Home Nautica Betty Boat, crowdfunding al rush finale

Betty Boat, crowdfunding al rush finale

0
CONDIVIDI
Crowdfunding pe rla barca elettrica

Raccolti più di 8300 euro per Betty Boat, grazie al crowdfunding lanciato per finanziare dal basso la costruzione della barca elettrica. 

Ci siamo quasi, mancano solo 1500 euro per chiudere il crowdfunding e tagliare il traguardo dei 10mila euro necessari per costruire e mettere in acqua Betty Boat.

L'ideatore di Betty Boat
Stefano Garzi

La “colletta” on line, ci cui Vaielettrico.it si è già  occupato, è stata pensata da Stefano Garzi, titolare di  LIN-Laboratorio Idee Nautiche, con l’idea di “sfruttare le nuove tecnologie per salvaguardare la natura”.

 

In pista anche gli studenti

L’iniziativa vede il coinvolgimento degli studenti e dei docenti dell’Istituto “Rosselli – Rasetti” di Castiglione del Lago, che partecipano con un parallelo progetto didattico dove “si affronta il tema dell’ecosostenibilità e dell’efficienza energetica nel settore dell’ammodernamento e del recupero della flotta di barche utilizzate sia per la pesca professionale che per la voga nel territorio del Lago Trasimeno“. L’innovazione tecnologica al servizio del recupero della memoria storica della cultura nautica locale e del lavoro tradizionale. La sinergia con la scuola è finalizzata ad aumentare le competenze dei ragazzi, che potranno poi spenderle questo know how nel mondo del lavoro dove l’eco-sostenibilità sta diventando un imperativo.

Per le comunità del Trasimeno si tratta anche dell’opportunità di iniziare a fare marketing territoriale basato su un’offerta di vacanze a emissioni zero. Soggiorni  indirizzati ad una platea di vacanzieri che scelgono di spostarsi anche in base all’offerta eco sostenibile della destinazione turistica.

Tutti i numeri di Betty 

Betty Boat è piccola, leggera ed esteticamente gradevole grazie ad un design accattivante. Ma vediamo le misure: la barca sarà lunga 2,50 e larga 1,40 metri ed in grado di trasportare 2 adulti e 1 bambino.  Sarà governata attraverso un joistick,  mentre gli scafi saranno molto leggeri: interamente costruiti in vetroresina e gelcoat per un peso complessivo di circa 50 kg.

Il prototipo della barca

Il motore e le batterie di Betty Boat

Il motore elettrico avrà una potenza di 480W, peserà 8,8Kg mentre la velocità massima sarà di 10Km/h e garantirà una navigazione per 40-50km. Sarà dotato di un banco batterie basate sulla tecnologia AGM per ridurre i pesi. E’ prevista l’installazione di un carica batterie per poter essere facilmente connessa alla rete elettrica esterna.Nello schienale di poppa sarà presente un’apertura per poter ispezionare le varie componenti e poter intervenire comodamente in caso di problemi, oltre che per poter depositare attrezzatura varia, inoltre nella parte frontale ci sarà una tasca stagna dove poter depositare eventuali oggetti personali. Sarà attrezzata con dei “tientibene” a prua per aumentarne la sicurezza durante la navigazione.

Il crowdfunding è uno strumento sempre più utilizzato anche in Italia per finanziare nuove imprese nel campo della mobilità elettrica: recentemente ce ne siamo occupati (guarda l’articolo) per le campagne lanciate da Smy Umbria e EvWay, entrambi attivi nelle colonnine d ricarica.