Home Auto Crash test, Uber-Tesla, VW e R5: settimana flash

Crash test, Uber-Tesla, VW e R5: settimana flash

14
CONDIVIDI
4 STELLE / La BMW i4 manca il punteggio massimo per i sistemi di assistenza alla guida.

Crash test per BMW I4 e Cupra Born – Tesla spopola tra gli autisti di Uber – Prima pietra per la fabbrica VW di batterie – Renault 5 d’autore: settimana in 4 flash.

crash test
5 STELLE / La Cupra Born dopo le prove di crash frontale.

Crash test: la Cupra Born meglio di BMW i4

Sorpresa nei crasi-test di Euro NCAP, per saggiare la sicurezza in caso di incidente. La BMW i4 non è andata oltre una valutazione complessiva di 4 stelle, mentre la Cupra Born ha ottenuto 5 stelle, il massimo. La pagella del modello tedesco è stata penalizzata dal nuovo sistema di rating Euro NCAP, che attribuisce importanza all’efficacia dei dispositivi di assistenza alla guida. In particolare alla frenata di emergenza autonoma. Questo dispositivo si è guastato durante la simulazione di uno scontro in un incrocio, determinando un voto basso nei dispositivi di sicurezza: 64%. Per il resto tutto secondo le attese. Per la parte “protezione degli adulti”, il punteggio è 87%, così come per la protezione bambini, mentre per la tutela degli utenti deboli della strada (investimento di pedoni o ciclisti) il risultato è del 71%, nella norma. Ma la Born ha fatto meglio: protezione degli adulti 93%, protezione bambini 89% e protezione utenti deboli della strada 73%.

crash testCrash test e…/ Tesla spopola tra gli autisti di Uber

Negli Usa Tesla sta diventando “l’auto ufficiale” dei conducenti di Uber. Otto mesi fa l’azienda di noleggio con autista aveva annunciato una nuova partnership con Hertz per rendere disponibili fino a 50.000 Tesla da noleggiare entro il 2023. Esclusivamente per  chi utilizza la rete Uber negli Stati Uniti. In settimana è stato comunicato che i conducenti di altre 30 città, tra cui Los Angeles, Houston, Boston, Chicago, Atlanta e Miami, possono ora noleggiare una Tesla attraverso il programma. Ad oggi, più di 15.000 conducenti hanno noleggiato un’auto della marca di Elon Musk con questa soluzione, completando più di 5 milioni di corse per un totale di 40 milioni di miglia “elettriche”.

crash test
Foto di gruppo per la posa della prima pietra. Al centro il cancelliere Scholz e il n.1 Volkswagen, Diess. L’unica donna è Daniela Cavallo, capo del sindacato interno.

Fabbriche di batterie: prima pietra per VW a Salzgitter

Prima pietra per la prima fabbrica di batterie Volkswagen nello stabilimento di componentistica di Salzgitter. Dal 2025, l’impianto produrrà la cellula unica per i modelli di grandi volumi dela nuova business unit PowerCo. Presente alla cerimonia anche il cancelliere Olaf Scholz, con il presidente della Bassa Sassonia Stephan Weil. “In quasi nessun altro settore il cambiamento è fondamentale come nell’industria automobilistica“, ha detto Scholz. “E il cambiamento funzionerà se non ci soffermiamo sul vecchio, ma afferriamo il nuovo per le corna“. Gli ha fatto eco il n.1 Volkswagen, Herbert Diess: “La batteria sarà il driver di grande valore dell’auto, insieme al software: non lo lasceremo sfuggirci di mano“. La fabbrica produrrà celle su larga scala, su un’area delle dimensioni di 30 campi da calcio. Lo stabilimento ospiterà anche il Global Battery Hub del Gruppo VW, centro di sviluppo e test di tutte le marche.

crash testRenault 5 Diamant, si celebra il passato in attesa che…

La Renault continua a scaldare l’attesa in vista dell’arrivo della nuova R5 elettrica, nel 2024 . E, visto che nel 2022 ricorre il 50° anniversario del modello originale, ha chiesto al famoso designer francese Pierre Gonalons, di creare una show-car celebrativa, la Renault 5 Diamant. Un’elettrica retro che “cattura la visione del designer dell’auto del futuro, combinando i tratti distintivi dell’automotive e della decorazione d’interni“. L’ispirazione di Gonalons è venuta dalle arti decorative, e in particolare dall‘alta gioielleria, visibile in diversi dettagli. Su questo progetto, Renault e Gonalons svilupperanno anche un’ampia collezione di NFT ispirati alla Diamant, che sarà presentata a settembre. Diamant sarà messa all’asta poche settimane dopo con il suo gemello digitale NFT. Il ricavato devoluto a Give Me 5, il progetto di CSR del brand per raggiungere i giovani attraverso sport e musica.

Apri commenti

14 COMMENTI

  1. La parte estetica ovviamente è molto soggettiva, ma se per la R5 Renault userà la stessa base software della Megane, avrà in mano un ottimo prodotto. Sono infatti andato oggi a provare per curiosità la Megane, e Google Automotive mi ha impressionato: velocissimo, fluido (e bellissimo sullo schermo 4k di LG), con tantissime funzioni tutte personalizzabili (quasi troppo), profili multi-utente, il play store con già diverse app che immagino aumenteranno in futuro, e update OTA pare già parecchio frequenti (leggendo le opinioni dei clienti Polestar).

  2. A parte il guasto (che non dovrebbe accadere, ma si sa che la sfortuna non è affatto cieca), trovo comunque un po’ deludenti i singoli voti di entrambe.
    87% protezione adulti: la Model 3 fa 96% ed è di 4 anni fa. Anche l’80% della Cupra come safety assist cozza contro il 94% della Model 3. Solo che in questi 4 anni è costantemente migliorato grazie agli aggiornamenti, rifatto ora il punteggio sarebbe superiore (e lo sarebbe persino in protezione adulti, dato che è cambiato anche il software che controlla il pretensionamento cinture e attivazione airbag).

    Aspetto la mitica R5. Mi auguro che sia una rinascita, gloriosa. E speriamo nel prezzo….

    • Non puoi nemmeno immaginare come mi svegli quasi ogni mattina sperando che la R5 esca con un prezzo abbordabile per me. Ormai mi ci vedo seduto dentro e la paura di non potermela permettere mi preoccupa un po’

    • cambia la tecnologia e si debbono adeguare anche i parametri di valutazione generali del veicolo po sta a te se dargli un peso e quanto . Mi sembra di capire che fra qualche anno i produttori saranno obbligati mettere un sistema di adeguamento della velocità automatico in base alla velocità che sarà percorribile sulle varie strade quindi le vetture che non hanno questo dispositivo prenderanno un rating bassissimo. però visto che certi personaggi guidano per strada ben venga e chissà che il sistema venga integrato ad una guida autonoma livello 3 così potrò dormire come quando viaggio in aereo.

      • A me sta roba del limitatore automatico, per quanto utilissimo contro certi personaggi dei 180 allora in autostrada… Ma mi chiedo… Quando la domenica passi da un cantiere che ha il cartello 20 allora in autostrada, ma essendo fermi i lavori non c’è necessità di andare così piano (magari a 60/70 ci vai senza problemi non per forza a manetta) che succederà hehe cantieri lunghi a un certo punto tutto il traffico ha una botta di arresto perché è entrato il limitatore, a questo punto ci sarà solo da sperare in una rapida adozione di guida autonoma così da dimenticarsi anche di guidare e a quel punto se deve rallentare frega poco, ti fai un pisolo

    • Perché? Le auto moderne si valutano per i contenuti di sicurezza attiva, e più le auto diventano autonome più l’elettronica farà la fetta principale della sicurezza

    • perfettamente d’accordo.

      nata per valutare la sicurezza degli occupanti in caso d’incidente, ora “stelleggia” la pausa caffè per il guidatore insonnolito.. così se ti centra un camion sei bello sveglio!! 🤦‍♂️

      da ricordare che, comunque, è sempre il pezzo elettronico che si guasta..

  3. Avrebbero dovuto restaurare la più bella r5 turbo.

    Deludente il punteggio della costosissima i4… E c’è chi dice che ad = auto elettrica…

      • Ex possessore di Alpine 5 Turbo?!?!?!?!?!?!?

        E’ un po’ come dire da ex marito di Scarlett Johansson …

        Tanta invidia Ernesto, tanta … hai fatto la bella vita e le scelte giuste, bravo …

        • ci ho fatto di tutto e di più: uno spettacolo!!
          nera con filetti rossi e interni rossi tendenti al bordeaux
          adesivo “turbo” a caratteri cubitali sul lunotto.. 😎

          ausili alla guida: servofreno 😀
          zero pugnette elettroniche “irrinunciabili” oggigiorno 😞

          i miei pruriti giovanili erano costantemente messi alla prova nella piazza di ritrovo della mia compagnia: concessionario della peugeot che veniva col 305 gti (in seguito col 405 t16), il commercialista/pilota giovanardi col primo bmw m3 -coi quali ti facevano fare un giro- senza contare la sfilza di golf gti di quelli abbienti..
          un amico rallista mi lasciò per 2 giorni il suo sierra cosworth 2wd (pinnone), che poi cambiò con la escort cosworth 4wd 🤤
          nella officina dove lavoravo mi sono passate sotto le mani porsche 356, maserati merak, renault 5 turbo (o maxiturbo che dir si voglia) di mauro baldi, lancia s4 stradale, le varie mercedes 280 380 500 e pagoda, bmw 635 csi..
          a 16 anni (e tuttora) mi innamorai della 124 spider (10 spanne al duetto): bianca con cofano nero. meraviglia!!
          tralasciando un’infinita di auto che mi piacerebbero, il sogno nel cassetto è l’opel omega lotus: grossa, pesante ecc, ma una bomba. 😍

          a proposito: scarlett non l’avrei mai lasciata (io)..😘

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome