Home Listini Cavi di ricarica, la Guida Facile e il Listino

Cavi di ricarica, la Guida Facile e il Listino

3
CONDIVIDI

Cavi di ricarica, ecco la Guida Facile e il Listino con alcuni prezzi: in vendita ce ne sono tantissimi, abbiamo voluto indicarne alcuni per dare un riferimento.

Cavi di ricarica: le cose essenziali da sapere

La dotazione dell’auto spesso non è sufficiente: in dotazione c’è un solo cavo, per le colonnine pubbliche. È sufficiente o ci serve un cavo extra a pagamento?  La prima cosa che dobbiamo verificare è quale sia la tipologia di presa della quale è dotata la nostra auto. Lo standard europeo che si è imposto è il Type 2 (o Mennekes). Lo troviamo sulla quasi totalità dei modelli commercializzati e si presenta così:

caci di ricarica

Nella foto vediamo, a sinistra, la presa sull’auto e a destra il connettore all’estremità di un cavo di ricarica. Il cavo può essere di due tipi: Mode 2 o Mode 3.

Cavi di ricarica: Mode 2 e connettore Schuko

cavi di ricarica

Si tratta della soluzione più immediata in quanto non richiede nient’altro, oltre all’auto e a  una presa di corrente di tipo SCHUKO. Il cavo si presenta concettualmente identico a quello di un computer portatile. Da un lato troviamo la spina SCHUKO (che inseriremo nella presa di casa) e dall’altro il connettore Type 2, che inseriremo nella presa dell’auto. Quindi abbiamo l’auto, abbiamo una presa di corrente. Possiamo ricaricare? La risposta ovviamente è si. Possiamo ricaricare. Ma è opportuno sapere alcune cose.

1. Con cavo Mode 2 e SCHUKO ricarica super lenta

Innanzitutto la ricarica con questo tipo di cavo normalmente avviene a non più di 2,3 kW di potenza (10A). Pertanto ricaricando l’auto con questo tipo di cavo la ricarica sarà piuttosto lenta. Immagazzineremo all’incirca 2,3 kWh ogni ora. L’altra cosa da sapere è che l’impianto elettrico di casa non sempre è progettato e realizzato per reggere un’assorbimento prolungato (la ricarica dura ore, come sappiamo) di questo tipo. Se intendiamo utilizzare stabilmente questo tipo di cavo per ricaricare la nostra auto, accertiamoci con un elettricista che l’impianto di casa lo consenta in sicurezza.

2. Nel caso di ricariche quotidiane, meglio la wallbox

Se utilizziamo tutti i giorni l’auto, potremmo tuttavia preferire l’utilizzo di una wallboxdi ricarica. Si tratta di un apparecchio che normalmente si installa a parete e che spesso dispone di un cavo integrato dotato di connettore Type 2. Online ne possiamo trovare moltissime. La caratteristica principale da verificare per sceglierne una è essenzialmente la potenza. Si va dai 3,7 kW fino ad arrivare ai 22 kW di potenza. Per scegliere è necessario conoscere innanzitutto la potenza massima alla quale la nostra auto può essere ricaricata in corrente alternata (AC).

3. Cavi di ricarica: La wallbox va scelta attentamente

Non ha senso acquistare ad esempio una wallbox da 11 kW se la nostra auto non accetta oltre 7,4 kW (e se non disponiamo di un impianto trifase). Inoltre è necessario conoscere la potenza da contratto della nostra fornitura elettrica. Se il nostro contratto prevede ad esempio una potenza massima di 4,5 kW, la scelta più adatta è quella di una wallbox da 3,7 kW, e magari una programmazione della ricarica che la faccia avviare dopo la mezzanotte, quando tutti gli elettrodomestici saranno spenti. Alcune wallbox non dispongono di un cavo integrato e sono in tutto e per tutto simili alle colonnine pubbliche in corrente alternata (AC fino a 22 kW) che troviamo in strada. In questo caso, così come per le colonnine pubbliche AC, avremo bisogno di un cavo come questo:

cavi di ricarica
Cavo Type 2, la spina più stretta va nella colonnina, l’altra nell’auto

A volte questo cavo viene fornito insieme all’auto. Altre volte il costruttore ci propone di acquistarlo separatamente. E’ il caso ad esempio della nuova Fiat 500 elettrica. Molto spesso, così come avviene anche per la wallbox, l’acquisto online è la scelta economicamente più conveniente. Ma a cosa dobbiamo fare attenzione se acquistiamo un cavo Type 2 online, ad esempio da Amazon?

4. Il cavo TYPE 2 deve essere scelto in base alla potenza massima accettata dall’auto

Dobbiamo verificare quale sia la potenza massima accettata dalla nostra auto per le ricariche in corrente alternata (AC). Questa potrà essere di 7,4 kW, 11kW o 22 kW. Se la nostra auto accetta ricariche a 22 kW, dovremo procurarci un cavo trifase 32A. Nel caso degli 11 kW, il cavo dovrà essere trifase 16A. Se accetta i 7,4 kW avremo bisogno di un cavo monofase 32 A.

5. La lunghezza del cavo non va sottovalutata

cavi di ricaricaAlcune auto hanno la presa di ricarica in posizione posteriore sul lato destro. Altre sul lato sinistro davanti. Altre ancora hanno la presa sulla parte frontale. Cinque metri è la lunghezza minima che garantisce di poter collegare l’auto alla colonnina pubblica indipendentemente da come siamo costretti a parcheggiare. Nel caso di cavi trifase, non acquistiamo cavi di 10 metri a meno che non sia strettamente indispensabile: il cavo infatti ha un certo peso e potrebbe essere impegnativo da maneggiare. Assicuriamoci inoltre di acquistare sempre cavi con garanzia europea del costruttore. Acquistando su Amazon questo è facilmente verificabile. Inoltre Amazon, anche nei casi in cui non fosse il venditore diretto, garantisce comunque sempre la completa soddisfazione del cliente.

IL LISTINO / I prezzi di alcuni cavi di ricarica

 

MARCHIO CARATTERISTICHE PREZZO
Chengdu Khons Technology Co., Ltd
Dimensioni del collo : 42,2 x 37,3 x 11,5 cm; 2,76 Kg
Lunghezza cavo: 5 m
Potenza: 2,2/ 3,6kw
Presa: da Tipo 2 a Tipo 2
289,00 €
E-Corner
Dimensioni del collo : 39 x 39 x 15 cm; 3,9 Kg
Lunghezza cavo: 5 m
Potenza: N.D
Presa: da Tipo 1 a Tipo 2
169,00 €
Evieun
Dimensioni del collo : 35,6 x 30,4 x 13 cm; 2,38 Kg
Lunghezza cavo: N.D
Potenza: 1,9 kW / 3,8 kW
Presa: da Tipo 2 a Tipo 2
199,99 €
Green Cell
Dimensioni del collo : 40 x 38,5 x 8 cm; 2,34 Kg
Lunghezza cavo: 5 m
Potenza: 7,2 kW
Presa: da Tipo 2 a Tipo 2
179,95 €
Lefanev
Dimensioni del collo : 40,6 x 39 x 8,2 cm; 2,5 Kg
Lunghezza cavo: 6 m
Potenza: 3,6kw
Presa: Tipo 1
239,00 €
Max Green
Dimensioni del collo : 40,13 x 30,99 x 12,7 cm; 3,12 Kg
Lunghezza cavo: 5 m
Potenza: 7,2 kW
Presa: da Tipo 2 a Tipo 2
179,00 €
Morec
Dimensioni del collo : 40,2 x 38 x 8,2 cm; 2,8 Kg
Lunghezza cavo: 7,5 m
Potenza: 2,2 / 3,6 kW
Presa: da Tipo 2 a Tipo 2
245,99 €

Morec


Dimensioni del collo : 40 x 38 x 8 cm; 2,68 Kg
Lunghezza cavo: 6,5 m
Potenza: 2,2 / 3,6 kW
Presa: Tipo 1
299,99 €
Morec
Dimensioni del collo : 40,8 x 39,2 x 8,2 cm; 3,6 Kg
Lunghezza cavo: 5 m
Potenza: 7,68 kW
Presa: da Tipo 2 a Tipo 2
167,99 €
Rolec
Dimensioni del collo : 40 x 39 x 9 cm; 2,36 Kg
Lunghezza cavo: 5 m
Potenza: 3,6 kW
Presa: da Tipo 2 a Tipo 2
160,99 €

 

cavi di ricarica— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

 

3 COMMENTI

  1. Secondo me è sbagliato consigliare wallbox fisse che vanno a morire grazie all’evoluzione delle smart.
    Parlare di 3,6kW per una wallbox che non può essere nemmeno scaricata al 50% è molto fuorviante.
    Per contatori di bassa potenza si deve mettere una wallbox smart da 7,3kW in grado di inseguire i consumi e settabile sulla massima potenza del contatore, si otterrà una potenza di ricarica massima commisurata al proprio contatore e si potrà detrarre il costo.

  2. Tabella incompleta… della dimensione del collo me ne faccio niente, manca invece un dato fondamentale: la lunghezza del cavo!!!!!!!

  3. Passi per i cavi per allacciarsi alla normale presa elettrica, ma negli altri casi non sarebbe più efficiente che il cavo fosse parte integrante della colonnina di ricarica? si risparmierebbe l’energia per costruire e portare a spasso milioni di cavi… è come se con le auto a carburante si dovesse portarsi dietro il tubo di gomma e la pistola per il rifornimento.

Comments are closed.