Apri commenti

12 COMMENTI

  1. Se il sistema è plug&charge e io ho il contratto con 2 operatori, ad esempio becharge & a2a, e vado a caricare presso una colonnina enelx, quale dei 2 contratti andrà a coprire le spese?

    A quell’elenco mi pare manchi tra i produttori di auto Kia/Hyundai, oltre agli operatori nostrani come becharge, enelx, etc. per quanto riguarda il servizio di ricarica

    • Enzo non credo proprio che tu possa fare il contratto con due operatori, è un po’ come il telefono, scegli la compagnia telefonica e usi quella. Non conosco neppure gli standard, sperabilmente sarebbe buona cosa che sia possibile disabilitare temporaneamente il sistema almeno fino a quando la differenza di prezzo tra un operatore e l’altro può essere importante.
      Per Kia/Hyundai non so, ma per EnelX e BeCharge penso siano più interessate a “mettere bandierine” e ingolfare la rete anziché giocare la partita a suon di concorrenza e interoperabilità. Poi sarei ben contento di vedere un cambio di atteggiamento da parte loro in futuro, ma al momento non vedo da parte loro particolare interesse a favorire la mobilità elettrica.

  2. Adesso, per non farsi trovare, i criminali dovranno clonare l’identità dell’auto del solito ignaro malcapitato che si vedrà arrivare gli addebiti.

  3. Vedo che nella lista dei partner c’è anche Tesla: vorrebbe dire che lo standard proposto è compatibile con quello Tesla usato nei Supercharger?

    • Sarebbe ancor più eccezionale se portasse anche i prezzi delle ricariche in Italia a uniformarsi a quelli europei… 😑
      Come si è detto nei commenti ad altri articoli recenti, a nessuno piace dover utilizzare TariffEV e poi almeno 4-5 app per ricaricare a prezzi decenti, ma, per sopravvivere nella giungla delle tariffe è ad oggi tristemente necessario.

Rispondi