Home Auto Autonomia in calo nella mia 500, aiuto… / Vaielettrico risponde

Autonomia in calo nella mia 500, aiuto… / Vaielettrico risponde

35
CONDIVIDI
La 500 elettrica: in Italia ne sono state vendute 8.919 nei primi 10 mesi del 2021.

Autonomia in calo nella mia 500, ci scrive allarmato Alberto, un lettore. E Giorgio chiede come mai la Fiat ha un solo modello elettrico a listino. Vaielettrico risponde. Ricordiamo che i vostri quesiti vanno inviati a info@vaielettrico.it

autonomia in calo

Autonomia in calo da 300 a 260 km in pochi mesi: “Mi devo preoccupare?”

“Ho acquistato in luglio 2021 la 500 full elettrica. Sul display dell’auto compariva carica al 100% km 300, da due settimane a questa parte ore a ricarica completa 100% i km disponibili sono 260. mi sto preoccupando visto che l’auto è nuova, mi chiedo se è già iniziato il decadimento delle batterie????? Sottolineo che ho usato le colonnine per ricaricare totalmente solo 5 volte ed a distanza di 2 settimane da ogni ricarica veloce, da quando mi è stata consegnata. E che uso invece la presa collegata alla presa normale del garage con ricarica molto più lenta. Così mi è stato consigliato di fare per evitare stress alla batteria e riduzioni di potenza nel lungo periodo (consiglio di ingegneri dell’azienda energetica dove lavoro). Mi devo preoccupare? grazie per la Vs cortese risposta“. Alberto.

autonomia in calo

In inverno è un calo normale, niente panico

Risposta. Chi vende un’auto elettrica, 500 o Tesla che sia, dovrebbe informare i clienti che le batterie non hanno la stessa resa in estate e in inverno. Per doverosa trasparenza e anche per evitare che acquirenti come Alberto vivano con comprensibile preoccupazione l’ondeggiare del numero di km scritto sull’indovinometro. Ovvero sul display che ci segnala quanto carica e quanta autonomia abbiamo. Prendiamo per esempio un’elettrica popolare come la Renault Zoe: è la Casa stessa sul sito ufficiale a informare come cambia l’autonomia a seconda di velocità e, appunto, temperatura. Scopriamo così che a una velocità da città (50 km/h) la percorrenza con un “pieno” passa da 377 km a 328 km, se il termometro scende da 20° a. Temperatura, quest’ultima, che si riscontra la mattina in molte parti d’Italia. È un calo del 13%, in linea con quello che registra il nostro lettore sulla 500. Nulla di strano, dunque, escludiamo decadimenti delle batterie così rapido in pochi mesi, tanto più con le cautele nelle ricariche raccontate da Alberto.

autonomia in calo

Perché la Fiat di elettrico ha solo la 500?

“Come mai la FIAT ha in listino solo la 500, mentre molti altri costruttori sfornano un modello elettrico dietro l’altro?. Giorgio Gubian.

autonomia in caloRisposta. Per almeno due motivi. Il primo è che l’ex n.1 della Casa torinese, Sergio Marchionne (poi scomparso) ha a lungo avversato l’elettrico, bloccando qualsiasi progetto. Il secondo è che anche negli ultimi anni c’è stato un certo immobilismo in attesa che si concludesse la fusione tra PSA e FCA. Ora che l’operazione si è fatta, ed è nata Stellantis, il capo della marca Olivier Francois dice che entro pochi anni la Fiat farà solo macchine elettriche  Da quando? Da quando il prezzo delle EV sarà allineato  a quello delle auto a benzina, in un arco di tempo compreso tra 2025 e 2030. A breve, comunque, non c’è nessuna elettrico Fiat in arrivo, almeno fino a tutto il 2024, secondo quanto comunicato dalla stessa Stellantis.

Apri commenti

35 COMMENTI

  1. Anch’io con la mia Mokka ho notato un aumento dei consumi, visto che in estate viaggiavo a 11kw/100 km, mentre adesso sono a 12.5…quindi tranquillo è tutto normale.Certo,vorrò vedere cosa succede con temperature sottozero….

  2. Non ho una elettrica ma una plug in dal 30.04 scorso. D’estate media 70 km, da inizio freddo autunnale 60 km. Meno 15%. Temo che se farà ancora più freddo a dicembre e gennaio ci sarà un ulteriore decadimento. Tutto sommato mi sembra che le auto bev e phev adottino una tecnologia poco “matura”. Nei commenti degli utilizzatori di auto elettriche spesso tutto risulta perfetto a patto di sapersi organizzare. Che tradotto vuol dire mettersi a servizio dell’auto quando dovrebbe essere il contrario. Due esempi sul mio utilizzo della phev questa estate: giro a Jesolo, colonnine tutte occupate e relativa arrabbiatura. Vacanza a Merano e colonnina a 1 km da albergo e quindi due passeggiate non desiderate. Questa sera poi sono rimasto abbastanza allucinato. Di ritorno da serata con amici, vado a recuperare la mia macchina in parcheggio. Nel posto con la colonnina, una Peugeot 2008 plug in. Butto l’occhio e dentro c’è il proprietario che dorme in macchina come un barbone al freddo. Se questa è l’organizzazione a cui costringono le elettriche… 😑

    • Dai no per li momento non ho visto ancora scene del genere, comunque mi è capitato con le termiche di vedere qualcuno che dorme in auto 🤣.
      A parte gli scherzi non sei tu al servizio del auto, ma è sempre il contrario, l’elettrica al momento è uno scalino più alto rispetto alle metano, perché ci sono molte più colonnine che pompe di metano, qui da noi un pompa nel raggio di 30km di colonnine una dieci a nel raggio di 15km , è da organizzare il viaggio solo se superi l’autonomia dell’auto altrimenti il problema non sussiste, e unico dato che ho imparato a guardare è che dove vado ci sia il propietario che anche se non ha colonnine mi dia a disposizione una presa, sicuramente tra qualche anno la quasi totalità dei ristoranti e degli alberi avrà più di una presa perché è un incentivo per chi ha un EV poi secondo me gli esercizi pubblici finiranno per adottare un punto di ricarica.
      Purtroppo in Italia siamo sempre il fanalino di coda per tutto 😭 e non dite che non è vero perché è palesemente visibile.

  3. Accipicchia 1100 km con 42 litri fa circa 26km al litro , io non sono mai arrivato sopra i 19 .
    Devi avere proprio un piede di velluto.
    Perfetto per la guida di una elettrica.
    Comunque dopo dieci anni qualunque auto vale praticamente “0” non la vogliono neanche vedere.
    E comunque tra dieci anni la stessa batteria che oggi costa 15k€ , costerà qualche migliaio di €.
    Anche perché costeranno meno anche le auto stesse.
    Chi sostituirebbe un pezzo di ricambio che costa poco meno di un auto nuova??

  4. E tutto questo cosa c’entra con gli incentivi del governo e le batteria da cambiare dopo 2 anni?
    Soliti tuoi discorsi campati per aria.q

  5. Vedo che Alberto punta l’occhio sul indovinometro quindi un dato totalmente sfalsato, ovviamente tutti si dimenticano di dichiarare la perdita reale in inverno, e non sarebbe male chiedere all’autority un test WLTP invernale magari a -10 per tutti così si evitano brutte sorprese, comunque sia io sapevo già il problema perché seguendo il 110% ho ricevuto notizie delle perdite se metto le batterie alle temperature basse, comunque si moltissimi forum è ripetuto molte volte, con test consumi e perdite tra estate e inverno.

  6. Chissà coi -10 di gennaio/febbraio 😱
    a me dispiace molto per chi come in questa situazione ha fatto un acquisto inconsapevole e giustamente va in panico, non oso immaginare l’ansia che non saperlo abbia generato, come minimo si sarà visto dover spendere una fortuna tra due anni per una batteria nuova o robe così…. Per fortuna ora sa che non è così… Ma chissà quanti altri nella stessa situazione non decidono di chiedere info e pensano di essere stati inc***** dal concessionario, dalla pubblicità dell’auto, dal governo che incentiva è passa mesi a parlare male scoraggiando tanti tanti altri che magari erano in dubbio e si affidano all’opinione dei loro conoscenti che han già elettrico
    Dall’altra parte.. Però fa comodo poter capire i limiti e i vantaggi sulla pelle degli altri ora che ci sono auto non top gamma e basta, vedere gli inverni le estati, chi magari nel frattempo la prende anche senza garage etc etc dato che nei prossimi anni ogni costruttore salterà fuori con la sua batteria che dirà essere meglio delle altre, tutte queste esperienze saranno indispensabili per capire effettivamente quali saranno migliori per il nostro stile di vita e necessità

    • Non oso immaginare il terribile dubbio che invece attanaglia chi deve comprare un’auto e pensa a un motore endotermico: “resterò col cerino in mano?”. Mio parere: già in mano non sarebbe male.

      • He he he…. carina questa.
        Ma poi tutti a fare le pulci al maggior consumo invernale delle elettriche, come se una termica con il clima acceso non avesse un maggior consumo. È inutile… non vogliono rassegnarsi, tirando fuori qualsiasi scusa.

        • 😂 😂 😂 Se accendo il clima l’autonomia residua passa da 1250 a 1240.. Soprattutto l’auto termica non consuma di più, ma diminuisce la potenza che arriva alle ruote perché viene presa da alternatore, consuma di più perché te schiacci di più il pedale per avere la stessa velocità, ma quella è una tua scelta, nulla ti vieta di tenere la stessa identica pressione del piede sull’acceleratore e andare a 3km/h in meno, soprattutto visto che gli elettromaniaci reputano andare sempre molto sotto il limite per contenere i consumi… Ora perché è sbagliato farlo col termico?

          • Prima facevi 1100km con un pieno, ora 1250. Hai finito il rodaggio?
            Il clima sulla tua auto funziona con i 12V prodotti dall’alternatore? Ma pensa, ero convinto che fosse collegato al motore tramite la cinghia servizi.
            Quante cose nuove si imparano da te.
            Se non l’hai ancora capito, la frase di prima era ironica.

          • L’autonomia dichiarata dal computer di bordo è falsata di circa 100/120km in positivo, appena entra la riserva spariscono cento km(Renault maledetta che non fixa il problema dal 2014)
            E 1100 non è il massimo che riesco a fare, il record è stato 1205,ma non guido quasi mai rilassato così per tutti quei km, basta un paio di giorni a guidare di fretta che ecco fatto i 1100
            Però almeno perdo meno del 10% rispetto al dichiarato da indovinometro, una volta che hai fatto 3 pieni hai capito come si comporta l’auto nelle stime, che sia elettrica o termica conta poco facendo esperienza empirica, a me sorprende molto che chi la ha da sei mesi ancora non abbia intuito come viene gestita l’autonomia stimata, c’è tanta gente più brava di me a fare reverse engineering alla fine

          • L’altrrnatore non ha niente a che vedere col clima, se non per far girare la ventola del condensatore quando si viaggia a bassa velocità, e comunque si tratta di una potenza ben inferiore a quella assorbita dal compressore (quello sì serve per il climatizzatore)

      • Il termico almeno sei tranquillo di non fare early adopters e beta tester assieme più che altro
        È soprattutto perché mai dovremmo cambiare auto se la attuale va ancora benissimo finché invecchia? O se per sbaglio devo per forza cambiarla piuttosto che rischiare con mezzi alla loro prima esperienza un usato da poco da tirare quei due o tre anni almeno per dare tempo all’uscita di elettriche fatte con più criterio. Non parlo di auto e basta, se vogliamo far un esempio sulla seconda cosa più cara agli italiani (l’auto ovviamente è al primo posto), la tv! Puoi aver comprato il primo pannello LCD, led, oled, micro led, nanoled, sei all’avanguardia hai la cosa migliore che c’è… Ma i problemi della tua nuova tech non li conosci e così… TV da 10k euro dopo 3 anni hanno burn in, pixel bruciati, colori alterati dal calore… La cosa più bella? Due anni dopo la stessa tech la trovi sulle tv da 500€ e con anche i problemi ampiamente mitigati o risolti..
        Se devo scegliere farò (e ho fatto) da beta tester per un cellulare, un componente del pc, ma onestamente farlo su cifre che superano il migliaio di euro anche no … Figuriamoci con costi dai 20k a salire…per carità son contento se lo fanno altri, tutti dati in più per rendere commerciale una tecnologia in futuro

      • Questa storia del cerino in mano l’ho già sentita più volte. Ma secondo te un’auto elettrica la cui garanzia sulla batteria scade dopo 8 anni (quando va bene) e la cui sostituzione costa tra le 15000 e le 20000 euro, quando un proprietario proverà a rivenderla, appunto, tra 7/8 anni, quanta gente troverà disponibile a comprarsela? Altro che cerino…hai in mano una candelotto di dinamite!

        • Con la differenza enorme che anche tu dopo 160k km non sarai così contento di usarla, sentirai sempre la necessità di cambiarla, perché se è vero che ti garantiscono il 70% almeno dopo quei km o anni, nessuno dice che il degrado aumenta di velocità con più si va avanti, se oggi un’auto dopo i 5 anni di garanzia del costruttore, comodo vai avanti altri 7 o 8 senza pensieri, si è vero avrò speso almeno mille euro in più in tagliandi dopo una decina di anni.. Ma è sempre meno della batteria nuova.. Manco i benzina pacco ora cambi il motore dopo 150k km (e ti costa comunque meno di una batteria)
          Non mi stupisce che Renault si fa sfoggio di voler continuare a usare le batterie con attuale tecnologia per essere “povero friendly”, perché sicuramente è vero che le batterie caleranno sensibilmente andando avanti con gli anni ma… Essere sicuri che tutte quelle che vendi tra i 5 e 8 anni verranno da te per sostituirla e quindi un’altra vendita, perché salvo batterie nate difettato tutte avranno appena più del 70% a fine garanzia, magari vai avanti ancora un 30/40k km scendendo ancora del 10%…poi che fai? Non è un cellulare che se dopo 3 anni ha metà della durata ti porti dietro un powerbank da 10€ e risolvi (o paghi 10€ su aliexpress e la cambi tu).
          Obsolescenza programmata come non ci fosse un domani, in perfetta scuola samsung ed Apple

          • In realtà il calo di capacità maggiore si ha nei primi 5000km, poi la perdita di capacità rallenta, fino a diventare quasi nulla, se la gestione termica della batteria è fatta in modo adeguato, con raffreddamento a liquido. Può essere però ridotta la massima velocità di carica superata una certa soglia di kwh di ricariche fast. Su Youtube puoi trovare un video di Bjorn Nyland sulla prova della sua Model S del 2012, la cui batteria ha 260k km (la macchina ne ha 360k, perchè la batteria era stata sostituita 8n garanzia ad 80k, per un difetto dei primissimi pacchi prodotti). La batteria a 260k km ha perso circa 11% della sua capacità.

          • No, proprio no. Di cambi batterie se ne fanno pochissimi, perché dopo la garanzia (8 anni in genere), il pacco ha ancora più dell’80% dell’autonomia iniziale. Quindi è un buon veicolo da acquistare come usato. Esistono sistemi che permettono di leggere lo stato di salute reale della batteria e sono stati più volte spiegati su questo sito. Quindi, nessuna ansia.
            Viceversa, quante auto termiche vengono vendute con i più svariati problemi di meccanica e devi sperare che non sia quella che compri te? Parlo di usato.
            Cambieremo (necessariamente) abitudini anche sull’usato

        • Se la venderò un concessionario darà cmq garanzia di un anno anche sulle batterie come adesso c’è se compri un usato: poi se compri direttamente da un privato chi ti dice che non sbielli dopo 100km?

          E’ esattamente la stessa cosa.

          • Bravo sono esattamente la stessa cosa. Forse cambiare un motore termico costa un po’ meno di 20000 euro, ma facciamo che costi uguale. Il discorso mio è che dopo 8 anni che hai una elettrica o una termica il cerino in mano ce l’hai comunque. L’elettrico al momento non da nessun vantaggio nemmeno dal punto di vista ecologico visto che in Italia il 70 percento dell’elettricità è prodotta bruciando gas, petrolio o carbone e in più ha anche il problema dello smaltimento batteria che tutti dicono di aver risolto ma nessuno dice come…e nel frattempo vai di gigafactory che il solo nome mi fa rabbrividire!

          • Si, ti darà garanzia di un anno (se la compri direttamente dalla casa ma non nei concessionari piccoli) ma bisogna vedere a che % te la danno e soprattutto se te la danno anche sulla batteria, è se devo pensare che una VW o chi per essa, faccia le cose a favore mio anziché del loro bilancio… Sono più propenso a pensare che faranno quello che gli fa comodo, avranno già messo in preventivo che le primissime auto che fanno avranno un limitato mercato dell’usato, tra 5 anni le elettriche attuali saranno obsolete quanto un iPhone 6..se lo prendi è per disperazione che non trovi alto per quello che hai in tasca

          • @alessandro beh si ma in parte, il mix energetico è leggermente più a favore rinnovabili in Italia attorno al 40%, ma non è tanto quello il punto.
            Già anche facendo finta che l’inquinamento termica e elettrica sia lo stesso nel suo totale dalla estrazione dei minerali all’utilizzo, avremmo subito due vantaggi enormi, spostare la co2 e inquinanti vari al di fuori della città e da subito un miglioramento della qualità locale, in termini di pianeta no ma è cmq qualcosa, più si va a sommare un drastico calo dell’inquinamento acustico nelle città e lungo strade provinciali, oramai siamo abituati ma il caos ha effetti devastanti quasi quanto l’inquinamento per l’essere umano.

            Le batterie oggettivamente sono un non problema, oggi non ci sono abbastanza batterie dismesse per farci quello che dovranno fare appena inizieranno ad usarle come accumulo per le rinnovabili o sotto le colonnine ultra fast, almeno c’è da aspettare che inizino a dismettere quelle sulle auto in circolazione ora.
            Successivamente nelle batterie ci sono solo elementi molto costosi e rari, tanto che una delle idee della Ue è di rendersi indipendenti sul lungo termine proprio col riciclo, una volta che le batterie entrano in Europa dobbiamo fare tutto il possibile per riciclare tutto qua e poter usare le materie prime anziché dipendere dalla Cina che ha quasi tutte le riserve di terre rare.

            L’inquinamento ad oggi è l’unico vero vantaggio delle elettriche, data la forte spinta dell’opinione pubblica c’è chi è già disposto oggi a perdere qualche comodità e vantaggio che aveva col termico per avere quel vantaggio ambientale, infatti il singolo privato è più disposto al sacrificio personale in favore di una causa superiore, al contrario le aziende che guardano solo il fatturato saranno enormemente meno inclini a spendere denaro per essere poi soggetta a più costi, pensiamo solo al mondo del trasporto a medio lungo raggio… Le ore di ricarica sono costi applicati poi alla merce in negozio (circa il 70% dei costi oggi sono dovuti a logistica e strasporto) e al camionista è difficile dire vabbe ti mangi un panino ogni 4 ore così ricarichi… Perché i tempi di pacchi di batterie da 400w a salire non sono gli stessi delle auto.. Infatti tutti green i privati ma il trasporto che da solo fa la maggior parte dell’inquinamento su gomma, si vede qualche prototipo adesso, quando oramai son anni che le auto già ci sono

          • Alessandro anche una batteria forse cambiarla costa meno di 20000€, e non la cambi per forza dopo 8 anni tra l’altro.

          • Il motore termico dopo 2 anni non mi dicono che va il 30% in meno… Soprattutto ricordatevi che la batteria sarà anche garantita qualche anno in più (ma cmq 160k km massimo) ma tutto il resto dell’elettronica segue le regole europee di 2 anni dal punto di vista aggiornamenti, ricambi garantiti etc.. La parte meccanica nessun problema, ma se decidono di smettere di fare il chip che usa la tua per uno più efficiente una volta finite quelle poche scorte (dato che le vendite son molto limitate ancora rispetto al termico) i problemi saranno enormi… L’informatica non è come la meccanica che uno con buona manualità ti adatta un pezzo… O va o non va e non esiste mezzo meccanico in Europa che sia anche un firmwareista esperto in grado di modificare codice senza far scattare le protezioni interne, al massimo tra qualche anno ci sarà una cosa simile alla rimappatura delle centraline, ma credetemi, l’era del “l’auto è mia e ci faccio quello che voglio” e finita, già lo vediamo con l’elettronica di bordo pesante dei top gamma Audi BMW etc negli ultimi 5 anni… Un errore e partono migliaia di euro di pezzi sostituiti più o meno con cognizione di causa

          • Le model s che fanno oggi usate avranno senso, la prima model s oggi usata nn la comprerebbe nessuno, uno o due anni fa si non avevi alternative o tesla o tesla come elettrica usata, le altre erano appena uscite e trovare un usato di 6 mesi è un caso più unico che raro
            Qualcuna usata la guardavo tre anni fa, ma avevano autonomie calate enormemente a chiamare i venditori (due ne ho trovate non fan statistica ovviamente) soprattutto avevano kilometraggi assurdi, niente sotto i 200k…una usata con quei km al massimo gli do 6 o 7 mila non 25/30 come chiedevano, eppure qualcuno le ha prese che son sparite qualche mese dopo

    • Spiegami perché dovrebbe pensare di essere stato fregato “dal governo con gli incentivi”. Cosa centra il governo con l’eventuale degrado delle batterie lo sai solo tu.
      Spiegami perché si dovrebbe preoccupare di spendere chissà quanti soldi per cambiare la batteria dopo 2 anni, visto che sono garantite 8 anni.

      • 😂 😂 😂 Le iperbole per te sono una cosa sconosciuta, hai chiaro che era una cosa volutamente idiota da dire perché alle altre non sai come rispondere?
        8 anni o 160k km, se fai tanta strada in 3 anni la hai raggiunta e cosa fai, rischi a tenerla per altri 160k km sperando non muoia completamente? Dai per favore almeno se devi darmi contro argomenta con cose sensate e logiche, se riesci a farlo e mi dimostri di aver ragione te la do senza problemi, ma par di essere al mercato del pesce che uno dice una cosa e gliene rispondono un’altra 😂

        • Ti è già stato risposto, ma vedo che non capisci.
          Se la garanzia è di 8anni o 160000km al 70%, vuol dire che dopo 8 anni ed 1 giorno sono al 20%? O che dopo 161000km sono da buttare? Alla stessa stregua tua, visto che scaduta la garanzia le devi buttare, il motore della tua auto dovrebbe schiantarsi dopo 23 mesi.
          Ah, la garanzia su usato, è di 2 anni, riducibili ad 1 previo consenso tra le parti.
          E la garanzia di 1 anno c’è anche tra privati, a meno di specifica dichiarazione di esclusione.
          Le leggi si leggono, non si inventano.
          Coma la tua Clio che fa più di 1100km con 42 litri di gasolio, viaggiando anche a 130km/h in autostrada. Su una statale a 70km/h farà più di 2000km.
          Fai più di 50000km all’anno? La macchina dopo 4 anni l’hai ammortizzata ed anche scaricata, non sei un lavoratore qualunque.
          Ed il risparmio di carburante puoi quantificarlo in circa 1000€ ogni 10000km.
          Ora ci siamo capiti, oppure dovrò ripeterlo ancora?

      • Cmq se vuoi ti rispondo al perché, c’è gente che cel ha col governo perché capisce così tanto bene la tecnologia che è convinta che l’antenna 5g dialoga col virus covid e gli dice dove andare ad infettare le persone e che la terra è piatta con jhon snow alla frontiera che ci protegge dai mostri…. In questa ottica ti è così difficile immaginare una piccola fetta che se la prende col governo perché da incentivi alle auto elettriche del covid 5g?
        Per citare man in black..
        “Una persona è matura. La gente è un animale ottuso, pauroso e pericoloso, lo sai anche tu. 1500 anni fa tutti sapevano che la terra era il centro dell’universo, cinquecento anni fa tutti sapevano che la terra era piatta, e 15 minuti fa tu sapevi che la gente era sola su questo pianeta… immagina cosa saprai domani…”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome