Home Vaielettrico risponde Come mai tante elettriche usate in vendita?

Come mai tante elettriche usate in vendita?

42
Una ID.3 45 kWh del 2021 con 34.000 km a 25.000 euro è un buon affare, chiede Francesco?

Come mai tante elettriche usate in vendita? Si trovano molti modelli anche recenti: c’è qualcosa sotto? Lo chiede Francesco, un lettore. Vaielettrico risponde. Ricordiamo che i vostri quesiti vanno inviati a info@vaielettrico.it

Come mai tante elettriche usateCome mai tante elettriche usate, anche con pochi km sulle spalle? Zoe, Corsa….

Come mai tante elettriche usate
La Zoe e la Corsa-e: “Molte offerte nell’usato”.

“Essendo in procinto di cambiare macchina, già da diverse settimane sto controllando la disponibilità di autovetture elettriche usate. E, con mia grande sorpresa, devo dire che ho trovato una grande disponibilità di modelli, anche molto recenti e con pochi km. Di Renault Zoe e Opel Corsa ce ne sono a bizzeffe, ma anche per modelli un po’ più grandi non è difficile trovare esemplari in vendita. Inizialmente ho trovato la cosa interessante, ma poi ho iniziato a insospettirmi. Come mai qualcuno dovrebbe rivendere un’ automobile di nuova concezione, dopo poco tempo dall’acquisto e avendoci percorso pochi km? Considerando che nel nostro Paese sono state vendute poche auto elettriche, non dovrebbe essere così semplice trovare dell’ usato, come mai invece l’offerta non manca?“.

coma mai tante elettriche usateUna Volkswagen ID.3 del 2021 con 34 mila km a 25 mila euro può essere un affare?

La prima risposta che mi è venuta in mente è che forse l’efficenza delle batterie cala velocemente. E quindi dopo poco tempo dall’acquisto si vede già ridotta in modo sensibile l’autonomia. È così? Quale altra spiegazione dareste a questo fenomeno? Secondo voi l’acquisto di un’ auto elettrica usata è una scelta valida o rischiosa? Per esempio: una ID.3 45 kWh del 07/2021 con 34.000 km a 25.000 euro è un buon affare o qualcosa su cui muoversi con i piedi di piombo? Grazie e complimenti per la ricchezza dei vostri contenuti. Francesco Milazzo

Come mai tante elettriche usate? Ecco le spiegazioni…

Risposta. Ci sono diverse spiegazioni. La prima è legata al fatto che in questi anni gli acquisti sono stati fatti in buona parte con contratti di noleggio a lungo termine a tre-quattro anni. Scaduto il noleggio, le auto tornano alle società, che poi le rivendono sul mercato dell’usato. La seconda: possiamo dire per esperienza diretta che tra chi vende c’è spesso il desiderio di passare ad auto più moderne e con maggiore autonomia. Come se la prima elettrica fosse stata un banco di prova con il quale capire meglio le proprie esigenze. La terza spiegazione: in vendita sui vari siti specializzati anche da noi ci sono molte auto in arrivo da mercati più maturi, soprattutto Francia e Germania. E questo dà l’idea di un mercato molto più ricco. Poi: può essere che ci sia chi è rimasto deluso dalla sua auto a batterie e decida di tornare indietro, ma a noi non sembra un fenomeno molto diffuso. Quanto alla ID.3 a 25.000 euro, per dare un giudizio sulla convenienza occorrerebbe esaminare un check della batteria, per capire come stanno le celle. E quindi di quanto autonomia reale si disporrebbe: ci sembra legittimo richiederlo, se c’è un interesse a comprare.

  • Per essere ancora vicino ai lettori Paolo Mariano diventa il vostro Electric Coach: ecco il primo VIDEO-CONSIGLIO

Phoenix
Vesper
Apri commenti

42 COMMENTI

  1. Fondamentalmente sono state trattate un po’ tutte le casistiche possibili.
    1) molte auto sono a noleggio a 3 o 4 anni e quindi a scadenza contratto vengono piazzate sul mercato.
    2) c’è chi cambia auto per passare a modelli più nuovi e performanti.
    3) molte formule di “acquisto” sono con valore finale garantito e quindi a scadenza di 3 anni (o 4 a seconda del caso) vengono ridate indietro al concessionario per passare sempre ad una nuova, e ricominciare a pagare le rate.

    Ci sono diverse cose da valutare quando si acquista un’auto elettrica, oltre a dove caricarla e il tipo di uso che se ne deve fare.

    Anche io mi son trovato a dover fare una scelta. Possiedo una Zoe 135 Flex da maggio 2020 (quindi batterie a noleggio). Ho fatto tutti i miei conti, e per quanto mi riguarda ho deciso di tenerla, pagandola in toto alla fine dei 3 anni del finanziamento. Ho chiesto il prezzo di riscatto batterie a Z.E. mobility, ma ancora non mi conviene almeno nel breve periodo, vedrò tra qualche anno (sono sempre nuove e costano ancora molto quindi continuando con il noleggio e il mio chilometraggio di circa 15mila/anno ci vado in pari dopo 8 anni). Viaggia benissimo, al netto di test fatti tramite la porta odb e varie app, indovinometro e quant’altro, non ho notato in 3 anni e poco più di 40mila km un calo quantificabile di autonomia. Ho aspettato per vedere se usciva sul mercato qualcosa che potesse andarmi bene (non mi piacciono i SUV o le berline) ma niente, la tecnologia delle batterie sta migliorando ma per adesso è quella: NCM, LFP. Ah, ultimo ma non meno importante: ovviamente se si deve cambiare auto i 6000€ di incentivi di cui ho potuto usufruire non ci sono più, quindi la nuova va a prezzo pieno, non ho un’altro Diesel euro 4 da dare indietro… Lì dipende molto dalle tasche. Comunque non mi è mai piaciuto cambiare l’auto frequentemente: ho deciso che la terrò finché campa! Anche perché con esenzione bollo, tagliandi ridotti all’osso, fotovoltaico, scambio sul posto, la carico a casa, la uso al pari del vecchio diesel e nel lungo periodo, nonostante il costo iniziale il risparmio è evidente.

  2. Io sono alla ricerca di una e-up usata per sostituire la seconda auto di famiglia, una panda del 2009: contattando diversi privati e rivenditori posso confermare che i prezzi di un usato di 2/3 anni sono pari o spesso più alti del prezzo di acquisto da nuova con incentivi.

  3. Ho acquistato una 208e 15 mesi fa, usata, da un ritiro noleggio lungo termine, prezzo strepitoso e soli 10000km, ho percorso altri 25000km, senza nessun problema, l’autonomia è ancora quella dichiarata, non ha il minimo problema, ed aggiungo che la ho sempre e solo caricata con il mio solare.
    Ne sono estremamente soddisfatto.

  4. Non condivido le spiegazioni. Sta valutando auto che hanno poca autonomia…pochissima … E non hanno pompa di calore e non hanno preriscaldamento batteria se non come optional da oltre mille euro e non hanno nell’auto la presa che gli fa ricaricare ultraveloce quindi non lo sapevamo al primo acquisto e le vendono.
    Quindi
    Pochi kilometri
    Poca efficienza peggio ancora in estate ed inverno senza pdc…
    Ricarica in un lasso di tempo di decine e decine di minuti per vari motivi…
    Infine mancanza di colonnine che non ti facciano perdere tempo.
    Spendi ed hai poco…
    Se riesci Tesla …. Non ha optional dicono…..si perché ha già tutto il necessario.

  5. Ho messo in vendita la mia Zoe Flex Intens R 135 (nella sezione “annunci” di questo portale ad euro 16.500 trattabili), non perchè non andasse bene o per tornare all’endotermico, ma, per acquistare semplicemente una Tesla 3. Nel ciclo urbano la Zoe percorre oltre 400 km e su strada non scende sotto i 300 km. Perchè dovrei essere deluso?

    • Alcuni sono sempre alla ricerca di un modello di ultima generazione, come succede con i cellulari, altri secondo me, lo fanno per evitare la maxirata finale.

  6. EVITA le id 3 usate soprattutto se 45 kw. pessimo software scarsissima autonomia e tanto lenta a ricaricare. su una cosa concordo. tanti utenti vw stanno dando dentro le id per modelli piu performanti ( volvo, renault megane, tesla, polestar) ..

  7. Mi pare che senza dati reali sia difficile fare ipotesi. Sul fatto che arrivino auto da mercati piu maturi mi sembra piuttosto azzardato .. tra l’altro in Germania le elettriche stentano quanto da noi. Il mercato tedesco al momento dice che se si mantiene l’attuale trend di vendita si venderanno meno elettriche dello scorso anno.. l’incertezza regna sovrana..

    • Cioè, intendi che l’anno passato in Germania hanno fatto il botto (720.000 elettriche?),
      e ora meno, però anche così non è che scherzino, o sbaglio qualcosa?

      Germania – Maggio 2023 – 17,3% del venduto è elettrico puro, 42.780 auto

      Media Europea circa 15% del venduto è elettrico puro

      Italia (e Spagna?) circa 4% del venduro è elettrico puro
      (comunque in costente crescita mese su mese, ma per adesso lenta)

      • I dati dell’ufficio federale dei trasporti, la KBA, dicono che nel 2022 in Germania sono state immatricolate 470.599 auto elettriche, pari ad una quota del 17,7% con un aumento del 32,2%.
        Con l’attuale trend di immatricolazione i germania si venderanno meno auto BEV dello scorso anno. potrebbe cambiare ma attualemte è così.

        • ll Center of Automotive Management (CAM) di Bergisch Gladbach ha poi analizzato il giro di auto elettriche in germania scoprendo che ltre il 16% delle vetture immatricolate nel 2022 non circola più sulle strade tedesche. Significa che il numero di auto elettriche presenti in Germania non è aumentato, ma è calato di un ulteriore 3%. Gli incentivi hanno incentivato a vendere all’estero..

  8. Il discorso di auto provenienti da fuori Italia è una ipotesi o una cosa che avete rilevato? Che a logica, avendo un mercato con maggiore potere d’acquisto in casa non ci trovo grande vantaggio ad esportare un mezzo vendendolo a meno, di solito si esporta se all’estero c’è maggiore domanda (oppure da noi chi ha un reddito normale o basso non si fila per niente il nuovo ma le cifre che vedo son paragonabili a un termico nuovo più che ad un affare usato).
    Son d’accordo sulla autonomia, c’è stato per un bel periodo una, passatemi il termine, faciloneria da chi aveva già acquistato elettrico nel consigliarlo indipendentemente dalle esigenze kilometriche banalizzando il tutto con “ricarichi a casa non ti serve la colonnina libera e fast quindi non ti accorgi del tempo buttato perché al massimo ricarichi mentre pranzi o lavori”, questo ha fatto sì che la febbre da “voglio l’auto nuova elettrica” che mi giustifica emotivamente un prezzo molto più alto con le minori emissioni diminuendo quel senso di “quanti soldi che sto buttando per un oggetto che perde valore ogni giorno che passa”, il problema che poi la realtà arriva a scontrarsi con i consigli dati da chi non ha problemi di km giornalieri o di ricarica casalinga e…. “mi sa che ho fatto la cazzata cerchiamo di venderla finché vale qualcosa per passare a una con autonomia dignitosa”.

    Volendo anche pensar male, c’è sicuramente chi (qualcuno ha detto società di noleggio?) ha acquistato il mezzo elettrico per speculare grazie agli enormi incentivi degli anni passati, rivendendo il mezzo usato ad un prezzo maggiore rispetto all’acquisto, sicuramente qualche privato questo ragionamento lo ha fatto, penso a questo perché ho avuto l’impressione da come è stata scritta la domanda, che avesse trovato auto di recente immatricolazione (1 o 2 anni) contro i 3 dei noleggi con riscatto etc. A pensar male si fa torto a qualcuno.. Ma spesso ci si prende 😂

  9. Io ho provato per 2 mesi a vendere la mia Mokka-e ma solo perché sarebbe stato il momento opportuno per passare a Tesla Model 3 RWD. Quando acquistai io la Mokka-e ci sarebbero voluti minimo 50k euro per una tesla, oggi con 39k si può prendere nuova e a tassi ancora ragionevoli. Poi a causa di un imprevisto economico ho dovuto ritirare la vendita e rinunciare all’upgrade ma avevo ricevuto proposte di acquisto da dealers a prezzi superiori a quanto la pagai io

  10. Io ho comprato l’auto usufruendo degli incentivi a fine 2020, se la vendessi ora il prezzo di vendita sarebbe superiore a quello speso .
    Ecco perché.

    • Speculazione pura. E non viene nemmeno tassata.
      Le auto elettriche si confermano un giochino per ricchi.
      E gli incentivi per le elettriche andrebbero aboliti, tanto non servono a elettrizzare il parco auto ma a permette a chi può spendere 50.000€ sull’unghia di averne 60.000€ dopo un paio di anni.

      • Gli incentivi sono previsti solo per le auto che costano non più di 35 mila euro più Iva, quindi 42.700.

      • A dir la verità io vedo in giro anche auto termiche di categoria per famiglia, extra full optional come sono le elettriche di questa categoria, che costano molto più di 50 k€. Quindi l’auto elettrica non è affatto un giochino per ricchi. Considerando inoltre le molteplici possibilità di risparmio durante tutta la vita dell’auto, l’assenza di gas di scarico nocivi ed inquinanti, la tecnologia che rimane comunque di molto superiore ad una termica di pari livello. A di la verità.

  11. Sul fatto che si trovano diverse occasioni con pochi km, incide anche il fatto che gran parte delle macchine elettriche vengono usate in ambito urbano o per brevi spostamenti, non sono auto da lunghe percorrenze fatte ovviamente le dovute eccezioni.

  12. E poi ci sono anche gli “errori” di un mercato ancora acerbo e sconosciuto per molti.
    Proprio Domenica in autostrada, arrivo ad una FtX e un ragazzo mi chiede come fare a usare la colonnina. Aveva un suv francese con batteria poco capiente. Non l’aveva mai usata per viaggi lunghi. Il venditore non gli aveva spiegato nulla e lui era affranto perchè al primo viaggio lungo si era ritrovato a dover affrontare colonnine che non si trovano, app, e quant’altro. Mi ha raccontato che stava facendo il viaggio ai 90 per paura di restare a piedi. 🙁
    Nel tempo che eravamo li gli ho spiegato varie cose e dato vari hint. Ma tutto questo per dire che è inevitabile vedere sul mercato dell’usato anche i “delusi”. Delusi legittimi e delusi per mancanza di informazione.

  13. A mio avviso semplicemente come molti hanno scritto, dopo i 2 anni obbligatori di possesso per chi ha usufruito degli ecoincentivi, in molti voglio incassare il massimo guadagno possibile (prima del deprezzamento a mio avviso certo nei prossimi 2 anni) per passare ad un modello più recente per poi continuare il gioco finché le tecnologie non si stabilizzeranno. Da quel momento gli anni di possesso aumenteranno.
    Soprattutto invogliati dai prezzi competitivi di Tesla Model 3 RWD.
    Quindi se fossi io un possibile acquirente tirerei il più possibile il prezzo senza farmi prendere la mano dalla voglia di prendere possesso subito di una bev.

  14. Quando ho preso la kona64 ( maggio 2020)pensavo che l’avrei tenuta x almeno 10 anni come con le precedenti…ma anch’io oggi sono andato a dare un’occhiata al sito di Tesla…A suo tempo ho spiegato xche’ non ho scelto la Zoe ( x avere più autonomia) e oggi probabilmente l’avrei già messa in vendita.

      • Curiosità x ora…vedi prezzo model 3 ! La kona64 x le mie esigenze è fantastica… non credo che la cambierò…forse…

        • Questa mattina ultima ricarica 80% previsti 480km come l’ultima e dopo un 478 e 470 certo è l’indovinometro ma io mi sorprendo che al terzo anno con la stessa guida mi dia questi dati record!!

          • X correttezza lo scorso inverno ho anche avuto un minimo di 388 km/80% di carica

  15. Ah, quindi, grazie al duo Salveloni, siamo passati dal mandare bisarche di auto usate nell’est Europa, a farle mandare da Francia e Germania a noi?

    Many congratulations!

    • certo certo..
      mai stato il fenomeno del mercato parallelo in italia..
      tutte “nazionali” doc 🤦‍♂️

  16. Direi che Denis abbia sintetizzato molto bene il fenomeno e aggiungerei anche che chi compra elettrico è predisposto al cambiamento ed è cosciente del rischio tecnologico, quindi cambiare è normale anche con pochi chilometri auto che dopo un anno sono state superate in efficienza e nel software da altre. Ad esempio io ho una EV6 da un anno e la presi quando costava come una Model 3, oggi forse prenderei la Tesla (costa la bellezza di € 14000 in meno) e sto pensando se tenere la EV6 ancora per un anno e cambiarla o portarla fino alla fine del finanziamento. Ho di fronte a me due alternative più evolute della mia, la Tesla e la Ioniq 6 entrambi un po’ più efficienti della mia anche se, a mio parere, molto meno belle.

  17. Ricordo a tutti che per molte auto sono già scaduti i 24 mesi di possesso obbligatorio previsti dagli incentivi di regione Lombardia: in caso di vendita anticipata si doveva rimborsare l’incentivo.

    • Che porcata terribile gli incentivi lombardi. Ma anche quelli nazionali. Legare lo sconto all’acquisto e non all’utilizzo/possesso come si fa con i bonus legati al risparmio energetico e simili è davvero una scelta scellerata. Le auto sono beni durevoli, zio canaglia, bisogna farle durare!

  18. Sul fatto che ci siano tante usate elettriche aggiungerei che il fatto che Tesla abbia calato di molto il prezzo del nuovo e che siano usciti modelli nuovi di altre marche a prezzi più convenienti con batterie più capienti e performanti di Zoe e Corsa (vedi MG per esempio) invoglia alcuni privati a cambiare in meglio a fronte di una spesa ridotta per non dire inesistente.

Rispondi