Home Auto Comprare un Model 3? Claudio: “Datemi un consiglio”

Comprare un Model 3? Claudio: “Datemi un consiglio”

14
CONDIVIDI
Model 3
Il dilemma di Claudio: togliersi lo sfizio di acquistare una Tesla Model 3?

Comprare un Model 3?  “È un po’ che ci penso”, ci scrive Claudio da Verona. Aggiungendo: “Scusate se parlo di un dubbio personale, ma scrivete spesso che Vaielettrico.it è nato proprio per condividere domande e idee che ci vengono in mente su auto elettriche e dintorni”.

Vuol togliersi uno sfizio. Ma ragionato

Ricarica Model 3
Ricarica (gratis con Repower) in un hotel di Viareggio.

Continua Claudio: “La più piccola delle Tesla mi stuzzica e ho anche un’età (61 anni) in cui uno comincia a pensare di togliersi uno sfizio. Vi dico che cosa mi piace, aspetto che voi mi diciate se siete d’accordo e se ci sono altri aspetti da considerare. Perché l’acquisto di un’auto non si può fare solo di pancia, va ponderato. Diciamo che ho raggiunto una buona tranquillità economica proprio perché ho sempre cercato di fare attenzione“.

“L’autonomia in autostrada regge bene”

Tesla 3
Sosta in Autosole, ma senza poter ricaricare: quando arriveranno le colonnine?

Dico la verità: di un’auto elettrica mi fanno paura soprattutto i viaggi in autostrada. Ho provato il Model 3 di un amico in occasione di un week-end “lungo” con le famiglie. Da Verona a Modena, la Versilia…poi su a Milano e di nuovo a casa. Empiricamente ne ho ricavato l’idea che sia l’auto che a 130 preserva meglio l’autonomia. Leggo nel vostro articolo che lo confermano anche i test di Quattroruote, assai più scientifici dei miei calcoli, molto alla buona. Finché giriamo in città e dintorni, vedo che ogni rabbocco aiuta. Sappiamo dove, come e quando. Ma fuori fermarsi è un problema, di tempi e di luoghi che non conosciamo. Almeno per me”.

“L’accelerazione è una schioppettata”

Sono tutto meno che uno smanettone, ma l’accelerazione ti fa provare brividi che non ricordavo. Anche perché il look non è troppo appariscente. Non ti aspetti una schioppettata così…E invece lo 0-100 è roba da Ferrari, da Porsche o giù di lì. Il mio amico si diverte a far salire qualcuno, ignaro, e a sentirlo ululare incollato al sedile. Personalmente non amo le auto troppo impegnative e quindi non ho mai visto con simpatia né il Model S né il Model X. Questa è più discreta, fosse stata mezzo metro in meno sarebbe perfetta”.

“Lo schermo touch: vedi cose che…”

Model 3 screen
Un dettaglio dello schermo touch del Model 3 (foto scattate col telefonino).

Lo so che è controverso, che molti lo considerano una ridondante fonte di distrazione. Onestamente non credo. Come tutti i device, impieghi un po’ a capire le mille funzioni che ci sono. E pensi che qualcosa (tipo l’apertura del cassettino porta-documenti, a Viareggio ci hanno fermato…) potrebbe essere lasciato alle tue manine. Ma quando l’hai domato, capisci che dentro c’è un mondo che ti consente di fare mille cose. La più importante è che ti fa vedere in tempo reale quel che accade attorno a te. Auto, moto, camion, bici…E anche dietro di te, perché lo sguardo che ti dà la telecamera di bordo quando metti la retro ce l’hai solo su uno schermo così grande e nitido nelle immagini”.

Comprare un Model 3? Secondo Cleantechnica…

Model 3 interni
Gli interni del Model 3

Fin qui la mail di Claudio, con la quale siamo piuttosto d’accordo. Comprare un Model 3, dunque? Aggiungiamo qualche ulteriore piacevole dettaglio messo in fila dal sito Cleantechnica (qui l’articolo). Tra cui:

  • Il tetto a vista, che dà all’abitacolo una grande luminosità e rende più piacevole il viaggio e le soste, soprattutto per i passeggeri.
  • L’Autopilot, ovviamente, a patto che venga usato come un aiuto alla guida, non certo come un pilot automatico.
  • Il sound-system, che ti fa riscoprire il piacere di cantare accompagnando le canzoni scelte su Spotify, senza che il rumore del motore copra il suono.
  • La possibilità di pre-climatizzare, in modo da non salire su un’auto che è d’estate un forno e d’inverno un frigo.
  • Gli interni disegnati da Franz von Holzhausen, minimalisti, ma decisamente comodi e regolabili a piacere. Con apertura e chiusura strisciando una semplice card o, meglio, con il telefonino.

I prezzi? Se ne trovano da 45 mila euro

I Comprare un Model 3, dunque? Ricordiamo i prezzi. Sul sito Tesla si trovano dei Model 3 “pronta consegna” anche a poco più di 45 mila euro, cui sottrarre l’incentivo statale (4-6 mila euro), l’esenzione dal bollo per 5 anni. Ed eventuali altri bonus locali. Naturalmente parliamo della versione Standard Plus, che dichiara 409 km di autonomia. Per avere la Long Range AWD e la Performance, trazione integrale, occorre salire rispettivamente a 57.920 64.590 euro, ma l’autonomia dichiarata sale a circa 500 km. Noi di Vaieletttrico.it abbiamo avuto la Long Range in prova per alcuni giorni. E confermiamo le impressioni di Claudio: in accelerazione è una supercar con il vestito di una bella berlina. Facile da guidare, con un sacco di elettronica che, se usata correttamente, ti aiuta a viaggiare meglio e con maggiore sicurezza.

Model S e Model 3
Tesla Model S e Model 3

Occhio alle misure (e al vostro garage): il Model 3 è relativamente compatto, ma tutt’altro che piccolo. È lungo 4,69 metri (18 cm. in meno del Model S) ed è largo 1,85.

Chi, tra possessori di Model 3 e no, vuole dare una mano a Claudio a decidere, può scrivere qui sotto i suoi suggerimenti. 

— Leggi anche: i miei 10 mila km con il Model 3 (e qualche confronto)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

14 COMMENTI

  1. Attenzione ai prezzi presenti sul sito Tesla: per le auto in cui è permesso è già stato scontato il contributo statale Ecobonus di € 4.000.
    Questo vale anche per le auto in pronta consegna. Quindi, quanto scritto nell’articolo non è esatto.

    • Non è così: ci siamo informati presso Tesla, i prezzi pubblicati sul sito sono al lordo dell’incentivo. E del resto non poteva essere altrimenti.

      • Grazie per aver fatto un controllo. Però il sito riporta informazioni ambigue dove sembra che nel prezzo finale vengano già scontati i 4000 euro di cui sopra. Il prezzo di partenza non include l’ecobonus (e questo è ovvio), ma non mi sembra che valga la stessa cosa anche per il prezzo finale.
        Purtroppo non posso allegare uno screenshot, ma se prova a fare un ordine e leggere il riepilogo, qualcosa non torna…

        Ad esempio:
        Model 3 Standard Range Plus trazione posteriore € 48.500
        Vernice Blu Oceano Metallizzato€ 1.050
        Cerchi Aero da 18″Di serie
        Interni Nero totale Partial PremiumDi serie
        Pilota automaticoDi serie

        Ecobonus – € 4.000
        Supplemento documenti legali e messa a disposizione€ 980

        Prezzo d’acquisto€ 46.530

        Rinforzato anche nel Dettaglio del pagamento (in tutti e tre i tab: contanti/leasing/finanziamento) dove viene riportato un esplicito “Incluso il contributo statale Ecobonus di € 4.000. “.

        Non le sembra poco chiaro?

        Grazie ancora per l’attenzione!

        • Grazie a lei, Alex, il preventivo conferma che l’incentivo è da detrarre dai 48.500 iniziali. Il prezzo risale di 2.030 euro per la vernice Blu Oceano (se non ricordo male la vernice-base è bianca) e la messa in strada (980 euro). Poi si può discutere s€ siano equi questi due prezzi…

          • Bene. Su questo ora ci siamo intesi. Tornando ora al punto iniziale, quello che intendo dire è che sulle auto in pronta consegna, Tesla, espone il prezzo finale già scontato dei 4000 euro di ecobonus (lo vede se prova ad acquistarne una di queste e, scorrendo il dettaglio, trovarà la stessa frase di prima “Incluso il contributo statale Ecobonus di € 4.000. “).
            Ora, tralasciando il fatto che Tesla sembra non permettere di scontare 6.000 euro (quindi non gestendo un’auto da rottamare), sottolineavo il fatto che quanto riportato nell’articolo è impreciso visto che i 45K sono già scontati.

            Le torna?

          • No, e credo che Tesla sia obbligata a ritirare l’auto da rottamare. Io ho chiesto nello store di Piazza Gae Aulenti: mi hanno risposto che sì, lo ritirano, se non ricordo male a Peschiera Borromeo.

  2. Claudio di Verona siamo quasi coetanei, dici ti spaventano i viaggi in autostrada, personalmente non riuscirei a fare 500 km filati e più vado avanti con l’età meno ci riuscirei, la model 3 ha la ricarica più veloce oggi esistente, una sosta di mezz’ora per sgranchirsi non mi sembra un problema, i supercharger basta vedere la mappa attuale e prevista a breve per tranquillizzarsi sulle possibilità di rifornirsi
    io andrei sulla base che è già più che sufficiente dato che è più veloce di qualsiasi elettrica di qualsiasi concorrente di qualsiasi prezzo esistente

    • Confermo che le soste sono piacevoli, anche perché capita regolarmente di fermarsi a chiacchierare con altri che stanno caricando. L’altro giorno a Modena Sud (Supercharger Baia del Re) parlavo con una coppia di Monaco con un Model S. Mi dicevano che è la seconda Tesla che acquistano e che le auto made in Germany sull’elettrico sono tre passi indietro. Detto da tedeschi, mi ha fatto una certa impressione.

      • paragonare una qualsiasi tesla a una qualsiasi auto elettrica è impossibile, le tesla sono 10 anni avanti, per un sacco di motivi che elencarli tutti non si può, Claudio Ombrella sotto citava il liquido di raffreddamento, ecco per dire un motivo per cui tesla è avanti basta dire il ‘superbottle’ (un unico liquido in un unico contenitore serve per tutto, motore, batteria, condizionamento vettura) come etichettato da Sandy Munro il più noto specialista di teardown statunitense (smonta le auto fino al più piccolo particolare e elenca pregi e difetti), poi i magneti nel motore li usa sfruttando l’array halback quindi a parità di magneti utilizzati i suoi motori sono molto più performanti e leggeri, come dice Ombrella si aggiorna via etere (segnala anche i guasti via etere), è l’unica con una gestione termica delle celle delle batterie sui fianchi delle celle e non sotto le celle come tutti gli altri che gestiscono a liquido (parecchi gestiscono solo con aria), e via dicendo. solo osservando il superbottle si capisce la differenza tra una azienda del ventunesimo secolo verticalmente integrata (anche le celle le fabbrica in house partendo dal raw) e tutta la concorrenza mondiale che è formata da assemblatori meccanici del eventesimo secolo di pezzi prodotti da fornitori esterni, le tesla sono computer on wheels. i video di Sandy Munro si trovano facilmente su youtube o per chi vuole basta leggersi cosa ne pensa su tesla Jack Rickard (il più noto elettrificatore statunitense, converte auto endotermiche in elettriche da una vita) , http://evtv.me/2019/08/the-tesla-conspiracy-or-am-i-a-dead-whistleblower/

  3. Caro Claudio:
    In famiglia abbiamo una Model S 75D che alla quale mancano solo 23 km per poter arrivare ai 50.000km: gli abbiamo fatti esattamente in 25 mesi e 3 settimane. La media chilometrica di un’auto da noi in Svizzera è di 12000 km all’anno quindi l’abbiamo guidata tanto.

    Con la Model S raggiungiamo tutti i posti che vogliamo: dalla nostra casa in provincia di Treviso a fare le vacanze lo scorso agosto fino a Oslo e Stoccolma: abbiamo guidato 5000 km in due settimane.

    L’auto elettrica è un’opportunità per scoprire cose che abbiamo un po’ perso. Quando sono andato da casa mia in Svizzera a Bologna mi sono fermato al Supercharger Modena Nord che si trova sul parcheggio dell’Hotel Best Western. Dentro l’albergo troverai l’Osteria Emiliana e ti assicuro che un pranzo o una cena in quel posto vale molto di più che lo sforzo di uscire dall’autostrada. Tesla ha i supercharger in posti ben precisi, che hanno ristoranti o alberghi con bagni puliti e altro.

    Quando carichiamo le nostre auto, ci diamo l’opportunità di prendere aria, fare un salto in bagno e prendere una pausa caffè oppure il pasto di mezzogiorno o della sera. A Verona per esempio il Supercharger è presso l’Hotel Crowne Plaza dove pure sono stato.

    Se fai un giro in montagna scoprirai non solo un’auto scattante ma silenziosa al punto che potrai sentire cantare gli uccelli come mi è capitato facendo la SS27 del Gran San Bernardo.

    Avrai un’auto praticamente assente di manutenzione, tranne quella degli 80.000 km che bisogna farla per la sostituzione del liquido di raffreddamento della batteria. Le Tesla hanno anche gli aggiornamenti software, in pratica mentre l’auto è in garage e tu dormi, puoi aggiornare il software senza passare da nessun centro servizi Tesla. In poche parole la tua auto sarà meglio mese dopo mese.

    Qui puoi leggere la mia esperienza: https://www.vaielettrico.it/claudio-ci-racconta-i-suoi-44-mila-km-con-la-tesla-model-s/ se hai bisogno posso via Mauro Tedeschini darti il mio numero di telefono qualora tu voglia parlare direttamente con me.

    Buona fortuna

  4. Io posso solo dirti che nella mezz’ora di prova prevista presso la sede di peschiera non capisci molto, io l’ho noleggiata per 3 giorni, l’ho guardata, verificata e caricata sia da casa con un 3kw impostando (per sicurezza) l’assorbimento a 5 ampere (1.1 kw) ecc.

  5. Ciao ho avuto la possibilità di partecipare ad un evento Tesla qui vicino a me e nonostante il poco tempo passato in macchina per il test drive, mi sono subito reso conto della solidità di tutto il progetto Model 3.
    Tanti dati li conoscevo già in quanto patito di Tesla dalla sua uscita sul mercato, quindi ho solo toccato con mano la qualità dell’auto. Come altri hanno detto l’autonomia non è un problema difficilmente si percorrono 400 filati e comunque anche fosse con una sosta anche al volo si può recuperare un’ottima autonomia.
    Il prezzo secondo me è proporzionato ed in linea con un’auto premium a combustione interna, il paragone con le tedesche storiche ci stà tutto, e non mi riferisco ai modelli base.
    Quindi trovo sensato puntare sul futuro con grandi benefit come bollo auto azzerato per 5 anni assicurazione ridotta e il futuro risparmio in carburante.
    Ho fatto un conto a spanne con la mia fornitura elettettrica ed un “pieno” mi verrebbe a costare meno di 20€.
    Il mio prossimo obiettivo è proprio quello di acquistare una Model 3 aspetto solo di portare alla fine l’attuale macchina dato che nonostante i soli 5 anni di vita, per i km percorsi, non ha senso rivenderla ci ricaverei troppo poco.
    Spero presto di potervi scrivere da proprietario di una Model 3
    Complimenti alla redazione del sito lo trovo sempre molto interessante.

  6. Ciao Claudio, a Marzo ho abbandonato la mia vecchia Peugeot 207, costata in nove anni la bellezza di circa 57.000 Euro (valore auto a nuovo, tagliandi, carburante (medi di 20/25 mila Km all’anno, bollo, assicurazione). Ho semplicemete fatto un paragone in termini di costi e fidati con le attuali agevolazioni se acquisti Model 3 spenderai in 10 anni come chi compra oggi una Fiat Tipo a gasolio. Ho comprato una Model 3 perchè voglio bene a questo Mondo! Viaggiare in Tesla cambierà un po la tua vita ma ti garantisco che la cambierà in meglio (Non inquini, i tuoi viaggi diventeranno più rilassanti ed avrai una tecnologia senza paragoni con i continui aggiornamenti). Se ti va segui le mie avventure in giro per l’Europa sul Blog personale http://www.electric-trips.com

Comments are closed.