Home Alla ricarica Dalla Bei 115 milioni all’Enel per nuove colonnine

Dalla Bei 115 milioni all’Enel per nuove colonnine

0
CONDIVIDI
Francesco Starace, numero uno del gruppo Enel.

La Banca europea per gli investimenti (Bei) finanzia il piano Enel di installazione di circa 14.000 colonnine di ricarica in tutta Italia nei prossimi cinque anni.

Entro due anni 7 mila punti di ricarica

L’accordo è stato siglato a Roma il 27 luglio 2018 tra la Bei ed Enel X Mobility controllata di Enel X, l’unità del Gruppo Enel dedicata allo sviluppo di prodotti innovativi e soluzioni digitali. Prevede un finanziamento complessivo di 115 milioni di euro della durata di 10 anni, garantito da Enel Spa, di cui 50 milioni di euro gia’ perfezionati. Per la Bei, che sosterrà circa il 50% dell’investimento complessivo di Enel X Mobility, “l’operazione rientra in uno dei principali filoni di attività: il finanziamento di progetti di contrasto al cambiamento climatico nei settori dell’innovazione e mobilità sostenibile. Il piano di Enel X punta a dotare il Paese di 7 mila punti di ricarica entro il 2020, fino ad arrivare a 14 mila entro la fine del 2022, investendo circa 300 milioni di euro. Parole a cui hanno fatto eco quelle di Francesco Starace, numero uno del gruppo Enel: “Siamo fortemente impegnati a dare all’Italia un contributo decisivo all’evoluzione di un sistema di mobilità sostenibile. Il nostro piano è ambizioso ed è importante avere la Bei al nostro fianco. Realizzeremo una infrastruttura capillare e tecnologicamente avanzata, che contribuirà ad aumentare il numero di vetture elettriche in circolazione in Italia. E porterà grandi benefici per l’ambiente, il sistema economico, le imprese e i cittadini. Migliorandone la vita quotidiana e le abitudini di spostamenti e consumi“.

Colonnina Enel

Ricariche Quick (22 kWh), Fast (50) e Ultra Fast (150)

La rete capillare di ricarica di Enel X, ricorda una nota, sarà composta da colonnine Quick (22 kW) nelle aree urbane e Fast (50 kW) e Ultra Fast (oltre 150 kW), per la ricarica veloce, in quelle extraurbane. Oltre il 60% dei punti di ricarica verra’ installato nelle grandi aree metropolitane e nelle altre città. La restante parte garantirà una prima copertura nazionale, per garantire gli spostamenti di medio e lungo raggio, nelle zone extraurbane e sulle strade a lunga percorrenza. Tutto secondo un piano annunciato già nel novembre scorso a Vallelunga. “Con Enel abbiamo un lunga tradizione di attività, sempre con attenzione ai temi ambientali e rivolta a massimizzare i benefici finali per famiglie e Pmi. Dopo le operazioni per la modernizzazione delle centrali o l’impegno da 1 miliardo per l’installazione di 41 milioni di nuovi contatori digitali, siamo ora particolarmente soddisfatti di sostenere questo progetto. L’auto elettrica contribuirà a migliorare la vita della popolazione in termini di minor inquinamento atmosferico e acustico“, ha poi sottolineato Dario Scannapieco, vice-presidente della Bei.

Leggi il comunicato ufficiale Bei-Enel.