Home Nautica Bagoù, catamarano elettrico da 65 mila euro

Bagoù, catamarano elettrico da 65 mila euro

2
CONDIVIDI
Bagoù in acqua

Navigare su Bagoù 7.0 è come accomodarsi in un salotto galleggiante  accompagnati dal suono dell’acqua e a zero emissioni. Un catamarano elettrico comodo ma potente se montate 2 motori Torqeedo da 50 kW, con un ‘autonomia da 100 km. A partire da 65 mila euro.

Bagoù con tanto spazio
Bagoù, il catamarano elettrico che porta 10 passeggeri

Bagoù 7.0 è stato ideato e concepito a Lorient, la capitale bretone dei navigatori oceanici, ma il catamarano elettrico è pensato per la navigazione fluviale, quindi in particolare per il noleggio, e la navigazione sotto costa. Può ospitare _ dipende se omologato in categoria C o D _  dai 10 ai 12 passeggeri grazie ad una progettazione orientata a liberare spazio. La scelta del compensato epossidico garantisce solo 850 kg di peso. Ciò permette di aumentare autonomia e velocità.

Produzione artigianale ma in serie

L’armatore di Bagoù è Jérôme Clément. E’ un imprenditore che unisce le sue competenze nel settore dell’energia –  è direttore di una compagnia elettrica a Lorient – a quelle nautiche: vanta il progetto e la costruzione di un catamarano e di un trimarano. Ora la svolta: produrre catamarani elettrici in serie. Insieme ad un professionista come l’architetto navale Julien Marin.

Carena da barca da corsa oceanica

A Lorient si allenano i navigatori oceanici – qui vengono a fare palestra anche i solitari italiani – e c’è una tradizione di barche da corsa: leggere e veloci perché competono nelle più importanti regate oceaniche internazionali. Un elemento che ha influenzato la costruzione di Bagoù, per esempio la carena è pensata per ridurre al minimo la resistenza dell’acqua.

Motori Torqeedo da 2 a 50 kW per Bagoù 

Bagou Boats in acqua
Qui si vedono i due motori elettrici gemelli Torqeedo

Vediamo numeri e misure del catamarano di Lorient: lungo 7,35 metri e largo 2,77. Per la propulsione elettrica i costruttori offrono un’ampia scelta con due Torqeedo Cruise gemelli. Si parte dai 2 kW ma si può scegliere la coppia da 6 e 10 kW per arrivare ai 50 del modello Deep Blue. Chiaro che la velocità cambia notevolmente, ma lo scafo è ottimizzato per andare dai 5 ai 18 nodi. Per le batterie son due le proposte: da 10KW/h a 60KW/h. Secondo Clément con una velocità da crociera da 6/7 nodi si va dai 50 ai 100 km di autonomia a seconda che si scelga il primo o il secondo pacco batteria. A bordo anche un piccolo pannello solare per garantire stabilità alle batterie.

Quanto costa Bagoù? Dai 65 ai 90 mila euro

Una panoramica di Bagoù Boats
Una panoramica di Bagoù Boats

Per il governo di motore elettrico e batteria – in funzione soprattutto del controllo dell’autonomia – vi è una ricca dotazione tecnologica. Un punto di forza per i costruttori di questa piattaforma è l’ampia possibilità di personalizzazione. Xavier Petitcolin, responsabile del marketing di Bagoù, ha sottolineato “Ci consente di adattarla a diverse architetture. Per esempio la versione con la cabina chiusa o quella su misura per un centro immersioni “. Il target principale però sembra quello delle escursioni turistiche. L’alta customizzazione si riflette sulla variabilità del prezzo: dai 65 ai 90 mila euro. Qui il link al sito del cantiere.

500  miglia, con 700 litri di carburante in meno

Finora il primo modello ha navigato  per 500 miglia nautiche (925 km) tra Lorient e La Rochelle che avrebbero bisogno di più di 700 litri di carburante su una barca equivalente a motore termico. Per uso da lavoro, tipo turismo, c’è un buon risparmio economico ed ecologico.

LEGGI ANCHE: Pogo 30, si naviga in elettrico con la barca bretone

2 COMMENTI

  1. Una vasca da bagno…
    L’articolo sembra scritto da chi il mare non l’abbia mai visto…
    La carena è studiata per opporre meno resistenza possibile…

  2. Gentile Giovanni occupandomi della comunicazione di uno dei pochi navigatori oceanici solitari italiani sul mare ci sono andato su barche che hanno superato onde oceaniche. Quindi inn condizioni molte estreme e su barche disegnate da architetti navali come Sam Manuard che ha firmato le barche da corsa a cui ho fatto riferimento. Lei su quali barche ha navigato? pensata per ridurre al minimo la resistenza dell’acqua e quindi cosa non va?
    Riprendo poi quello che ha scritto Jérôme Clément sull’ispirazione alle barche oceaniche
    Inspiré de la course
    Inspiré directement des multicoques de course au large moderne, Bagoù Boats propose une nouvelle façon d’envisager le bateau.
    Les deux coques à l’étrave inversé fendent les flots avec une grande aisance, grâce à leur particulière finesse et permettent ainsi de naviguer avec une puissance moteur limitée permettant à Bagoù 7.0 d’offrir un large panel de motorisations électriques et pouvant ainsi être utilisé par tous, avec ou sans permis.

Comments are closed.