Home Bici Bonus e-bike, i comuni e la “fase 2”

Bonus e-bike, i comuni e la “fase 2”

7
CONDIVIDI

Bonus e-bike e comuni, acquisto con lo sconto deciso dal comune di residenza. Una mappa di quello che succede in Italia in attesa della “fase 2”

Bonus e-bike e comuni italiani che aggiungono un aiuto in più. Sono già tanti gli enti locali che si impegnano a dare un sostegno economico per l’acquisto di una e-bike che nella “fase 2” dell’uscita dal coronavirus sarà il vero mezzo di trasporto degli italiani.

VanMoof S3

Con i mezzi pubblici che potranno viaggiare a carico ridotto e le auto storicamente problematiche nei centri cittadini, arriva il momento di pensare alla due ruote green. E allora non ci sono soltanto gli incentivi alla rottamazione di auto, moto e ciclomotori a combustibile fossile. Ma anche quegli aiuti dati direttamente da comuni e regioni. Ecco un elenco in costante aggiornamento.

Bonus e-bike: comuni Emilia

BOLOGNA
Per quanto riguarda la giunta guidata da Virginio Merola lo stanziamento ammonta a 300mila e riguarda l’acquisto di biciclette e cargo bike a pedalata assistita. Iniziato il 3 dicembre 2019 l’incentivo erogato non può comunque superare il 50% della spesa sostenuta per il solo acquisto della bicicletta o “cargo bike” a pedalata assistita. La soglia massima e di 300 euro per una e-bike e 600 per la cargo bike, «I contributi vengono liquidati fino ad esaurimento del fondo, secondo l’ordine temporale di presentazione delle domande», fa sapere una nota cui vi rimandiamo per tutte le info.

FIORANO MODENESE (MO)
L’amministrazione comunale di Fiorano Modenese è da tempo impegnata in politiche volte a favorire iniziative di mobilità sostenibile, per questo mette a disposizione per i cittadini residenti e per le Onlus contributi destinati all’acquisto di biciclette a pedalata assistita. Il contributo erogato è pari al 30% del prezzo di acquisto (Iva compresa) del mezzo e per una cifra massima di 250 euro.

OZZANO DELL’EMILIA (BO)
L’amministrazione comunale del comune di Ozzano dell’Emilia, in provincia di Bologna, finanzia un bando per l’assegnazione di eco-incentivi ai residenti, con l’obiettivo di ridurre le sostanze inquinanti emesse in atmosfera. Questo bando, che finanzia l’acquisto di ebike, scooter e auto elettriche, concede contributi da 200€ fino ad un massimo di 500€.

e-bike

SAN LAZZARO DI SAVENA (BO)

Il Comune di San Lazzaro di Savena è uno dei pionieri degli incentivi green, avendo iniziato nel 2016. In attesa che presenti il bando 2020 vi consigliamo di tenere d’occhio le pagine dedicate.  Lo scorso anno gli incentivi andarono esauriti in poco tempo e erano pari a 250 euro. Le domande saranno accolte sino ad esaurimento fondi.

Bonus e-bike: comuni Veneto

BUSSOLENGO (VR)

Non ci sono soltanto capoluoghi e città d’arte a dare una mano a chi vuole convertirsi al green. Infatti il comune di Bussolengo ha pubblicato un bando per la concessione di contributi comunali per l’acquisto di biciclette a pedalata assistita del valore di 250 euro. Riservata ai cittadini residenti e che abbiano acquistato una bicicletta a pedalata assistita in data non antecedente al 1 gennaio 2019.

CASTELFRANCO VENETO (TV)
Per la cittadina del trevigiano è il secondo anno consecutivo con l’aiutino. Uno stanziamento di 9.500 euro per le e-bike da dividere in quote massime di 250 euro a cittadino e comunque non può superare il 50% del costo del mezzo (IVA esclusa).

Bonus e-bike: comuni Nord-ovest

COLLEGNO: ZONA OVEST DI TORINO
Un bando e diversi comuni interessati per l’assegnazione di incentivi in favore di cittadini della zona Ovest di Torino (Collegno, Alpignano, Buttigliera Alta, Druento, Grugliasco, Pianezza, Rivoli, Rosta, San Gillio, Venaria Reale, Villarbasse) nell’ambito del Progetto “VI.VO: Via le Vetture dalla zona Ovest di Torino”. Possono fare domanda di contributo, per un massimo di 250€, tutti i residenti o i lavoratori in possesso determinati requisiti. Che sono diversi e quindi meglio leggere bene.

CONCOREZZO (MB)
Rinnovato anche per il 2020 il fondo comunale per il sostegno dell’acquisto delle biciclette elettriche per il comune della Brianza. Possono accedere al contributo tutti i cittadini residenti nel comune di Concorezzo con età superiore a 14 anni interessati all’acquisto di una bicicletta elettrica a pedalata assistita. Il contributo previsto è pari a 100 euro per i richiedenti fino a 65 anni di età e di 150 euro per i richiedenti con più di 65 anni.

GENOVA
A seguito dell’adozione degli interventi previsti dalle linee guida per il miglioramento della qualità dell’aria, il comune di Genova intende promuovere un’azione finalizzata a sostenere economicamente i cittadini residenti nel territorio attraverso l’incentivazione dell’acquisto di mezzi di ultima generazione, a fronte della rottamazione dei veicoli datati. In questo caso i meccanismi sono più complessi e il massimo incentivo è di 400 euro. Ma rientrano anche moto e ciclomotori elettrici, comunque connessi a una rottamazione. Insomma meglio leggere bene il bando.

VARESE
Si deve essere residenti a Varese e lavorare in città per avere l’incentivo comunale. Uno degli obiettivi è infatti incentivare gli spostamenti tra casa e lavoro con mezzi di trasporto sostenibili per uso urbano non sportivo. Il contributo potrà essere del 50% della spesa sostenuta fino a un massimo di 300 euro. Anche qui la somma totale dello stanziamento è 30mila euro e quindi fino a esaurimento “scorte”.

VERBANIA
Con il nuovo Bando energia, recentemente approvato dalla Giunta, l’amministrazione comunale ha deciso di incentivare ulteriormente i cittadini di Verbania verso azioni di efficientamento energetico e di sostenibilità ambientale.

Per le biciclette elettriche sono ammessi al contributo comunale -pari al 25% della cifra complessiva- gli acquisti realizzati e fatturati dopo il 01/01/2017.

Bonus e-bike: comuni Centro e Sud

ASSISI (PG)

Il comune umbro eroga contributi a favore dei cittadini residenti per l’acquisto di biciclette a pedalata assistita. L’importo del contributo è di 250 euro per i cittadini maggiorenni che risiedono nel Comune: sarà possibile fare richiesta del contributo fino al 31-12-2020. Il contributo totale stanziato è 30mila euro e c’è anche quello di 1000 euro per chi compra una macchina elettrica. Chi prima arriva prende il bonus insomma, che è cumulabile con i veri ecobonus statali.

BARI
Il capoluogo pugliese mette sul piatto 400mila euro per il sostegno all’acquisto di e-bike per i propri residenti maggiorenni. Si tratta di un bonus di 250 euro ciascuno e in ogni caso non può superare il 50% del prezzo di vendita. Ci sono anche 100 euro per chi sceglie un mezzo ricondizionato. Nell’ambito del Progetto M.U.V.T. – Mobilità Urbana Vivibile e Tecnologica, il comune di Bari ha preso questa decisione che prevede anche incentivi all’utilizzo con rimborsi chilometrici per gli utenti per altri 100mila euro complessivi. Maggiori informazioni a questo link.

FOLLONICA (GR)

Un piccolo contributo di 100 euro a chi vuole acquistare una e-bike e una rete di rivenditori aderenti. È quanto messo in campo dal comune di Follonica in provincia di Grosseto.

Bonus e-bike: autonomie e regioni

Credit foto:”e-Stelvio bike rental – Valdidentro (So)”

TRENTO
Il piano per la mobilità elettrica della Provincia autonoma di Trento è un po’ diverso e molto ricco. Infatti prevede oltre 20 milioni di euro per i i prossimi 5 anni atti a promuovere molteplici azioni rivolte ai privati, le aziende e gli enti locali. Sono attive agevolazioni per l’acquisto di autoveicoli elettrici ma alle imprese che le forniscono ai propri dipendenti. Il contributo erogato è pari al 50% della spesa con un massimo di 1.000 euro per ogni e-bike e 50.000 euro per ogni impresa.

FRIULI VENEZIA GIULIA

In questo caso una intera regione si muove all’unisono. Il Friuli Venezia-Giulia ha previsto la concessione di specifici contributi per l’acquisto di una bicicletta elettrica a pedalata assistita nuova di fabbrica, fino a un massimo di 200 euro. Al fine di promuovere lo sviluppo di nuove strategie per un trasporto sostenibile sul territorio regionale e in particolare il miglioramento della vivibilità e della fruibilità delle aree urbane.

Apri commenti

7 COMMENTI

  1. Salve. Vorrei aderire al bonus di 1500 euro rottamando una yaris del 2001…. posso sapere se Siracusa rientra fra le provincie per richiedere il bonus e se c’è una lista degli esercenti aderenti all’iniziativa del governo
    Grazie

    • Salve, il bonus è per comprare e-bike e non c’entra la rottamazione. Il bonus rottamazione invece c’è in alcune aree d’Italia ed è sempre legato all’acquisto di e-bike. Ci sono anche bonus per acquistare auto elettriche, ma in caso la rimando a quegli articoli.

  2. Le amministrazioni non hanno ancora capito che bisogna spendere in infrastrutture, non scontare di 200 euro una e-bike. Anche perché il motore è solo un di più. Una normale bici muscolare, con un po’ di allenamento, va ugualmente bene, salvo nelle torride giornate estive dove sudare è normale (ma si suda anche con l’e-bike). Oppure in zone con particolari salite…
    Perciò via a corsie preferenziali, piste ciclabili, flessibilità sull’orario lavorativo per evitare le ore di punta, parcheggi coperti per le bici. L’incentivo al massimo si dà per l’uso, non per l’acquisto della bici…

    • Come diceva la nonna, tutto fa brodo. Vale per dopodomani, vale per i prossimi dieci anni: non c’è una soluzione sola, ma tante, ciascuna su misura di diverse esigenze.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome