Home Auto Benvenuta Fiat Centoventi, porti ottime notizie

Benvenuta Fiat Centoventi, porti ottime notizie

1
CONDIVIDI

Eh sì, la Fiat Centoventi è un’ottima notizia. Il prototipo (oggi si dice concept) di auto elettrica svelato al Salone di Ginevra va festeggiato per molti buoni motivi. 

Non fatevi sviare dal nome, che è solo un omaggio al 120° anniversario della fondazione della Fiat. Questa è la nuova Panda. Le misure sono le stesse della piccola torinese, con una lunghezza di poco inferiore ai 3 metri e 70. È piuttosto bella. Ed è elettrica, con un sistema modulare di batterie che ti consentirebbe di scegliere (e di pagare) per l’autonomia che desideri. Ovvero: da 100 fino a (addirittura) 500 km.

La Fiat e l’elettrico democratico, come nella 500

Chi ci segue sa che le nostre elettriche preferite sono le piccole, le citycar con le quali combattere non solo l’inquinamento, ma anche la congestione. È la sfida più difficile, perché il peso e l’ingombro delle batterie ancora rendono arduo il compito di costruire citycar con un’autonomia accettabile. Ma ci conforta vedere che il marchio italiano per eccellenza accetta questa che è, storicamente, la sua sfida. La Fiat è nata e cresciuta con le utilitarie.  Già abbiamo accolto con piacere la notizia che finalmente a Mirafiori si stanno approntando le linee per produrre la 500e. E ora arriva la nuova Panda (oops, Centoventi, scusate…), inattesa. Nel comunicato ufficiale si parla di “mobilità democratica” e di soluzioni “per rendere la mobilità elettrica accessibile a tutti“.

“Autonomia modulabile fino a 500 km”

La  Ma come avverrebbe la scelta del pacco-batterie? Ecco la spiegazione della Fiat: “Si tratta di un set di batterie modulari che assicurano la massima flessibilità di gestione. Di serie, la vettura propone una batteria con un’autonomia di 100 km. Ma se occorresse…è possibile acquistare o noleggiare fino a 3 batterie addizionali, con incrementi di 100 km ciascuna. Le batterie addizionali sono installate sotto il pavimento presso la rete di assistenza… L’operazione di installazione o rimozione delle batterie è facile e veloce per la presenza di un binario scorrevole che sostiene e collega le batterie. C’è anche la possibilità di avere una batteria ulteriore, da mettere sotto il sedile. Che può essere sganciata e messa in carica presso l’abitazione dell’utente, come con le e-bike. In totale, si può raggiungere un’autonomia di 500 km“.

Niente cavi e una presa che illumina

Gli interno della Fiat

 

Non sappiamo se la soluzione delle batterie modulabili arriverà nel modello di produzione. La Fiat, comunque, spiega che “la progettazione, con il centro di rollio perfettamente in mezzo ai due alberi degli assi, e la posizione delle batterie al di sotto del baricentro, consente di non far cambiare la ripartizione dei pesi e la dinamica dell’auto. Qualunque sia il numero delle batterie presenti. Aggiungendo che “l’impianto frenante è dimensionato per assicurare la massima decelerazione anche a pieno carico. Va ricordato infine che alla base del parabrezza si trova la presa multipla per la ricarica..Si tratta di un avvolgi-cavo alloggiato sotto la mostrina, che elimina la sacca dei cavi nel bagagliaio.  Grazie alla posizione centrale, può raggiungere in modo equidistante le torrette di ricarica o, come un hub, più veicoli in caso di energy-sharing. Oltre ad illuminarsi al buio, la presa può essere usata come torcia elettrica e dispositivo per sbrinare il parabrezza”.

Olivier Francois, capo del marchio Fiat, con la Centoventi (le foto sono di LaPresse/Marco Alpozzi)

SECONDO NOI. La Centoventi, alias Panda, sembra testimoniare la voglia della Fiat di entrare nel mare aperto dell’elettrico. Facendolo nel modo a lei più congeniale: con una gamma di citycar in cui far entrare, in 3 metri e mezzo, quello che altri alloggiano in 4-5 metri. Per di più facendo macchine “cool”, e non utilitarie povere. Questo è ancora più importante in un momento in cui si teme che il Gruppo FCA snobbi sempre di più il marchio Fiat e l’Europa a tutto vantaggio di Jeep-Chrysler e del più ricco mercato  Usa.

Principali dati tecnici di Fiat Concept Centoventi

  • Lunghezza: 3680 mm
  • Altezza: 1527 mm
  • Larghezza: 1740mm (con specchietti 1846 mm)
  • Passo: 2430 mm
  • Sbalzo anteriore: 658 mm
  • Sbalzo posteriore: 592 mm

— Leggi anche: la 500 elettrica nasce a Mirafiori, voi come la vorreste?

 

 

T

 

 

1 COMMENTO

  1. Molto interessante la proposta. L’unico dubbio riguarda il peso delle batterie estraibili. Forse in FIAT ipotizzano di utilizzare una nuova generazione di batterie.
    Oggi un accumulatore Tesla Powerwall2 di capacità pari a 13,5Kw (forse un pò scarsi per arrivare a 100km di autonomia) pesa 120Kg. Nel peso è compreso anche l’inverter ed il sistema di raffreddamento a liquido. Togliendo quello si arriva a 90Kg. Un pò tanti da movimentare con agilità e magari portare in casa per caricarlo con l’energia del fotovoltaico.

Comments are closed.