Home Auto Chi vende e chi no a metà 2024

Chi vende e chi no a metà 2024

16
La Jeep Avenger affianca le due Tesla sul podio delle vendite EV di metà 2024.
Charxcontrol

Chi vende e chi no a metà 2024: dopo 6 mesi chiacchiere e annunci lasciano il posto ai numeri, che premiano ancora le Tesla, più le novità di Jeep e Volvo.

chi vende
La Top 50 elettrica dei primi 6 mesi 2024, con le quote di mercato. Fonte: Unrae.

Chi vende: Tesla da sola sfiora il 29%, bene Avenger e EX30

Sono stati sei mesi sofferti, con le vendite al minimo nei primi 5 mesi per l’attesa dei maxi-incentivi annunciati ma mai entrati in vigore. Poi il 3 giugno i bonus sono finalmente arrivati, ma in poche ore sono stati bruciati. Consentendo comunque di fare del mese scorso un mese record, con 13.415 EV vendute e l’8,3% di quota di mercatoI numeri dicono che lassù c’è sempre Tesla, con una quota di mercato del 28,9% e un’unica novità rappresentata dal fatto che in testa ora c’è Model 3 e non più Model Y. Gli altri due modelli, S e X, fanno numeri marginali, con 123 auto vendute complessivamente e 0,4% di quota di mercato. Una sorpresa positiva è rappresentata dalla Jeep Avenger, che si piazza al terzo posto con 1.705 immatricolazioni e una quota del 4,9%. Un buon risultato, anche se in Stellantis credono molto di più nella versione ibrida. Al quarto posto un’auto che ormai sta uscendo dal mercato per fine produzione, la piccola Smart ForTwo, che comunque si è portata a casa 1.510 immatricolazioni (quota del 4,3%). Bene anche la Volvo EX30, al 5° posto a 1.496 (4,3%) e un potenziale ancora tutto da esprimere (in arrivo c’è la versione meno cara, da 35.900 euro). E buoni anche i numeri di BMW iX1 e Audi Q4, due modelli premium che riescono a a entrare nella top ten.

chi vende
Classifica vendite di metà 2024 dal 51° al 93° posto, con le quote di mercato. Fonte: Unrae

Chi non vende: male 500e, VW e i francesi, malissimo Toyota

Non si può certo giudicare positiva la performance della 500e, scivolata in posizione con solo 1.450 auto vendute e il 4,1% di quota. Stellantis ha annunciato l’arrivo di una nuova versione per la piccola Fiat, con più autonomia e prezzi più competitivi, e questo non ha certo aiutato le vendite. Ma a colpire è soprattutto la performance negativa della marca Volkswagen, che non riesce a piazzare un modello nei primi 10. La ID.3 è 12° con 989 consegne (2,8%), mentre la ID.4 è addirittura 29° con 214 (0,6%) e l’ammiraglia ID.7 è 77° con 20. Probabile che pesi la scarsa disponibilità di auto da consegnare, ma da VW è lecito aspettarsi molto di più. Tutt’altro che esaltanti anche i numeri delle marche francesi: nelle prime dieci c’è solo la Renault Twingo, 7° con 1.375 auto vendute (3,9%), mentre la Peugeot si deve accontentare del 14° e 17° posto con 208 e 2008. Male anche Citroen, in attesa della nuova C3. Malissimo, infine, Toyota: il suo Suv Bz4X è stati consegnato in 138 esemplari in 6 mesi.

– Iscriviti alla Newsletter e al  canale YouTube di Vaielettrico

Apri commenti

16 COMMENTI

  1. Malissimo Kia, che si fa umiliare da Toyota con BZ4X e Proace che superano il trio EV6 + EV9 + Niro. Anche la Nissan Ariya non scalda i cuori e considerando che la Leaf non è più in produzione e stanno vendendo le rimanenze.

    Malissimo anche BYD che si vede superare da Lotus Eletre e Porsche Taycan, malissimo Polestar e Maserati. Malino anche Mercedes tutto sommato, son numeri minuscoli e il modello più venduto, la EQA, non pare troppo amata dagli acquirenti ignari delle magagne dell’auto.

    L’unico dato che mi sorprende è la MG4, io me la sarei aspettata un po’ più in alto in classifica, sopra 500, Twingo, Q4.

    Non capisco le 94 Abarth 500 vendute, quando credi di aver capito un popolo e poi ci sono quei 94 che ti sorprendono, dopotutto dimentico sempre che hanno abrogato i manicomi e un po’ di gente strana a giro c’è …

    Per il resto classifica che non mi sorprende.

    • l’immatricolazione avviene con un certo ritardo rispetto alla vendita del click-day?

      nel caso, forse (?) la classifica è distorta dai tempi diversi tra i vari brand di immatricolazione (?) e consegna

      • Certo, possibile, però considera che se in Italia le BEV a giugno sono salite all’8% (e tutto questo grazie al risultato di mezza giornata) mi vien da pensare che guardano gli ordini perché mi pare strano che tutte le bev ordinate fossero disponibile nell’allestimento, nel colore e negli optional scelti in pronta consegna … quindi FORSE (non lo so) guardano gli ordini …

      • Probabile. VaiElettrico potrebbe fare un contest, fotografa una 500e Abarth per strada e vinci qualcosa. Io per strada vedo Taycan, Polestar 2, Proace ma Abarth 500e nessuna. Non è che sono curioso di vedere la 500e per strada, sono sinceramente curioso di vedere chi l’ha comprata.

        Nel frattempo, come volevasi dimostrare, la 500e negli USA è stato un flop.

        Link: https://www.vaielettrico.it/500e-negli-usa-primo-stock-gia-esaurito/#comments

        Nonostante l’articolo il mio commento fu:
        /// Non ne venderanno mezza. Lo stock è esaurito, la nave è salpata e le 500 giaceranno sui piazzali. Non gode neanche degli incentivi statali, costa praticamente quanto una Ford Mustang Mach-e RWD …///

        E la risposta di Demafab:
        /// Maronna, che Cassandra… ///

        Ebbene, Stellantis ha venduto ben 163 (cento-sesssanta-tre!) 500e in tutti gli USA da inizio anno. Un successo strepitoso, praticamente ha venduto tante 500e negli USA quante Abarth 500e in Italia. Quest’idea geniale di proporre la peggiore elettrica su uno dei mercati più competitivi al mondo merita un brindisi (quest’anno Stellantis ha fatto -21% di quota perché ha alzato i prezzi dei suoi modelli negli USA e gli americani si sono rivoltati).

        • Il fatto che tu memorizzi mie risposte di mesi fa è più inquietante dei pazzi a piede libero che acquisterebbero la 500e. Sono serio, è sinceramente allarmante…

          • Non te la prendere ma non pensavo a te, ricordavo quella previsione e che qualcuno mi aveva contestato. Google è tuo amico, ho ritrovato l’articolo al primo tentativo.

  2. “Chi vende: Tesla da sola sfiora il 29%”

    Attenzione: un lettore poco attento potrebbe capire che TESLA sfiora il 29% delle auto vendute, quando in realtà si tratta del 29% delle BEV vendute.

  3. Nei prossimi 6 mesi vedremo le immatricolazioni dei modelli che avranno beneficiato maggiormente degli incentivi, secondo me ci sarà un boom di C3 e della “nuova” Dacia Spring, potenzialmente in top 10 anche Scenic e forse R5.

    Tesla invece sarà la prima che “patirà” il calo post incentivi, sempre che non abbassino nuovamente i prezzi o riparta un incentivo attingendo a risorse inutilizzate o stanziate ma mai messe a disposizione.

    • boh, dopo aver visto dal vivo la spring veramente mi chiedo chi possa comprarla, costruita a povertà e miseria. Tanto vale tenersi la punto del 94 piuttosto di un quadriciclo.

Rispondi