Home Nautica Beneteau a vela elettrica (Torqeedo) con Oceanis 30.1 e First 44

Beneteau a vela elettrica (Torqeedo) con Oceanis 30.1 e First 44

1
CONDIVIDI
Nautica elettrica
Oceanis 30.1 con motore elettrico Torqeedo - Foto Julien Gazeau

Dai pionieri artigianali ai grandi navigatori oceanici come Soldini (leggi qui), fino ai prestigiosi cantieri come Beneteau scelgono i motori elettrici per le barche a vela. In questo caso quelli di Torqeedo che saranno presentati a Nautic Paris.

Barche a vela a emissioni zero

Nautica elettrica
First44 con motore elettrico – photocredit Gilles Martin-Raget

Non è una contraddizione parlare di emissioni zero sulle barche a vela visto che tutte montano un motore, ora prevalentemente  inquinante, per le manovre in porto,  per i servizi di bordo e frequentemente in funzione a che in navigazione quando non c’è vento o lo skipper non è proprio un esperto velista. In altri termini è una soluzione utile, quella del motore elettrico, anche se pensiamo agli orribili sversamenti di idrocarburi in mare dei motori diesel o benzina.

Beneteau decarbonizza con  Oceanis 30.1 e il First 44

Ache Benateau punta sull’elettrico  presentando  le sue “barche a vela elettriche” l’Oceanis 30.1 (foto in apertura) e il First 44 al Salone parigino. Due novità che concretizzano la strategia di sviluppo sostenibile di Groupe Beneteau.

Nautica elettrica
Il motore cruise 6.0 pod Torqeedo

Gianguido Girotti, amministratore Delegato della divisione nautica del Groupe Beneteau, spiega: “Nello sviluppo del prodotto, ci concentriamo sulla riduzione dell’impatto ambientale in due aree chiave: materiali compositi e sistemi di propulsione“.

Il Beneteau  First 44 – premiato con il Boat Builder Award –  è dotato di un sistema propulsione Cruise pod Torqeedo 12.0 e batteria 48-5000. Sarà presentato al Salone  insieme all’Oceanis 30.1 spinto da un Cruise pod Torqeedo 6.0 e con due opzioni per il pacco batteria: power 24-3500 e 48-5000.  Soluzioni compatte e che occupano poco spazio nella barca.

Anche Dekphia ed Excess in elettrico

Sempre con Torqeedo ricordiamo la partnership per altri due brand di Groupe Beneteau: Excess  e Delphia con  piattaforma ibrida. In particolare l’Excess 15, alimentato dal saildrive Deep Blue di Torqeedo e poi due modelli 100% elettrici del marchio Delphia: il Delphia 10 e il Delphia 11.

Nautica elettrica
Delphia 11 electric photocredit Phil Manizan

La partnership tra Groupe Beneteau e Torqeedo continua a portare nuove entusiasmanti opportunità nel mercato nautico, ampliando le possibilità  per i diportisti di scegliere barche al 100% prive di emissioni”, ha affermato Fabian Bez, Ceo di Torqeedo GmbH.

Nautica elettrica
Excess15 credit Christophe Launay

Interessanti le parole di  Martin Schemkes, direttore di Delphia specializzato nella crociera fluviale: “Grazie ai nostri partner di Torqeedo Delphia intende essere elettrica al 100% entro il 2024“.

-Iscriviti alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube 

Apri commenti

1 COMMENTO

  1. Io sono un fan dell’elettrico e ho 2 auto elettriche in famiglia, sono anche un velista e sarebbe molto bello avere il motore elettrico anche sulla barca ma l’unica pecca che fa vincere il motore a gasolio rispetto all’elettrico sulla barca è che il motore nautico a gasolio funziona senza elettricita. Se hai un problema in mezzo al mare la prima cosa da fare è accendere il motore, se gli rimane la presa d’aria libera quello non si spegne mai neanche se è completamente sommerso e ti consente di avvicinarti alla terra e nel contempo di azionare le pompe meccaniche per buttare fuori l’acqua in sentina.
    Se hai il motore elettrico e l’acqua di mare entra in contatto con l’elettronica non ti muovi piu e le pompe sono ferme.

    Pero gia adesso in rada coi pannelli solari puoi fare andare frigo e luci senza rumore del generatore a gasolio e quello è un grande plus

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome