Home Tecnologia Da KLM e Piaggio le prime valigie elettriche “intelligenti”

Da KLM e Piaggio le prime valigie elettriche “intelligenti”

0
CONDIVIDI

Valigie semoventi, facchini automi, guide robotizzate per luoghi complessi come un grande aeroporto internazionale. Con trazione elettrica e supporto digitale tutto ciò è possibile.

Ci aveva pensato per prima la Piaggio con i prototipi Giro e Kilo sfornati dalla sua divisione per l’innovazione Piaggio Fast Forward guidata da Michele Colaninno. Ma la prima applicazione commerciale arriva dalla compagnia di bandiera olandese KLM col suo Car-E, un piccolo ma sofisticato assistente ai passeggeri appositamente progettato per facilitare gli spostamenti in aeroporto.

Car-E è da qualche giorno in fase di sperimentazione nello scalo di San Francisco e da agosto anche al JFK di New York. Una volta superati i controlli di sicurezza, Care-E aiuta i passeggeri a orientarsi fra terminal e gates, sollevandoli anche dal peso del bagaglio a mano che è in grado di trasportare autonomamente fino a un massimo di 38 chili. Esegue la scansione della carta d’imbarco, carica i trolley e si dirige verso la destinazione; ma se il passeggero vuol fare una digressione per mangiare un boccone, fare shopping o usare i servizi igienici, lo segue docilmente utilizzando i suoi sistemi di guida intelligente, collegati in tempo reale con il database di arrivi e partenze, e sempre informati su eventuali cambi di orario o di gate. Car-E è un concentrato di alta tecnologia: dal telerilevamento laser Lidar per evitare collisioni e ostacoli alla mappatura dello scalo in 2D fino a una camera Rgb-D per scansionare le carte d’imbarco e otto misuratori di distanza a ultrasuoni. E per interagire con il robortino KLM, non occorre sapere l’olandese o l’inglese: ogni rapporto col passeggero viene svolto attraverso una serie di suoni non verbali famigliari a chiunque, oltre a delle animazioni sul display Led 4K che è il “volto” di Car-E. Questa prima fase demo aiuterà KLM a stabilire le modalità di introduzione del nei principali hub del vettore a partire dallo scalo Schiphol di Amsterdam.

Attende ancora di essere commercializzata, invece, Piaggio Gita, la valigia completamente elettrica ed autonoma che può trasportare fino a 18 chilogrammi (è pronta anche Kilo, la versione da 100 chili di carico) e memorizzare alcuni percorsi, per muoversi senza la presenza di una persona. Può comunque seguire il “padrone” grazie a una sistema di micro telecamere che identifica i movimenti delle gambe e le segue fino a una velocità massima di 35 km/h. La forma sferica ed il design pulito ne caratterizzano la personalità.

“Comprendere profondamente le persone, le loro abitudini per soddisfare le loro esigenze: questo il percorso che ci ha portato a creare Gita – dichiara Michele Colaninno –. Abbiamo capito che dobbiamo creare prodotti in linea con i bisogni degli uomini di domani, e lo facciamo attraverso gli uomini”. Oltre alla comodità, questa speciale valigia robot può diventare un supporto importante per chi deve convivere con una mobilità ridotta, come anziani, bambini e persone diversamente abili. Nella versione Kilo ha una capacità di 120 litri. Rispetto alla più piccola, si muove su tre ruote.

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome