Home Tecnologia & Industria Batterie cinesi CATL: la fabbrica in Germania si fa già

Batterie cinesi CATL: la fabbrica in Germania si fa già

1
CONDIVIDI
Batterie cinesi CATL a Erfurt
La cerimonia con la posa della prima pietra a Erfurt con i top manager CATL dotati di badile.

Batterie cinesi CATL: la fabbrica in Germania non è più un vago progetto. A sole due settimane dalle prime autorizzazioni, i top manager del gruppo armati di piccone hanno dissodato simbolicamente il terreno e posato la prima pietra.

Batterie cinesi CATL = 2 mila posti di lavoro tedeschi

Piove sul bagnato in Germania. Nel Paese che per decenni ha dettato legge nell’automotive, con milioni di posti di lavoro, ora si concentrano anche gli investimenti sulla mobilità elettrica. La fabbrica di CATL, il leader mondiale nella produzione di batterie al litio per veicoli, si fa a Erfurt, capoluogo del Land della Turingia. Creerà a regime 2 mila posti di lavoro, con l’obiettivo di iniziare la produzione nei primissimi mesi del 2022.

Batterie cinesi CATL
La produzione di batterie in una fabbrica CATL in Cina.

L’investimento è di un miliardo e 800 mila euro, una manna per l’economia locale, come sottolinea il ministro dell’Economia della Turingia Wolfgang Tiefensee: “Sotto molti punti di vista questo progetto ha delle prospettive superlative“. Tiefensee corteggiava CATL dal 2017, anno in cui i manager del gruppo cinese fecero i primi sopralluoghi in Europa. Per convincerli sono stati decisivi due aspetti: l’esistenza di una buona rete di infrastrutture e la vicinanza con le principali fabbriche dei grandi costruttori tedeschi.

Un’azienda fondata solo 8 anni fa

Secondo quanto riporta il sito tedesco Electrive (qui l’articolo), la capacità produttiva sarà inizialmente di batterie per 14 GWh, per poi salire a 24 GWh. Con un impegno di CATL a investire pesantemente in ricerca&sviluppo, controllo qualità e servizi di alta qualità. Facendo della fabbrica nel sito industriale Erfurt Kreuz un’eccellenza anche tecnologica. Il Land farà la sua parte partecipando all’investimento iniziale. In realtà una prima produzione di CATL a Erfurt inizierà già nel 2020. I cinesi hanno acquistato anche lo stabilimento, già parzialmente attrezzato di un’azienda in difficoltà, la SolarWorld. Qui lavoreranno circa 200 addetti.

Batterie cinesi CATL
Un’altra immagine della produzione di celle per le batterie CATL.

La storia di CATL (Contemporary Amperex Technology Ltd, qui il sito ufficiale) la dice lunga sulla velocità a cui corre la Cina. È stata fondata nel 2011 come spin-off di TDK, l’azienda che fornisce le batterie ai grandi produttori di telefonini, tra cui la Apple. L’anno scorso ha raccolto in Borsa un miliardo di dollari con cui consolidare il suo status di leader mondiale. E in Cina è impegnata nella costruzione di un nuovo impianto da 24 GWh a Nindge. Il responsabile tecnico è un manager occidentale, Bob Gaylen, considerato un’autorità a livello mondiale nel campo delle batterie. Le batterie cinesi CATL fornisce i maggiori gruppi europei dell’automotive, come Renault, BMW, Volkswagen, Daimler-Mercedes , Volvo e la stessa Bosch.

1 COMMENTO

  1. Noi In Italia Andiamo a Prendere i Clandestini in Africa e Chiudono le Fabbriche Nostre e Dei Stranieri, In Germania le Loro Fabbriche Non Chiudono e Gli Arrivano i Stranieri Con Le Borse Piene Di Soldi e Aprono le Fabbriche. Povera Italia

Comments are closed.