ordinato l’auto l’11 gennaio 2021 che poi abbiamo immatricolato in marzo; sul sito della camera di commercio l’avviso che poteva fare domanda di contributo regionale solo chi aveva immatricolato l’auto entro il 1 gennaio 2021, ai sensi della legge regionale FVG di stabilità n° 26 del 30/12/2020, è stato pubblicato il 19.01.2021, a posteriori rispetto il nostro ordine.
        Comunque, leggendo la medesima legge n° 26, all’articolo 5 commi 25-26-27, sembrava imminente (entro 60 giorni) l’approvazione di un nuovo regolamento che avrebbe disciplinato l’erogazione di incentivi per le auto con altri parametri rispetto al precedente. Almeno noi abbiamo capito così, ma ciò non è ancora avvenuto per quanto ne sappiamo.

  4. Infatti a gennaio ero lanciatissimo anch’io dal concessionario per acquistare un’ibrida rottamando la mia diesel euro4 di 13 anni.
    Peccato che poi ho scoperto la fregatura.
    A gennaio che la camera di commercio mi aveva detto che entro 2/3 settimane avrebbero rinnovato gli incentivi, siamo a giugno domani e non ce n’è nemmeno l’ombra.
    Molto molto male!

  5. Rispondo sulla questione “erano finiti e si sapeva”: non è del tutto vero. Mia madre ha acquistato a febbraio un’auto ibrida, usufruendo dei contributi statali ma con la speranza di avere accesso anche a quelli regionali. Questo non perchè crediamo ai concessionari, ma perchè cercando online avevamo letto diversi articoli (anche sul sito della regione) in cui veniva dichiarato che nel 2021 sarebbero stati finanziati nuovi incentivi, che erano stati approvati nella legge di stabilità di dicembre e che entro qualche mese (dalla legge) avrebbero pubblicato il regolamento ecc.
    Poi invece d’improvviso si scopre che per il 2021 non c’è nulla ed era tutto a coprire le vecchie richieste. Sparito tutto.
    Anche noi ci sentiamo prese in giro. Non ci contavamo al 100%, ma non avere nemmeno la possibilità di fare richiesta è incredibile. Inutile che Scoccimarro si vanti con i giornali e faccia promesse a dicembre per poi dare la colpa ai concessionari di aver ingannato i clienti.

  6. Che i fondi regionali fossero esauriti si sapeva da agosto 2020 c’era scritto chiaro sul sito della regione, uno che deve acquistare magari giusto una letta dovrebbe darla, e sul fatto che i concessionari non lo sapessero beh non può essere è il loro lavoro e vengono costantemente aggiornati dalla regione, quelli che hanno continuato a vendere ingannando i consumatori andrebbero multati almeno, stavo per prendere a febbraio una e208, il concessionario mi ha proprio scritto (su carta di formaggio ovviamente) 23700 meno i 5000regionali, ovviamente sapevo che mentiva e gli ho detto facciamo il contratto, mentre stavo concludendo gli ho fatto notare che non c’era menzione del contributo regionale e che volevo fosse scritto che ne avevo diritto visto che mi aveva assicurato di si. Risultato ho discusso per un’ora e sono uscito con un ci penso… Mai più richiamato dal conce.
    Il fatto certo è che l’incentivo in fvg è stato fatto con i piedi da gente incompetente che ha fatto un minestrone di alimentazione e contributi senza senso.
    5000 elettrico
    4000 ibrido (senza specificare plugin o altro per cui anche una panda a cui l’ibrido fa il solletico ne ha beneficiato infatti le ibride hanno preso quasi tutti i fondi)
    3000 bifuel metano (abbiamo ben 2 distributori in regione per cui nessuno le compra)
    È stato un fallimento su tutta la linea.
    Per non parlare della legge regionale 2021 che non è ancora stata ratificata che è ancora peggio di prima.
    Si sono accorti che la legge precedente era stata una schifezza e ne hanno fatta una peggio.
    Ho scritto alla regione lamentandomi ma mi hanno sempre risposto per voce (non scherzo) per non lasciare qualcosa di scritto.

  7. E’ da qualche tempo che ho letto questi commenti e voglio aggiungere la mia esperienza. Anch’io in gennaio 2021 ho ordinato un Mokka elettrico per mia moglie. Al momento del primo contatto e poi del contratto, il rivenditore mi ha sempre assicurato che oltre agli incentivi dello stato, sicuramente avrei preso anche il contributo regionale di 5.000 euro. Dopo il contratto con la caparra, il venditore non mi aveva convinto riguardo al contributo regionale, anche se io ci contavo e l’avevo ormai considerato come sconto nell’acquisto. Sono andato nella stessa consessionaria ma in altra sede, mi sono fatto fare un preventivo per un mokka elettrico ed ho chiesto informazioni riguardo al contributo regionale. Questo venditore mi ha detto che il contributo non era certo. Ho fatto la stessa cosa in altre consessionarie e tutti mi hanno detto che non era certo e quindi da non considerare. L’unico che mi aveva data l’assoluta certezza era dove avevo fatto il contratto. Dopo aver letto i vostri articoli ed aver telefonato in Camera di Commercio di Pordenone, i quali anche loro mi hanno riferito che il contributo era finito in dicembre 2020 e al momento non c’era niente (febbraio 2021) e che FORSE in Marzo o Aprile 2021 si sarebbe saputo qualcosa, ho immediatamente scritto al concessionario dove avevo prenotato l’auto e loro non mi hanno risposto. Io quindi ho annullato l’ordine tramite PEC, ci ho rimesso la caparra MA HO PREFERITO PRENDERE UN’ALTRA AUTO ELETTRICA DA UN’ALTRO CONCESSIONARIO, questa volta NO OPEL, dove il venditore mi è sembrato molto più onesto del primo!

  8. Mi unisco a voi anch’io, a ottobre 2020 mi sono convita ad acquistare una Fiat 500 elettrica, rottamando la mia vecchia Yaris di 140.000 Km perfettamente funzionante, gli incentivi (oltre a quelli statali) erano di 5000 euro per i residenti in Friuli. L’auto nuova mi arriva il 24 gennaio, rottamo la vecchia, mi preparo a fare la domanda del contributo regionale, ma con estrema delusione non posso inoltrarla, l’ auto nuova doveva essere immatricolata il 1 gennaio 2021. Se lo avessi saputo prima non avrei cambiato l’auto.

  9. Ho acquistato un sito ibrida a febbraio 2021. Il rivenditore mi ha detto che avevo diritto a un contributo regionale di 3000/4000 euro. Mi sono informata alla CCIAA mi hanno detto che il bando della Regione deve ancora uscire.
    Credo che non li vedrò mai..

    • Ho telefonato alla CCIAA DI UDINE … mi hanno riferito che i fondi messi a bilancio sono esauriti e quindi si sta attendendo la proroga del bando se la Regione intenderà farlo.
      Ad oggi nessuna nuova notizia.
      Anch’io ho scelto una ibrida anche se il concessionario mi ha comunque informato preventivamente dell’esaurimento dei fondi.
      Mi ha comunque consigliato di tenermi informato….

  10. Anche a me successo stessa cosa …mi sono convinta a settermbre 2020 all’acquisto.di un auto hybrida anche se la mia vecchia auto era ancora perfettamente funzionante e con soli 115000 km…gli incentivi erano diversi ed abitando in Friuli c”era ancora quello della regione , nel mio.caso di 4000 euro…auto arrivata il 21 gennaio , rottamo la vecchia, mi preparo a fare domanda del contributo regionale e SORPRESONA…il contributo non c’è più..
    Se lo avessi saputo prima probabilmente avrei fatto un.acquisto diverso

  11. Più o meno la stessa storia che sto vivendo io. Auto a metano immatricolata a Maggio 2020 e domanda inoltrata nello stesso mese. Morale, sto ancora aspettando non dico il bonifico…ma almeno la notizia che lo riceverò! Mi sento anche io presa in giro dalla mia regione purtroppo

  12. ….oppure come in Emilia Romagna dove si è dato l’incentivo anche a chi a comperato un Diesel Euro6? Ok, è stato dato un incentivo ridicolo di poche centinaia di euro, cosa che poteva fare il concessionario, ma non è certo così che si fa pendere la scelta di chi deve cambiare auto verso un tipo di auto ad emissioni zero. Dopotutto ce li siamo scelti noi i nostri governatori, pretendiamo anche di lamentarci?

  13. Anch’io vivo in Friuli e ho acquistato un’ibrida plug-in che mi permetterebbe di accedere al bonus extra regionale. Ho chiamato la camera di commercio per informazioni e mi hanno risposto che il prossimo bando verrà fatto ad aprile e sarà retroattivo per chi, come me, ha ritirato l’auto a fine febbraio. Stanno vedendo di riformulare le quote bonus in quanto fin’ora era solo diviso tra elettriche e ibride. Adesso dovrebbe essere frazionato tra elettriche, ibride plug in e full hybrid.
    Dai un occhio ogni settimana alla pagina web della camera di commercio della tua provincia nella sezione novità.

  14. Il 2020-2021 sarano glil anni degli incentivi. 110%, auto elettriche soprattutto al Nord e chi più ne ha più ne metta. Aggiungiamo anche il Cashback, il Super Cashback e la lotteria degli scontrini. Io non sarei così amareggiato per non aver goduto di ulteriori 5000 euro. Sono davvero “dovuti”? È davvero un “diritto” goderne in quanto residente in FVG?
    Mi piacerebbe un’analisi sulla disparità dei contributi… sono nazionali ma una buona parte finiscono in Lombardia, Trentino, Friuli, Emilia, tutte regioni con “l’aiutino” locale che rendono l’auto elettrica ancora più invitante. E poi si vedono eUp in rivendita da privati a 16-17 mila euro, magari pagate meno di 10.000…

  15. “Non era più sensato limitarsi a 2-3 mila euro e incentivare un numero almeno doppio di persone?”

    Certo che lo sarebbe stato, ma anche meno utilizzabile come propaganda politica. Vuoi mettere la differenza fra 12000 e 18000? Che poi ci arrivino in pochi, scusate la franchezza, CSNF.

  16. Beh meglio rischiare di prendere un incentivo regionale “extra” o avere la certezza di non prenderne affatto, come qui in Sicilia?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome