Home Flotte Flotte aziendali, ecco l’informatica che attacca la spina

Flotte aziendali, ecco l’informatica che attacca la spina

0
CONDIVIDI
flotte aziendali elettriche

Si parla sempre più di flotte aziendali alla spina senza, però fermarsi a considerare due aspetti importanti. Il primo, che tutela la sostenibilità di un’impresa, cioè i costi dei veicoli del parco, ormai per una grande maggioranza a noleggio (si usa pertanto l’acronimo Tcm che sta per Total Cost of Management). Il secondo, che attiene all’operatività e riguarda principalmente il piano dell’autonomia.

Per cercare di supportare le aziende in questo percorso abbiamo pensato di offrire un viaggio tra i principali player del settore IoC (internet of Cars) e la loro offerta di servizi di connettività applicata.

EV da inserire in flotta, quando e se farlo

Da queste pagine virtuali abbiamo già affrontato l’approccio alle flotte aziendali alla spina da parte di Webfleet Solutions.

L’ex Business Unit dell’olandese TomTom aiuta i fleet manager a decidere se sia possibile aderire o meno alla mobilità zero emissioni grazie alle funzionalità della sua piattaforma gestionale WEBFLEET.

Leggi anche: lo studio di Webfleet Solutions secondo cui il 61% dei veicoli commerciali in Europa è elettrificabile

Geotab dà la ‘scossa’ alle flotte aziendali elettriche

GoElectric è invece il programma di Geotab. Consente di identificare i veicoli più adatti per esigenze operative, autonomia richiesta ed efficienza finanziaria.

Obiettivi che si conseguono tutti grazie a una valutazione di idoneità degli EV (EVSA in inglese).

flotte aziendali elettricheQuattro i passaggi previsti:

  • analisi dei veicoli da sostituire con quelli elettrici, indicandone tipologia, autonomia e risparmi calcolabili;
  • indicazione dell’autonomia garantita;
  • analisi dei costi (se e quanto si può risparmiare);
  • valutazione dell’impatto ambientale (riduzione del consumo di carburante e conseguente minor emissione di CO2).

Il programma, sempre dell’azienda, Operate Electric è invece a disposizione per monitorare le prestazioni degli EV e dei veicoli ibridi plug-in (PHEV).

Serve inoltre ad indirizzare l’operatività in base al livello residuo di carica della batteria che il fleet manager può controllare in tempo reale sulla mappa della piattaforma di monitoraggio MyGeotab.

Dallo stesso strumento, personalizzabile sul fronte delle regole e delle notifiche, è possibile infine estrarre report sia riguardanti l’utilizzo dell’energia elettrica e la cronologia completa delle ricariche dei veicoli elettrificati.

– Leggi anche: Geotab e il calcolo del degrado della batteria

Il tool per la mobilità aziendale di Targa Telematics

My Fleet Manager di Targa Telematics offre funzionalità specifiche per gli EV tra cui:

  • verifica del livello e dello stato di carica della batteria;
  • avvio da remoto della sessione di ricarica;
  • pianificazione degli slot di ricarica;
  • impostazione orario partenza dei mezzi;
  • impostazione pre-conditiong.

– Leggi anche:  l’intesa di Targa Telematics e FCA

Grazie a Targa Best Choice il cliente corporate può inoltre ricevere un supporto per quanto attiene alla scelta dei veicoli.

L’analisi dei dati correnti e storici della flotta consente di stabilire la vantaggiosità, sul doppio piano operativo ed economico, di una conversione del circolante all’elettrico.

Leggi anche: EV possibili per il 70% delle auto aziendali

Altri player in movimento: Octo, Texa e Verizon

Octo Telematics sostiene ‘l’onda verde’ nel campo della mobilità aziendale utilizzando i dati di utilizzo dei mezzi del parco per studiare e pianificare un possibile passaggio delle flotte aziendali alla spina.

flotte aziendali elettriche

Verizion Connect, che ha completato l’integrazione della ferrarese Visirun, propone una serie di funzionalità che includono un software avanzato di localizzazione GPS:

– un supporto mobile (App), per individuare e seguire gli asset full electric in movimento, verificandone al contempo lo stato;

– distinzione, anche a grazie a nuove icone EV, delle unità in flotta zero emissioni rispetto a quelle con motore termico.

Tra i player impegnati a fornire più in generale strumenti di connettività ai fleet manager si trova anche la veneta TEXA, con la divisione Telemobility affidata da pochi alla guida di Roberto Moneda. Non può inoltre mancare una menzione per Viasat.

Per altre informazioni sui player dell’IoC maggiormente focalizzati sulla conversione all’elettrico delle flotte aziendali vi rimandiamo alle seguenti sottopagine Internet:

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome