Home Incentivi Buono Mobilità: soldi finiti e pasticci

Buono Mobilità: soldi finiti e pasticci

85
CONDIVIDI
Incentivi
Finiti i soldi per il buono mobilità

Buono mobilità: soldi finiti in poco più di 24 ore. I 215 milioni di euro si sono volatilizzati  velocemente, eccellente segnale per la mobilità elettrica ma questo click day, ottimo per alcuni, per altri è statao solo una perdita di tempo: sono gli esclusi dall’incentivo per problemi tecnici. Soprattutto chi ha già comprato bici, e-bike, monopattino elettrico non sa se riuscirà o quando ad ottenere il rimborso. Con il lockdown si pone pure il problema di come spendere il buono se i negozi  sono chiusi.

Il ministro Sergio Costa ha promesso che nessuno resterà indietro. Belle parole ma niente è sicuro. Basta leggere le poche righe pubblicate nell’applicazione che ha coinvolto centinaia di migliaia di italiani: “Il Ministero dell’Ambiente è impegnato nel reperire ulteriori risorse da appostare per l’annualità 2020 del programma sperimentale buono mobilità“. La volontà c’è tutta, ma tutto può succedere, fra decisioni politiche e infiniti problemi politici e burocratici.

Giusto mettere insieme rimborsi e richiesta di buono? Sembra di no

ministro
Il ministro Sergio Costa

Da un lato un successo, dall’altro un pasticcio. La domanda di mobilità a emissioni zero esiste e il click day lo conferma, ma non è stata una buona scelta mettere insieme chi ha diritto al rimborso e chi al buono. I primi hanno anticipato i soldi e hanno maturato un diritto perché hanno acquistato l’e-bike o il monopattino sulla base di una promessa. Ma incrociando i due percorsi nella stessa procedura alla fine qualcuno che ha già speso nei mesi scorsi si trova fuori, mentre altri si ritrovano in mano il buono con l’obbligo di spenderlo entro il 3 dicembre. Il ministro ha assicurato e confortato i cittadini: i soldi arriveranno per tutti. Bisogna vedere però i tempi e sperare che non  si verifichino altri imprevisti. Comunque vada a finire dal ministero invitano coloro che hanno fatto l’acquisto tra il 4 maggio 2020 e il 2 novembre 2020 “a conservare i relativi documenti contabili“..evidentamente in vista di un rifinanziamento della misura e di una riapertura delle procedure.

Chi ha perso il buono  per colpa della Spid scadente?

monopattini elettriciNumerosi lettori ci scrivono e numerose testate giornalistiche riportano l’impossibilità di concludere la procedura a causa di problemi con la Spid. Sotto accusa è soprattutto Poste Italiane, a cui abbiamo scritto e siamo in attesa di risposta. A questo punto si pone il problema: chi non è riuscito a concludere la procedura per problemi con la Spid deve rinunciare o avrà diritto ad un risarcimento? Domanda in attesa di risposta. Sicuramente questo sistema digitale fa risparmiare tempo e risorse, si può per esempio spendere il buono immediatamente e queste sono buone notizie, ma si pone il problema del divario digitale o digital divide. Chi ha connessioni instabili, chi ha una guasto alla linea o allo smartphone si trova fuori gioco.

Negozi chiusi per lock down: come si spende il buono mobilità?

E c’è un altro problema. Chi abita nelle zone rosse si può spostare solo per: “Comprovate esigenze» di lavoro, studio, salute“. I negozi? Tutti chiusi ad eccezione di alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole. Ma il buono deve essere speso entro il 2 dicembre. La situazione non è chiarissima ma ci sono cittadini che non potrebbero poter  acquistare il mezzo. Si può sempre ordinare on-line e i giganti come Amazon si sono già mossi. Ma significa limitare la libertà di scelta e penalizzare i piccoli negozi, salvo che si organizzino con le consegne a domicilio. In ogni caso un ginepraio.

LEGGI ANCHE: I NOSTRI LISTINI PER SCEGLIERE L’E-BIKE  O L’ HOVERBOARD O  IL MONOPATTINO 

85 COMMENTI

  1. Ho un problema, dove nessuno mi sa rispondere. Mia moglie ha comprato l´E-bike nel 2020 ed ha fatto tutte le domande in regola. Poi le é venuta per mail la richiesta di inserire tutti i dat per avere il rimborso di 500 €. Proprio in quella data del 13.01.2021 mia moglie si trovava in quarantena per il Covid 19 e non ha potuto leggere l´email. Adesso che possibilitá ci sono per richiedere il rimborso ? Esiste la possibilitá di richiedere il rimborso? Non riusciamo a trovare né una mail di assistenza, ne un numero verde da poter chiamare!
    Sarei molto grato, se potessi avere un´informazione utle in merito. Tante Grazie e buona serata

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome