Home Auto Dalla VW alla Porsche: ID.3 e Taycan / Le prove degli altri

Dalla VW alla Porsche: ID.3 e Taycan / Le prove degli altri

0
CONDIVIDI
La Volkswagen ID.3 e la Porsche Taycan provate da due testate internazionali.

Dalla VW alla Porsche, ovvero dalla ID.3 alla Taycan quest’ultima nella versione meno costosa. Continua la nostra serie Le prove degli altri, con i più interessanti test dei modelli elettrici messi in rete dalle testate straniere.

dalla VW alla Porsche
La pagella finale di AUTOCAR dopo la prova della ID.3

Dalla VW alla Porsche: i voti alla ID.3

Volete un esame approfondito della Volkswagen ID.3, quella che nelle intenzioni della Casa deve diventare “l’elettrica del popolo”? Lo trovate qui, sul sito del giornale inglese AUTOCAR. Diciamo subito che il giudizio finale è buono, ma non trasuda entusiasmo. A convincere l’autore della prova, Matt Saunders, sono stati soprattutto l’autonomia reale (ottima anche a velocità autostradali, con batteria 58 kWh) e la praticità d’uso. Oltre alla piacevolezza dei viaggi in città, a bassa velocità. Quel che invece non ha convinto è la qualità dei materiali degli interni (già criticata in altre prove) e la guida a velocità più sostenute, definita “insipida“. Gli inglesi, si sa, guardano alle prestazioni e da questo punto di vista altri modelli elettrici, con la loro accelerazione, hanno convinto di più il collega inglese. Insomma, un’auto di sostanza, ma che non scalda i cuori sportivi, con uno stile definito in modo molto british “clinico“. Voto finale: 4 stelle su 5, con la ID.3 definita una buona base per costruire una nuova generazione elettrica VW.

dalla VW alla Porsche— Leggi anche: il nostro test di 10 mila km con la Volkswagen ID.3, in tutte le condizioni 

Promossa la versione “popolare” della Taycan

dalla VW alla Taycan
La prova della Taycan, con video, effettuata da Automobile Propre.

Dalla VW alla Porsche. I colleghi francesi di Automobile Propre hanno messo alla prova la meno costosa della Taycan, che si chiama semplicemente Taycan. Da 0 a 100 accelera in 5,4″, contro i 4″ netti della 4S. Ma costa anche 23 mila euro in meno (da noi 88.992 contro 112.538). Il giudizio è  positivo sotto tutti gli aspetti, compresa la guida in città, con funzioni come il cruise control e il Porsche InnoDrive che ti evitano anche il pericolo-multe. “Anche l’intensità della rigenerazione viene regolata automaticamente in base alle condizioni“, scrive Automobile Propre. “Alla fine, il sistema Porsche ci sembra più rilevante del dispositivo FSD di Tesla, lungi dall’essere completamente sviluppato“. Infine due dati su consumi e ricarica.Con il cruise-control, in autostrada il consumo medio è stato di circa 21 kWh/100 km. Il che equivale a un’autonomia di 400 km, che si riduce a 300 pestando sull’acceleratore (26 kWh/100 km). Quanto alla ricarica, in una stazione Ionity il picco è stato di 250 kW. Che è un bel ricaricare.

Le prove degli altriqui la puntata con la Dacia Spring – Qui quella con la Nuova Fiat 500 (infotainment) e la Honda e – Qui la Volvo XC 4p e altri 3 Suv elettrici.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome