Home Vaielettrico risponde Bollette impazzite 2 / “Come faccio con la mia Skoda”

Bollette impazzite 2 / “Come faccio con la mia Skoda”

18
La Skoda Citigo iV di Paolo, acquistata con 6 mila euro di incentivi +4 mila di sconto.
Charxcontrol

Bollette impazzite 2/ Dopo Roberto, un altro lettore con auto elettrica (una Skoda Citigo) racconta come si è organizzato per combattere il caro-energia.

bollette impazzite 2Bollette impazzite 2 / Un impianto fotovoltaico più accumulo Tesla

Sono Paolo Melani da Pistoia e ho appena letto il vostro articolo “Bollette impazzite come farò con la mia ID 3?”. Voglio condividere anch’io la mia esperienza “elettrica”. Da dicembre 2020 sono un felice proprietario di una Skoda Citigo IV, oramai fuori produzione. Ma è rimasta la cugina Volkswagen E-Up che, anche se non recentissima, ritengo la miglior citycar per consumi, autonomia,prestazioni e rapporto qualità-prezzo. Nel 2021 in Germania ne sono state vendute quasi 31.000, solo Tesla Model 3 ha fatto meglio con 35.000 unità. L’acquisto di un auto elettrica è stato agevolato dal fatto che:

Ho dato indietro vecchia auto da rottamare, beneficiando di 6.000 euro di incentivi statali e 4.000 euro di sconto casa madre/concessionaria.

 – Avevo installato impianto fotovoltaico da 6Kwp con accumulo Tesla Powerwall 2 (circa 13kWh).
bollette impazzite 2
Le istruzioni del Powerwall Tesla.

“Conviene la tariffa bi-oraria: ecco quando ho speso”

Chi possiede un impianto fotovoltaico sa che è più conveniente la tariffa bi-oraria (molti gestori però non hanno tariffe molto differenziate tra fascia F1 e F2/F3). Intorno ad aprile 2020, noto che Alperia ha prezzi molto interessanti per l’energia (da fonte rinnovabile) 0,059 F1 e 0,022 F2/F3. Decido di sottoscrivere il contratto della durata di 18 mesi, che mi viene attivato il giugno 2020. Adesso questo gestore (come pure gli altri) hanno prezzi sensibilmente più alti…Dopo un aggiornamento dell’ app Tesla, è ora possibile far caricare parzialmente la batteria dalla rete nelle fasce F2/F3. Questo quando, in inverno, l’apporto del fotovoltaico è insufficiente al fabbisogno di energia elettrica. La bolletta di novembre/dicembre 2021 parla da sola: 1571 kWh consumati (quasi 600 sono stati prodotti dal fotovoltaico, altrimenti erano ben più di 2.000). Per un importo di 180,63 euro. La potenza è stata portata da 3 Kw/h standard a 6Kw/h, con conseguente aumento dei costi fissi.
In conclusione.  In base alla mia personale esperienza, consiglio a tutti quelli che hanno la possibilità di dotarsi di fotovoltaico+accumulo. E di cambiare gestore-energia in primavera-estate, che può aiutare a spuntare prezzi migliori...“.
SECONDO NOI. Siamo ben felici di far circolare queste esperienze, dalla nostra community arrivano sempre indicazioni utili. Combattere il caro-bollette è una priorità e chiunque avesse dubbi o volesse condividere la sua esperienza può farlo scrivendo alla mail info@vaielettrico.it
———————————————————————————————–

bollette impazzite 2— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it 

Apri commenti

18 COMMENTI

  1. Cazzarola 180 euro in due mesi? Mi lamentavo io che l’ho ricevuta da 100 senza canone Rai. (l’anno scorso era meno di 60). e tutto il giorno ho acceso di tutto. Che compagnie di ladri assurde che ci sono in giro 🤣

  2. Per Michele vorrei portare l’attenzione al fatto che in effetti è il consumo riportato in alto sulla bolletta.
    La riflessione e un altra se veramente avessi un consumo del periodo cosi, la spesa in bolletta già a cose normali sarebbe di almeno 700 euro. Se non leggo male paolo ha un costo effettivo di 171 euro senza canone rai che non si conta,quindi il costo bolletta per kwh è 0,11 che già e pochissimo ma se si prende la spesa per la materia energia 81,74 abbiamo una spesa per kwh di 0,05 che non esiste,credo che su questa bolletta ci saranno conguagli

    • Se ti riferisci a me, io intendevo solo che fa ridere il confondere ancora la potenza con l’energia, in risposta a un commento che spiega proprio questa differenza 🙂
      Anche nella bolletta è scritto chiaramente KWH 😀

  3. La tariffa è buona, 0.09 €/kWh, io ero a 0.06€ e ora pago 0.11 fisso fino a metà 2023 (ovviamente se crolla cambierò contratto ma x ora non mi lamento).

    Lasciami esprimere un opinione. Bella cacciata l accumulo per me sarebbe troppo costoso anche se costasse 3000€.
    Primo in inverno se non produci non ti serve un accumulo, secondo l accumulo ha perdite di conversione. Terzo e più importante hai lo ssp e la liquidazione di eccedenze. Fatti due conti, con l accumulo risparmi 10centsimi a kWh o 5 ma non risparmierai mai tutto perché ciò che accumuli non lo vendi però intanto hai speso almeno quanto 5000/6000 netti di batteria?

    • Concordo con Marco. Ottimo l’abbinamento FV e macchina elettrica, non prenderei mai in considerazione anche se fosse gratis l’accumulo ( Tesla o di altra marca poco importa). Con una tariffa del genere, in questo periodo caricare la Powerwall con FV è antieconomico al massimo rispetto a SSP e caricarla di notte quando hai già la Skoda da sfruttare è inutile.

      • Concettualmente figo avere una batteria… purtroppo antieconomico.
        Poi ti dico la verità, se mi costasse finita 2000/3000€ la prenderei ma non per il risparmio giusto per il gusto di averla….
        Però dal punto di vista puramente economico se dovessi investire ulteriormente nel fotovoltaico ( ho un sunpower da 4.8 totalmente accessoriato perché volevo un giocattolino, altrimenti avrei montato altro) piuttosto che spendere netti di detazioni 3000€ di batteria spenderei 3000€ di pannelli ( un altra stringa insomma) in modo da aumentare la produzione in inverno.

        La batteria ti evita una parziale partita di giro economica non ti fa risparmiare. Devi ragionarla come minimo su due anni (tra acconti saldi ed eccedenze) Togliessero anche lo SSP comunque ti pagano l’immesso in rete e con 3000€ di pannelli in piu non spedi per la batteria pensate che a fine anno non hai un guadagno rispetto la batteria stessa?

  4. A prescindere dall’impianto e dall’accumulo hai un’offerta incredibile di Alperia…trovo strano non ti abbiano ancora “imposto” la modifica unilaterale del contratto…come è brutta abitudine fare tra i gestori

    • Grazie al fatto che per circa 6 mesi all’anno ricarico l’auto a costo zero il costo annuale del kWh per la ricarica si dimezza a 0,05 € che moltiplicati per un consumo medio della Citgo di circa 12 kWh/100km fanno 0,6€ per percorrere 100km……
      Rapportandolo a una percorrenza annuale di 16000km fanno meno di 100€ all’anno !
      Purtroppo so già che quando scadrà non ritroverò più un offerta così vantaggiosa……

  5. Si la stavo guardando in ottima offerta, resterò in attesa che ci sia un offerta più vantaggiosa, e poi vediamo, tanto per il momento fino metà 2023 sono tranquillo, ma risparmiare è sempre un ottima scelta.

  6. Complimenti a Paolo che ha installato la batteria de accumulo Tesla, cosa che da tempo vorrei fare a casa.

  7. Vedo che per molti non è chiara la differenza tra potrnza e energia e le relative unità di misura. https://www.vaielettrico.it/ripasso-per-principianti-districarsi-tra-kw-kwh-ac-dc/ qui era stata fatta una buona spiegazione.
    Se può interessare posso propormi di fare una spiegazione un po’ più approfondita in un articolo. Secondo me la fonte della difficoltà di molti è che non è ben chiaro che la potenza è il lavoro svolto nell’unità di tempo, quindi 1 W non è altro che 1 J / 1 s. Dove Joule è l’unità di misura del lavoro o energia, e possiamo vedere questa grandezza come l’analogo di un volume, ad esempio 1 litro. La potenza è l’equivalente di una portata idraulica, quindi ad esempio litri/secondo. Per gli umani è scomodo ragionare coi secondi per cui si sono inventati i Wh, e 1 Wh altro non è che una potenza di 1 W erogata per 1 h, quindi anche i Wh sono l’analogo di un volume, facendo un’analogia idraulica. 1 Wh si potrebbe vedere come l’analogo del volume equivalente a una portata di 1 l/s erogata per 1 h.
    Per le batterie delle auto solitamente si usano i kWh perché il Wh è una quantità piuttosto piccola, ma non cambia niente, si tratta semplicemente di 1000 Wh. Più o meno sono le stesse cose dette nel link, ho solo esplicitato un po’.
    k si scrive in minuscolo e significa “1000”, W, come tutte le unità di misura che sono legate a un nome proprio di persona, vuole la maiuscola.
    I kW/h riportati dal lettore hanno tutt’altro significato fisico, che sicuramente è diverso da quello che gli voleva essere dato.

    • Comunque 170 euro per 1600 kW di consumo non son tanti. Circa 0,10 euro al kW con tasse incluse mi sembra un bella offerta.

      • Si la tariffa è vantaggiosa ma se hai notato su quasi 1600 kw consumati solamente 93 li ho consumati in fascia F1…

      • Scusate ragazzi, ma non resisto.
        Matteo ha spiegato perfettamente la differenza tra potenza (W) e energia (Wh), e delle relative unità di misura.
        E subito sotto, come risposta, leggo 1600 “kW” di consumo… aaargh…

        • Ahhaha mi è venuto da ridere un sacco, il fatto è che spesso si risponde senza leggerlo il commento a cui stai rispondendo… presumo volessero solo inserire un commento e per errore hanno selezionato rispondi al commento di matteo

Rispondi