Home Tecnologia Corona Virus, va a picco il mercato EV e BYD si dà...

Corona Virus, va a picco il mercato EV e BYD si dà alle mascherine

16
CONDIVIDI

Dalle auto elettriche alle mascherine anti Corona Virus. E’ la decisione della cinese BYD che afferma di aver creato il più grande impianto di produzione di maschere al mondo. L’impianto, nella città di Shenzhen, produce 5 milioni di maschere e 300.000 bottiglie di disinfettanti al giorno. Speriamo che presto ne arrivi qualcuna in Italia.

Cinque milioni di mascherine al giorno

BYD Yuan
La BYD Yuan

La linea di produzione di maschere contro il Corona Virus è di nuova costruzione. E’ entrata in produzione l’8 febbraio, con centinaia di dipendenti che lavorano sia a turni diurni che notturni su macchine che funzionano  24 ore su 24. Alla fine di gennaio, BYD ha iniziato a produrre maschere e gel per la disinfezione, via via che in Cina dilagava il contagio da Corona Virus che l’emergenza sanitaria falcidiava l’intera filiera cinese dell’automotive.

Effetto Corona Virus: auto elettriche BYD a -79,5%

Secondo quanto riporta l’agenzia Reuters, infatti,  le vendite di veicoli in Cina, il più grande mercato EV del mondo, sono crollate a febbraio in piena bufera coronavirus. Secondo i dati preliminari della China Passenger Car Association, le immatricolazioni sono diminuite dell’80%. Le vendite di Ev BYD sono scese del 79,5% su base annua. Quelle di BAIC BluePark, l’unità elettrica del gruppo statale BAIC, sono diminuite del 65,1% rispetto a un anno fa. Le vendite del mese scorso del partner EV di Volkswagen JAC sono diminuite del 63,4%.

Forse sta in questi numeri la ragione della repentina conversione industriale operata da BYD. Favorita dalle competenze di cui la società già dispone grazie alla sua specializzazione nella meccanica, nell’elettromeccanica e nell’elettroinica (BYD è una conglomerata che produce anche apparecchi per telecomunicazioni).  Sherry Li, direttore generale del President Office di BYD, commenta infatti: «Una linea di produzione per maschere facciali di alta qualità richiede circa 1.300 componenti per vari ingranaggi, catene e rulli. Il 90% dei quali sono parti autoprodotte di BYD».

BYD, dalle auto alle mascherine il passo è breve

In un comunicato stampa, la società afferma: «Secondo il dipartimento di controllo qualità del governo cinese, la qualità delle maschere BYD è significativamente migliore rispetto a maschere simili nel settore».

Il settore elettronica di BYD produce telefoni cellulari di fascia alta con requisiti elevati in termini di qualità, impermeabilità, accuratezza degli stampi, automazione dei processi produttivi. «In altre parole _ spiega Zhao Jianping, direttore generale della divisione di qualità di BYD _ l‘equipaggiamento di cui già disponiamo offre precisione e qualità molto superiori a quelle comunemente richieste per produrre mascherine contro il Corona Virus».

 

BYD Company Ltd  è una delle più grandi imprese private cinesi ed è stata fondata nel 1995. Le sue soluzioni di energia rinnovabile sono disponibili a livello globale con operazioni in oltre 50 paesi e regioni. BYD è quotata nelle Borse di Hong Kong e Shenzhen.

LEGGI ANCHE: Corona Virus, l’auto elettrica va in quarantena

16 COMMENTI

  1. Beyond Your Dream, investimento miliardario di Warren Buffett, incapace a reggere alla concorrenza e incapace di fare profitti, ha ben visto di riconvertirsi a produrre qualcosa d’altro. Domanda, ma se Xin Ping annuncia al mondo il virus il 20 gennaio. Ora in piena quarantena ci vogliono fare credere che BYD ha riconvertito la sua produzione da auto elettriche a mascherine e respiratori? E dove hanno trovato i tessuti, i filtri e tutto il resto? Come in master chef hanno trasformato un copertone per auto in tessuto, uno specchietto in filtro? WOW come sembra tutto ASSOLUTAMENTE FALSO E PROPAGANDA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome